Esami in gravidanza

Durante le 40 settimane di gravidanza la donna deve effettuare diversi controlli ed esami, volti a valutare il suo stato di salute e quello del feto.

Alcuni esami sono di routine e vengono prescritti a tutte le donne a prescindere dall’età. Altri invece sono esami di diagnosi volti ad approfondire alcune particolari condizioni.

Tra gli esami previsti in gravidanza, oltre alle ecografie, ci sono i prelievi del sangue e la raccolta delle urine, e in alcuni casi i test genetici, oltre ad analisi specifiche per rilevare la presenza di patologie o di infezioni potenzialmente dannose per il bambino o per la mamma.

Tutto sul tampone rettale in gravidanza: perché, quando e come si fa
L'importanza della prima ecografia in gravidanza: tutto quello che devi sapere
Test genetici preconcezionali: conoscere il proprio DNA per una gravidanza consapevole
D-dimero alto in gravidanza, tutto quello che devi sapere su cause, valori e rischi
Cosa sapere sull'albumina in gravidanza, dall'esame ai valori alti o bassi
Somiglianze del bambino: quali sono i geni che definiscono la morfologia del viso
Cervicometria, il ginecologo spiega quando (e perché) si esegue l'esame
In cosa consiste l'ecografia premorfologica e in quali casi è bene fare l'esame
Macrosomia fetale: eco-screening fondamentale per la prevenzione
Estradiolo: che cos’è e i valori
Translucenza nucale: quando (e perché) fare l’esame
Ecografia 3D e 4D: quali sono i vantaggi
Osso nasale del feto: perché è importante
Transferrina in gravidanza: quando svolgere il test
CPK in gravidanza: quando e perché fare il test
Colinesterasi in gravidanza: quando fare il test
Cortisolo in gravidanza: gli effetti dello stress
Ecografia pelvica: cos'è e quando è indicata
Scintigrafia in gravidanza: più rischi o benefici?
Ultrascreen: una nuova frontiera per i test di screening
Hai un dubbio e vorresti un consiglio su Esami in gravidanza?

Anonimo

chiede:

Anonimo

chiede:
risponde

Dott. Michele Falco

Ria

chiede:
risponde

Dott. Michele Falco