Psicologia

Pone qui le tue domande agli psicologi...

Psicologia
Psicologia

Medico Risponde - Psicologia

Gravidanza al 5 mese, è possibile abortire?

Salve, ho una domanda... ho scoperto di essere incinta ma fino a un mese fa avevo il ciclo, ma dalle beta risulto essere al 5 mese di gravidanza. Non credo che sia una cosa legale nè fattibile, ma posso indurre il parto o abortire?! Non lavoro e avevo problemi di allergie, ho assunto cortisone e non pensando di essere incinta non ho avuto nessun tipo di accortezza. Grazie

Medico Risponde - Psicologia

Dubbi di autismo sul mio bimbo

Buongiorno,ho dei dubbi sul mio bimbo lui è in cura per una tubolopatia, ma nel frattempo gli hanno notato alcuni comportamenti strani tipo lo sfarfallamento mani e piedi non segue con lo sguardo quando ci si parla sempre e nelle frasi non hanno un senso logico, usa spesso linguaggio non verbale. Mi hanno messo un dubbio di spettro autistico, ma cmq è un bambino affettuoso, abbraccia tutti. Sono confusa e questa notizia mi è stata data proprio nel momento in cui avevamo deciso di pensare ad un altro bimbo. Lei mi può aiutare, davvero sono segni di autismo? La ringrazio!!!

Medico Risponde - Psicologia

19 anni, incinta e non mi sento capita 

Buonasera,ho 19 anni e sono incinta di 15 settimane.Con il mio compagno, assieme al quale convivo da due anni, sono spesso in conflitto a causa di incomprensioni sulla gravidanza, essendo per entrambi una nuova esperienza e forse anche perché siamo un po' tesi, visto che tra 22 giorni ci sposeremo.A volte però lui mi fa stare davvero male: ieri sera eravamo rimasti d'accordo che oggi sarebbe stato con me e domani, prima di andare a fare la spesa sarebbe andato con gli amici... però oggi gli ho chiesto se potesse accompagnarmi a consegnare delle carte in un posto che si trova in un quartiere abbastanza pericoloso e lui mi ha risposto di andarci da sola o di chiedere ad una mia amica perché lui doveva trovarsi con degli amici. Gli ho detto che non posso portarmi dietro un'amica così all'ultimo, oltretutto per cose che riguardano la gravidanza mentre lui si trova con gli amici e che da sola non mi sento sicura poi, visto che lui dice che io vengo prima delle altre cose, gli ho detto che così non mi sembrava affatto...Non ha risposto e siccome era ormai un'ora che aveva il cellulare in mano finché gli parlavo sono scoppiata a piangere perché pareva che di quello che gli stavo dicendo non gli importasse niente e lui mi ha chiesto perché stessi piangendo con tono scocciato.Gli ho spiegato che non mi sentivo considerata dato che era da un'ora che io parlavo e lui continuava ad usare quel cellulare, ma lui mi ha detto che mi stava ascoltando. Gentilmente gli ho chiesto se potesse mettere giù il cellulare, ma le chat, Internet e scaricare musiche erano più importanti... per cui dopo quattro volte che continuavo a chiedergli la stessa cosa cortesemente, sono esplosa. Lui ha detto "a volte vorrei che abortissi perché sei insopportabile".Non c'è frase peggiore da dire a una donna incinta infatti a distanza di ore questa frase mi suona ancora nelle orecchie, si è giustificato dicendo che mi vede agitata e che non ce la faccio più, ma non ha pensato che mi basterebbe un po' di comprensione e collaborazione da parte sua e che in ogni caso quella frase era da evitare. Capisco che con l'arrivo di un bambino sia la mamma che il papà cambino psicologicamente, capisco che lui abbia paura di non essere un bravo padre, come mi ha detto, ma anche io ho delle paure tra cui l'andamento della gravidanza, il parto, essere mamma... però nonostante gli sbalzi ormonali, non mi sono mai permessa di toccare argomenti delicati riguardanti lui.Come potrei fargli capire che come mi sento e le paure che ho sono normali? Ho provato in tutti i modi, anche la ginecologa e l'ostetrica gliel'hanno detto, ma lui pensa che l'abbiano detto solo perché c'ero io e secondo lui non è normale che io sia così sensibile e paurosa.Grazie   

Medico Risponde - Psicologia

Ho sognato di abortire!

Buongiorno, sono incinta di 12 settimane (11+3). Ammetto che fin da quando ho saputo di essere incinta ho subito avuto paura di poter abortire spontaneamente. Un mese e mezzo fa sono iniziati dei problemi con il mio compagno perchè avevamo fatto la richiesta di registrazione all'anagrafe come coppia di fatto per poter avere pressappoco i diritti delle coppie sposate. Aspettavamo l'arrivo del vigile per la verifica, ma per motivi lavorativi lui ha cominciato a tornare a casa solo una volta a settimana, quindi la prima volta che il vigile è arrivato non ha potuto confermare la nostra richiesta. Dopo due giorni comunque il vigile ha trovato in casa anche il mio compagno e ha confermato la nostra dichiarazione.Pochi giorni dopo, circa una settimana fa, tra il mio compagno e i genitori c'è stata una discussione in merito all'alloggio di famiglia nel quale ho lavorato anche io e dove lavorava anche lui fino a quel momento: non contento dello stipendio che prendeva (devo ammettere con tutta onestà che era veramente basso) e degli orari folli che aveva nell'ultimo periodo, domenica ha scelto di tornare a casa e licenziarsi, quindi ha spento il cellulare per due giorni e i suoi genitori hanno contattato me nella speranza di poter parlare con lui e avere delle spiegazioni peraltro già date. Esasperato dal mio coinvolgimento, lui ha contattato i genitori spiegando che lo stipendio non è sufficiente per mantenere la sua famiglia oltre che non essere un vero e proprio stipendio e quindi ha spiegato che per il suo bene e mio e del bambino dovevano cercare un'altra persona perché lui non sarebbe più andato. Da quel giorno i suoi genitori ce l'hanno a morte, ma lui sembra non fare una piega. Detto questo, una settimana fa circa ho fatto l'ecografia del primo trimestre e la paura di perdere il bambino era diminuita, ma è ritornata come prima dopo il sogno di stanotte: ho sognato di recarmi in bagno e di trovarmi il salvaslip pieno di sangue e di aver abortito. Ho paura sia un sogno premonitore. Secondo Lei è così oppure si tratta della mia paura di perderlo aggiunta a questi giorni di stress per i vari avvenimenti?

Medico Risponde - Psicologia

Come superare gli avvenimenti spiacevoli del passato?

Salve, volevo qualche consiglio per come superare degli avvenimenti spiacenti accaduti nel passato. Sono passati già 4 anni ma non riesco ad andare avanti. Vorrei sapere se c’è qualche terapia per cercare di superare tutto ciò che nella vita ci segna negativamente.Grazie

Medico Risponde - Psicologia

Sto per diventare madre, ma mi sento terribilmente triste

Salve, sono una ragazza di 26 anni e sono alla 35 settimana di gravidanza. È capitata, ed è stata una delle cose più belle che mi siano mai capitate, ma purtroppo tutto quello che mi circonda non mi fa godere a pieno questo magico momento. Il mio compagno ha già una figlia, quindi a maggior ragione sa cosa si prova, ma non mi sta per niente vicino. Pretende da me solo piatti cucinati e vestiti puliti, vuole i suoi svaghi, le sue uscite che si protraggono fino alle 5 del mattino lasciandomi sola, e tornando praticamente ubriaco e spende lo stipendio per queste sue cose, costringendomi a ritardare le visite perché non sa come pagarle. Passa le sue giornate sui Social o in giro. I miei genitori non mi aiutano, non accettano questa persona e di conseguenza hanno "buttato" anche me. La cosa che mi dispiace di più è che sto trasmettendo questa profonda tristezza e sofferenza al mio bambino…

Medico Risponde - Psicologia

"Si può superare il dolore di un aborto?"

Buongiorno dottoressa,mi chiamo Daniela, ho 36 anni, da tre provo ad avere un bambino, nell'ultimo anno ne ho persi 3/4.Ho fatto tre raschiamenti, e 1 gravidanza extrauterina che si è conclusa con il ciclo.Che io sappia, il primo non conosco il motivo, ma probabilmente in quel periodo lavoravo troppo, ero stravolta e avrei dovuto fermarmi, ma ho sottovalutato la cosa ed è andata malissimo.Il secondo l'ho perso perchè l'ovulo è stato fecondato da 2 spermatozoi e aveva il doppio dei cromosomi (caso rarissimo, a quanto pare), il terzo il ginecologo mi ha detto che l'embrione probabilmente era vecchio (l'età)... panico!!!!!!!!!Ho sempre cercato di reagire dandomi speranza da sola, dal momento che tutti gli esami di coppia vanno bene e non ci sono problemi.Ci stiamo riprovando, ma non rimango incinta di nuovo... ho mollato il lavoro per essere più tranquilla, mi sono iscritta a nuoto per rimettermi in forma, ma la mia testa è sempre lì, il primo pensiero della giornata e l'ultimo... ma adesso sto crollando, piango spesso, in continuazione, quando non mi vede nessuno, appena sitocca l'argomento, o solo mi basta vedere una pubblicità per neonati... e ogni volta che esco e vedo un bambino mi assale il magone.Sto perdendo interesse per tutto, non ho voglia di niente... non nego di aver pensato a… a cose peggiori… sono disperata… non riesco a farmene una ragione... mi sento inutile e mi sembra che la mia vita sia inutile.Inizialmente la fede in Dio mi ha aiutata, poi l'ho persa... e adesso non lo so, non so più a cosa aggrapparmi, prego in continuazione…Siamo una coppia unita e ci amiamo, ma stiamo vivendo entrambi momenti difficilissimi... l'unica cosa che so che mi potrebbe tirar fuori da tutto ciò ha una sola risposta: un bambino! Ma se non dovesse accadere ... mi sembra di impazzire dal dolore e dalla disperazione, so che bisogna metabolizzare il lutto prenatale, ma stoimpazzendo dal dolore... aiuto...Come uscirne?! Non posso prendere farmaci perchè sto provando a rimanere incinta... forse è solo uno sfogo, forse ho bisogno di sentire delle parole da una persona competente e preparata che mi dia un consiglio o una parola di conforto.La ringrazio per l'attenzione.Cordiali saluti

Medico Risponde - Psicologia

"Ho paura di perdere il bambino"

Buonasera,ho bisogno di consigli, rassicurazioni e conforto! La verità è che ho paura, tre anni fa ho perso un bimbo a tre mesi perche bradicardico, da circa 5 settimane ora, a 33 anni ho scoperto di aspettare nuovamente. Le beta sono arrivate a 5 mila, ho fatto la visita e l’embrione si è impiantato bene nell’utero.Il problema è che soffro per tanti traumi di depressione maggiore, bipolarismo e attacchi di panico. Prendo farmaci da 11 anni. A volte ho periodi in cui sto bene altri... beh lasciamo stare.La mia terapia attuale è di Depakin crono 700 mg al giorno, Cymbalta 60 mg, Xanax 3 volte al giorno 20 gocce e Rivotril 5 gocce al giorno. Da quando ho finito la visita sono caduta nello sconforto totale, il ginecologo mi ha detto che appena entrerò nell’embrionesi dovrò sospendere o sostituire i farmaci, perché o la gravidanza va avanti o si ferma!Purtroppo tutti si aspettano che starò bene e che non mi succederà nulla ma io ed il mio neurologo sappiamo che una paziente con la mia patologia alla quale viene tolta la terapia può cadere facilmente.Io mi sento uno straccio, ho paura, già mi sta riprendendo l’ansia, voglio questo figlio ma non voglio essere la causa anche della morte di questo. Non so che fare, mi piacerebbe essere forte, ma se non ho smesso i farmaci in 11 anni come potrò farlo ora? C’è qualcuna nella mia situazione o che prende questi farmaci?Grazie

Medico Risponde - Psicologia

Ho perso il mio bambino all'8° mese, come farò a superarlo?!?

Salve,purtroppo a fine gennaio ho perso il mio bambino all'8°mese di gravidanza e da allora ho paura di uscire, ho paura di non riuscire ad avere mai più un bambino, ho paura praticamente di tutto… sono diventata ipocondriaca.Ancora non so bene le cause perchè stiamo aspettando l'esame autoptico, si sospetta strangolamento, ma è come se io fossi uscita dal mio corpo, come se non avessi vissuto io questa tragedia. Sono felice sul serio quando vedo le altre mamme con i bimbi, però mi chiedo perchè a me?!? Come farò a superarlo?!? E se è dipeso da me?!! Come posso liberare la mia mente?

Medico Risponde - Psicologia

Come capire di essere pronta ad un secondo figlio?

Buongiorno, ho una bimba di 18 mesi. È fantastica ma con un "piccolo" difetto: non si "spegne"mai. Di giorno dorme un oretta quando va bene e di notte è ancora un continuo risveglio (spesso alle 4 non ne vuole più sapere). Il pediatra mi ha confermato che sta bene, è solo fatta così, da sempre. Detto questo, ci sono dei giorni che torno a desiderare un altro bimbo e giorni in cui invece Il solo pensiero mi fa star male. Sono circondata da amiche che hanno più di 2 figli e quindi mi chiedo: sono io che affronto la maternità con un atteggiamento sbagliato e la faccio troppo dura? Come farò a capire se sarò davvero in grado di affrontare un secondo figlio? Il post parto mi spaventa.