featured image

Il calendario della gravidanza settimana per settimana

Prima Settimana

Hai le mestruazioni.

Se hai preso la fatidica decisione di mettere in cantiere un bebè, prima di procedere è meglio prendere un appuntamento con il tuo ginecologo per eseguire degli esami preconcezionali. Infatti, ci sono condizioni o malattie che, se non conosciute, prevenute o trattate, potrebbero creare problemi in gravidanza, interferendo con il corretto andamento della gestazione e dello sviluppo del feto.

Seconda Settimana

Aspetti di ovulare.

Se hai effettuato gli esami preconcezionali, in questa settimana riceverai l’esito e saprai se nel passato hai contratto la Toxoplasmosi, la Rosolia, il Citomegalovirus o altri virus che potrebbero essere dannosi per lo sviluppo del tuo bebè. Nel caso in cui tu risultassi negativa, dovrai accertarti ogni mese, attraverso gli esami del sangue, di non averle contratte nel corso della gravidanza.

Terza Settimana

Hai ovulato… e il tuo ovulo è stato fecondato. Ora sei incinta!

In questa settimana non avrai particolari esami da eseguire, è una settimana di attesa in vista della successiva, nella quale dovrai sincerarti del tuo stato di gravidanza attraverso un test di gravidanza oppure tramite il dosaggio delle betaHCG

Quarta settimana

Il tuo ovulo attaccato alla parete dell’utero si chiama embrione. Le cellule del tuo embrione cominciano a moltiplicarsi.
Alla fine di questa settimana dovresti effettuare il test di gravidanza, acquistabile in farmacia o nei supermercati, per scoprire se sei incinta o meno. I test di gravidanza si basano sull’individuazione della gonadotropina corionica nelle urine (beta-HCG). Se invece vuoi avere la certezza matematica di essere in dolce attesa e vuoi anche sapere all’incirca di quante settimane sei, potresti fare un prelievo per valutare la presenza dello stesso ormone nel sangue.

Quinta Settimana

Cominciano a formarsi il cuore, il cervello e gli altri organi del tuo embrione.

Durante questa settimana, se hai già fatto visita al tuo ginecologo, probabilmente comincerà a prescriverti gli esami del sangue di routine. Molto probabilmente ti verrà prescritto l’emocromo completo, il test per l’HIV, l’esame delle urine e il gruppo sanguigno. Inoltre saranno richiesti ulteriori esami per controllare il tuo stato di immunità verso la toxoplasmosi, la rosolia e il citomegalovirus. Nel caso in cui dovessi fare anche una ecografia, sappi che potresti visualizzare solo la camera gestazionale ed il sacco vitellino, una sacca piena di liquido che servirà nelle primissime settimane per il nutrimento dell’embrione.

Sesta Settimana

Il cuore del tuo bambino comincia a battere e cominciano a comparire le prime tracce di gambine e braccine.
Alla sesta settimana di gravidanza o al massimo la settimana successiva effettuerai la prima ecografia, che probabilmente sarà una ecografia transvaginale, con la quale potrai quasi sicuramente vedere quel “fagiolino” che diventerà tuo figlio. Se sarai fortunata potrai sentire anche il pulsare del suo cuoricino che batte all’impazzata. In questi giorni potresti dover ripetere il dosaggio delle beta-HCG nel sangue per verificare che stiano crescendo in maniera regolare.

Settima Settimana

Le braccia del tuo bambino cominciano ad allungarsi, e cominciano a formarsi i gomiti e anche la bocca.

Alla settima settimana di gravidanza effettuerai la prima ecografia, che probabilmente sarà una ecografia transvaginale, con la quale potrai quasi sicuramente vedere quel “fagiolino” che diventerà tuo figlio. Se sarai fortunata potrai sentire anche il pulsare del suo cuoricino che batte all’impazzata. In questi giorni potresti dover ripetere il dosaggio delle beta-HCG nel sangue per verificare che stiano crescendo in maniera regolare.

Ottava Settimana

La testa del bambino si sta allargando, diventando più grande rispetto al corpo, e cominciano a formarsi le orecchie e le dita delle mani e dei piedi.

Alla ottava settimana di gravidanza avrai effettuato la prima ecografia, che probabilmente sarà stata una ecografia transvaginale, con la quale avrai quasi sicuramente visto quel “fagiolino” che diventerà tuo figlio. Se sarai stata fortunata, avrai potuto sentire anche il pulsare del suo cuoricino che oramai batte all’impazzata. In questi giorni avrai probabilmente ripetuto il dosaggio delle beta-HCG nel sangue per verificare che stiano crescendo in maniera regolare.

Nona Settimana

Il tuo bambino già si muove, ma probabilmente tu non lo avverti ancora. Si stanno formando le palpebre.

In questa settimana presumibilmente farai i primi esami del sangue che ti ha prescritto il tuo ginecologo. Essi comprenderanno una lunga lista di esami, tra i quali: l’emocromo completo, il gruppo sanguigno, le transaminasi, il toxo-test, ilrubeo-test, il test per l’HIV, il test per la sifilide, il glucosio, l’esame delle urine e il test di Coombs indiretto.

Decima Settimana

Il tuo bambino ora si chiama feto. Le sue braccia e le sue gambe sono più lunghe e flesse e il suo corpo si allunga.

In questa settimana, oltre a fare una lunga lista di esami (l’emocromo completo, il gruppo sanguigno, le transaminasi, il toxo-test, il rubeo-test, il test per l’HIV, iltest per la sifilide, il glucosio, l’esame delle urine e il test di Coombs indiretto), con una ecografia il ginecologo potrà datare la gravidanza e dirti con esattezza ladata presunta del parto.

Undicesima Settimana

Le unghie dei piedi cominciano a formarsi e prendono forma i genitali.

In questa settimana potrai eseguire la prima serie di esami del sangue, se ancora non le hai fatte. Dalla undicesima alla tredicesima settimana potrai anche scegliere se effettuare il Test integrato, uno screening non invasivo per la diagnosi di anomalie cromosomiche del feto, come la Sindrome di Down o la Trisomia del cromosoma 18. Esso si basa su un test combinato tra un esame ecografico ed un prelievo di sangue materno. Durante l’ecografia, detta translucenza nucale, l’operatore misura la plica nucale, ossia la zona compresa fra la cute e la colonna vertebrale del feto, a livello della nuca: maggiore è la misura di questo spazio, maggiore è il rischio di difetti genetici (cromosomopatie).
Sul campione di sangue materno invece si misurano due sostanze, la Free Beta-HCG e PAPP-A, presenti in tutte le gravidanze e riscontrabili in quantità alterata nella maggioranza dei casi che presentano delle anomalie alla nascita.
Per elaborare il rischio specifico per la Sindrome di Down e per la Trisomia 18, i risultati dell’esame del sangue e dell’ecografia vengono combinati statisticamente, fornendo un indice di rischio verso le due malattie.

Dodicesima Settimana

La testa del bambino è ora più rotonda e ha già un profilo. Comincia ad aprire la bocca. Ora è possibile anche ascoltare il battito del suo cuore e i calcetti con un apposito rivelatore.

In questa settimana, oltre agli esami elencati nella settimana precedente, nel caso in cui ci sia una valida indicazione medica, come ad esempio la presenza di anomalie cromosomiche in famiglia, potrai eseguire la Villocentesi. Questo esame consiste nel prelevare una piccolissima parte dei villi coriali (frammenti tessutali della placenta). Questo prelievo serve a determinare se il feto è affetto o meno da anomalie cromosomiche (Sindrome di Down) e per studiare il DNA, alla ricerca di malattie di origine genetiche.

Tredicesima Settimana

Il bambino riesce a deglutire, ha il singhiozzo e fa la pipì. Le dita delle mani e dei piedi si sono formate completamente e comincia a dare i primi calcetti.

In questa settimana, oltre agli esami elencati nella settimana precedente, nel caso in cui ci sia una valida indicazione medica, come ad esempio la presenza di anomalie cromosomiche in famiglia, potrai eseguire la Villocentesi. Questo esame consiste nel prelevare una piccolissima parte dei villi coriali (frammenti tessutali della placenta). Questo prelievo serve a determinare se il feto è affetto o meno da anomalie cromosomiche (Sindrome di Down) e per studiare il DNA, alla ricerca di malattie di origine genetiche.

Quattordicesima Settimana

Gli occhi del bambino si stanno spostando verso la parte più centrale del viso e cominciano a svilupparsi le corde vocali.
Questa è l’ultima settimana utile per poter effettuare il Test integrato, uno screening non invasivo per la diagnosi di anomalie cromosomiche del feto, come laSindrome di Down o la Trisomia del cromosoma 18. Esso si basa su un test combinato tra un esame ecografico (translucenza nucale) ed un prelievo di sangue materno con analisi delle beta-HCG e delle Papp-A. I risultati dell’esame del sangue e dell’ecografia vengono combinati statisticamente fornendo un indice di rischio verso le due malattie.

Quindicesima Settimana

Il bambino succhia il pollice.

Dalla quindicesima alla diciottesima settimana potrai eseguire l’amniocentesi, un esame invasivo che consiste nel prelievo di una piccola quantità di liquido amniotico per individuare alcune anomalie cromosomiche che portano a malattie genetiche come la Sindrome di Down o la Fibrosi cistica. Questo test è consigliato in linea generale alle donne con età superiore ai 35 anni, con malattie genetiche in famiglia o con primo figlio affetto da malattia genetica.

Sedicesima Settimana

Il tuo bimbo comincia a crescere rapidamente e anche il suo battito cardiaco diventa più forte. Cominciano a crescere i capelli, così come anche le ciglia e le sopracciglia.

Dalla quindicesima alla diciassettesima settimana potrai effettuare il Tri-test, un esame biochimico non invasivo finalizzato alla diagnosi di anomalie del feto. Questo esame, oramai caduto in disuso per l’elevato numero di falsi positivi che determina, misura i livelli di tre proteine, l’alfafetoproteina (AFP), l’estriolo libero (uE3) e la gonadotropina corionica umana (HCG); è stato infatti osservato che in caso di sindrome di Down i livelli di AFP e uE3 tendono ad essere più bassi rispetto ai valori medi, mentre i livelli di HCG tendono ad essere più alti. I risultati ottenuti vengono inseriti in un computer che, attraverso un apposito programma li elabora, prendendo in considerazione alcuni parametri come la tua età, il tuo peso corporeo, la settimana di gestazione, la presenza di patologie materne o un’eventuale presenza di gravidanza gemellare. L’elaborazione di tutti questi dati fornisce un numero, che esprime la probabilità che tu possa avere un figlio affetto dallaSindrome di Down.
Dalla quindicesima alla diciottesima settimana potrai eseguire l’amniocentesi, un esame invasivo che consiste nel prelievo di una piccola quantità di liquido amniotico per individuare alcune anomalie cromosomiche che portano a malattie genetiche come la Sindrome di Down o la Fibrosi cistica. Questo test è consigliato in linea generale alle donne con età superiore ai 35 anni, con malattie genetiche in famiglia o con primo figlio affetto da malattia genetica.

Diciassettesima Settimana

Il tuo bimbo ha una maggiore coordinazione e potresti già cominciare a percepirne i movimenti.

Nella diciassettesima settimana di gravidanza potresti eseguire la seconda serie di esami che il tuo ginecologo ti ha prescritto: emocromo, esame urine eurinocoltura, Candida, Chlamydia, Mycoplasma, tampone vaginale per ricercaStreptococco B, test di Coombs indiretto (se RH negativo), Toxoplasmosi,Rosolia, Citomegalovirus se negativi precedentemente, controllo pressione arteriosa e peso corporeo.

Questa è l’ultima settimana in cui potrai fare il Tri-test un esame biochimico non invasivo finalizzato alla diagnosi di anomalie del feto. Questo esame, oramai caduto in disuso per l’elevato numero di falsi positivi che determina, misura i livelli di tre proteine, l’alfafetoproteina (AFP), l’estriolo libero (uE3) e la gonadotropina corionica umana (HCG); è stato infatti osservato che in caso di sindrome di Down i livelli di AFP e uE3 tendono ad essere più bassi rispetto ai valori medi, mentre i livelli di HCG tendono ad essere più alti. I risultati ottenuti vengono inseriti in un computer che, attraverso un apposito programma li elabora, prendendo in considerazione alcuni parametri come la tua età, il tuo peso corporeo, la settimana di gestazione, la presenza di patologie materne o un’eventuale presenza di gravidanza gemellare. L’elaborazione di tutti questi dati fornisce un numero, che esprime la probabilità che tu possa avere un figlio affetto dalla Sindrome di Down.

In questa settimana, inoltre, potrai eseguire l’amniocentesi, un esame invasivo che consiste nel prelievo di una piccola quantità di liquido amniotico per individuare alcune anomalie cromosomiche che portano a malattie genetiche come la Sindrome di Down o la Fibrosi cistica. Questo test è consigliato in linea generale alle donne con età superiore ai 35 anni, con malattie genetiche in famiglia o con primo figlio affetto da malattia genetica.

Diciottesima Settimana

Si sta formando uno strato di grasso sotto la pelle del bambino. Anche le unghie dei piedi cominciano a formarsi.

Entro questa settimana di gravidanza dovresti eseguire la seconda serie di esami che il tuo ginecologo ti ha prescritto: emocromo, esame urine e urinocoltura,Candida, Chlamydia, Mycoplasma, tampone vaginale per ricerca Streptococco B,test di Coombs indiretto (se RH negativo), Toxoplasmosi, Rosolia,Citomegalovirus se negativi precedentemente, controllo pressione arteriosa e peso corporeo.

Questa è l’ultima settimana in cui potrai eseguire l’amniocentesi, un esame invasivo che consiste nel prelievo di una piccola quantità di liquido amniotico per individuare alcune anomalie cromosomiche che portano a malattie genetiche come laSindrome di Down o la Fibrosi cistica. Questo test è consigliato in linea generale alle donne con età superiore ai 35 anni, con malattie genetiche in famiglia o con primo figlio affetto da malattia genetica.

Diciannovesima Settimana

Se non hai ancora sentito calciare il tuo bimbo, potresti cominciare ad avvertirlo durante questa settimana. I capelli continuano a crescere, c’è un notevole sviluppo dei genitali.

Dalla 19 settimana potrai eseguire l’ecografia morfologica, un esame eseguito da un operatore molto esperto, con una strumentazione di elevata tecnologia, finalizzato soprattutto alla diagnosi delle malformazioni fetali.
La si esegue in questo periodo specifico perché il feto è nelle migliori condizioni per essere studiato, in quanto il rapporto fra le dimensioni del feto e la quantità di liquido amniotico è ottimale e perché, secondo la legge, è ancora possibile l’interruzione della gravidanza, se il feto fosse affetto da gravi malformazioni. L’ecografia morfologica prevede la valutazione delle dimensioni del feto (biometria fetale), dell’impianto e della struttura della placenta, della quantità di liquido amniotico, del collo dell’utero, ma fornisce soprattutto uno studio particolareggiato di tutti i distretti anatomici esplorabili nel feto.

Ventesima Settimana

Le orecchie del bimbo sono quasi posizionate lateralmente alla testa. C’è più grasso sotto lo strato cutaneo. Il tuo bimbo comincia a muoversi molto di più.

In questa settimana potrai eseguire l’ecografia morfologica, un esame eseguito da un operatore molto esperto, con una strumentazione di elevata tecnologia, finalizzato soprattutto alla diagnosi delle malformazioni fetali.
La si esegue in questo periodo specifico perché il feto è nelle migliori condizioni per essere studiato, in quanto il rapporto fra le dimensioni del feto e la quantità di liquido amniotico è ottimale e perché, secondo la legge, è ancora possibile l’interruzione della gravidanza, se il feto fosse affetto da gravi malformazioni. L’ecografia morfologica prevede la valutazione delle dimensioni del feto (biometria fetale), dell’impianto e della struttura della placenta, della quantità di liquido amniotico, del collo dell’utero, ma fornisce soprattutto uno studio particolareggiato di tutti i distretti anatomici esplorabili nel feto.

Ventunesima Settimana

Un rivestimento che protegge la pelle da screpolature si sta formando da questa settimana in poi.

In questa settimana potresti eseguire la terza tornata di esami che prevedono l’esame completo delle urine, emocromo, test di Coombs indiretto, toxo-test, test per la Rosolia e Citomegalovirus, controllo pressione arteriosa e peso corporeo.
In questa settimana potrai eseguire l’ecografia morfologica, un esame eseguito da un operatore molto esperto, con una strumentazione di elevata tecnologia, finalizzato soprattutto alla diagnosi delle malformazioni fetali.
La si esegue in questo periodo specifico perché il feto è nelle migliori condizioni per essere studiato, in quanto il rapporto fra le dimensioni del feto e la quantità di liquido amniotico è ottimale e perché, secondo la legge, è ancora possibile l’interruzione della gravidanza, se il feto fosse affetto da gravi malformazioni. L’ecografia morfologica prevede la valutazione delle dimensioni del feto (biometria fetale), dell’impianto e della struttura della placenta, della quantità di liquido amniotico, del collo dell’utero, ma fornisce soprattutto uno studio particolareggiato di tutti i distretti anatomici esplorabili nel feto.

Ventiduesima Settimana

Per la fine di questa settimana la pelle sarà completamente rivestita da un involucro protettivo. Le sopracciglia e le unghie delle dita si stanno sviluppando e i muscoli diventano più forti.

In questa settimana potresti eseguire la terza tornata di esami che prevedono l’esame completo delle urine, emocromo, test di Coombs indiretto, toxo-test, test per la Rosolia e Citomegalovirus, controllo pressione arteriosa e peso corporeo.
In questa settimana potrai eseguire l’ecografia morfologica, un esame eseguito da un operatore molto esperto, con una strumentazione di elevata tecnologia, finalizzato soprattutto alla diagnosi delle malformazioni fetali.
La si esegue in questo periodo specifico perché il feto è nelle migliori condizioni per essere studiato, in quanto il rapporto fra le dimensioni del feto e la quantità di liquido amniotico è ottimale e perché, secondo la legge, è ancora possibile l’interruzione della gravidanza, se il feto fosse affetto da gravi malformazioni. L’ecografia morfologica prevede la valutazione delle dimensioni del feto (biometria fetale), dell’impianto e della struttura della placenta, della quantità di liquido amniotico, del collo dell’utero, ma fornisce soprattutto uno studio particolareggiato di tutti i distretti anatomici esplorabili nel feto.

Ventitreesima Settimana

Le orecchie del tuo bambino cominciano a funzionare.

In questa settimana potresti eseguire la terza tornata di esami che prevedono l’esame completo delle urine, emocromo, test di Coombs indiretto, toxo-test, test per la Rosolia e Citomegalovirus, controllo pressione arteriosa e peso corporeo.

Dalla fine di questa settimana potrebbe essere utile, in presenza di una glicemia elevata o di glucosio nelle urine o di soggetti diabetici in famiglia, eseguire laminicurva da carico di glucosio, che consiste in un prelievo di base (con valutazione della glicemia a digiuno), successiva assunzione di 50 grammi di glucosio diluiti in acqua e secondo prelievo a distanza di un’ora (con valutazione della glicemia). Questo test serve per diagnosticare precocemente uno stato di intolleranza agli zuccheri o il diabete gestazionale per trattarlo opportunamente. La curva breve è alterata quando i valori sono superiori a 95-140 mg/dl.
Il diabete gestazionale è una complicanza che si verifica piuttosto raramente in gravidanza e si manifesta con un eccesso di zuccheri nel sangue (elevata glicemia); tale eccesso viene trasferito al feto, che rischia quindi di accrescersi troppo ed in modo non armonico (ad esempio si ha una maggiore crescita del tessuto adiposo).

Ventiquattresima settimana

Il bebè ora sente la tua voce e il battito del tuo cuore. È ora molto attivo e risponde al tuo tocco. È giunto il momento di cominciare a parlare con lui e fargli ascoltare della musica, un grosso stimolo per il tuo bimbo, nonché un aiuto per migliorare lo sviluppo del suo cervello e di tutte le abilità motorie linguistiche e visive ad esso connesse.

In questa settimana potrebbe essere utile, in presenza di una glicemia elevata o di glucosio nelle urine o di soggetti diabetici in famiglia, eseguire la minicurva da carico di glucosio, che consiste in un prelievo di base (con valutazione della glicemia a digiuno), successiva assunzione di 50 grammi di glucosio diluiti in acqua e secondo prelievo a distanza di un’ora (con valutazione della glicemia). Questo test serve per diagnosticare precocemente uno stato di intolleranza agli zuccheri o il diabete gestazionale per trattarlo opportunamente. La curva breve è alterata quando i valori sono superiori a 95-140 mg/dl.
Il diabete gestazionale è una complicanza che si verifica piuttosto raramente in gravidanza e si manifesta con un eccesso di zuccheri nel sangue (elevata glicemia); tale eccesso viene trasferito al feto, che rischia quindi di accrescersi troppo ed in modo non armonico (ad esempio si ha una maggiore crescita del tessuto adiposo).

Venticinquesima Settimana

Probabilmente il tuo bimbo comincerà a singhiozzare. Ora lo puoi sentire distintamente.

In questa settimana potrebbe essere utile, in presenza di una glicemia elevata o di glucosio nelle urine o di soggetti diabetici in famiglia, eseguire la minicurva da carico di glucosio, che consiste in un prelievo di base (con valutazione della glicemia a digiuno), successiva assunzione di 50 grammi di glucosio diluiti in acqua e secondo prelievo a distanza di un’ora (con valutazione della glicemia). Questo test serve per diagnosticare precocemente uno stato di intolleranza agli zuccheri o il diabete gestazionale per trattarlo opportunamente. La curva breve è alterata quando i valori sono superiori a 95-140 mg/dl.
Il diabete gestazionale è una complicanza che si verifica piuttosto raramente in gravidanza e si manifesta con un eccesso di zuccheri nel sangue (elevata glicemia); tale eccesso viene trasferito al feto, che rischia quindi di accrescersi troppo ed in modo non armonico (ad esempio si ha una maggiore crescita del tessuto adiposo).
Da questa settimana potresti anche eseguire la quarta serie di analisi di routine che prevede: Esame delle urine e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente, IgG e IgM per Toxoplasma, Rosolia,Citomegalovirus se negativi precedentemente, la glicemia, Flussimetria Doppler delle arterie uterine (se l’ecografia morfologica ha rilevato anomalie) e il controllo della pressione arteriosa e dell’incremento del peso corporeo.

Ventiseiesima Settimana

Il tuo bimbo riesce a percepire la luce e reagisce a forti rumori.

In questa settimana potrebbe essere utile, in presenza di una glicemia elevata o di glucosio nelle urine o di soggetti diabetici in famiglia, eseguire la minicurva da carico di glucosio, che consiste in un prelievo di base (con valutazione della glicemia a digiuno), successiva assunzione di 50 grammi di glucosio diluiti in acqua e secondo prelievo a distanza di un’ora (con valutazione della glicemia). Questo test serve per diagnosticare precocemente uno stato di intolleranza agli zuccheri o il diabete gestazionale per trattarlo opportunamente. La curva breve è alterata quando i valori sono superiori a 95-140 mg/dl.
Il diabete gestazionale è una complicanza che si verifica piuttosto raramente in gravidanza e si manifesta con un eccesso di zuccheri nel sangue (elevata glicemia); tale eccesso viene trasferito al feto, che rischia quindi di accrescersi troppo ed in modo non armonico (ad esempio si ha una maggiore crescita del tessuto adiposo).
Da questa settimana potresti anche eseguire la quarta serie di analisi di routine che prevede: Esame delle urine e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente, IgG e IgM per Toxoplasma, Rosolia,Citomegalovirus se negativi precedentemente, la glicemia, Flussimetria Doppler delle arterie uterine (se l’ecografia morfologica ha rilevato anomalie) e il controllo della pressione arteriosa e dell’incremento del peso corporeo.

Ventisettesima Settimana

La crescita del tuo bambino è regolare, il suo corpo sta crescendo più velocemente rispetto alla testa. I suoi occhi si aprono e si chiudono.

Questi sono gli ultimi giorni per fare la minicurva da carico di glucosio, che consiste in un prelievo di base (con valutazione della glicemia a digiuno), successiva assunzione di 50 grammi di glucosio diluiti in acqua e secondo prelievo a distanza di un’ora (con valutazione della glicemia). Questo test serve per diagnosticare precocemente uno stato di intolleranza agli zuccheri o il diabete gestazionale per trattarlo opportunamente. La curva breve è alterata quando i valori sono superiori a 95-140 mg/dl.
Il diabete gestazionale è una complicanza che si verifica piuttosto raramente in gravidanza e si manifesta con un eccesso di zuccheri nel sangue (elevata glicemia); tale eccesso viene trasferito al feto, che rischia quindi di accrescersi troppo ed in modo non armonico (ad esempio si ha una maggiore crescita del tessuto adiposo).
Questa è l’ultima settimana per eseguire la quarta serie di analisi di routine che prevede: Esame delle urine e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente, IgG e IgM per Toxoplasma, Rosolia,Citomegalovirus se negativi precedentemente, la glicemia, Flussimetria Doppler delle arterie uterine (se l’ecografia morfologica ha rilevato anomalie) e il controllo della pressione arteriosa e dell’incremento del peso corporeo.

Ventottesima Settimana

Il cervello sta crescendo rapidamente e i polmoni stanno completando il loro sviluppo. Il bimbo apre e chiude gli occhi.

Da questa settimana ti potrebbe venire richiesto di eseguire una ecocardiografia fetale, un esame che permette la valutazione del cuore del feto attraverso la pancia materna, e mettere in evidenza, qualora ve ne fossero, delle cardiopatie congenite. Alcuni ginecologi lo richiedono solo se ci sono indicazioni di rischio, altri invece lo ritengono un esame da eseguire comunque per approfondire la conoscenza dell’anatomia del cuore fetale.
Inoltre da questa settimana potrai effettuare gli esami di routine, compresi l’esame delle urine e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente, IgG e IgM per Toxoplasma, Rosolia, Citomegalovirus se negativi precedentemente, la glicemia, Flussimetria Doppler delle arterie uterine (se l’ecografia morfologica ha rilevato anomalie) e il controllo della pressione arteriosa e dell’incremento del peso corporeo.

Ventinovesima Settimana

Le ciglia sono presenti sul volto del tuo bambino.

Da questa settimana ti potrebbe venire richiesto di eseguire una ecocardiografia fetale, un esame che permette la valutazione del cuore del feto attraverso la pancia materna, e mettere in evidenza, qualora ve ne fossero, delle cardiopatie congenite. Alcuni ginecologi lo richiedono solo se ci sono indicazioni di rischio, altri invece lo ritengono un esame da eseguire comunque per approfondire la conoscenza dell’anatomia del cuore fetale.
Inoltre da questa settimana potrai effettuare gli esami di routine, compresi l’esame delle urine e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente, IgG e IgM per Toxoplasma, Rosolia, Citomegalovirus se negativi precedentemente, la glicemia, Flussimetria Doppler delle arterie uterine (se l’ecografia morfologica ha rilevato anomalie) e il controllo della pressione arteriosa e dell’incremento del peso corporeo.

Trentesima Settimana

Le unghie delle mani e dei piedi sono più lunghe e visibili.

In questa settimana ti potrebbe venire richiesto di eseguire una ecocardiografia fetale, un esame che permette la valutazione del cuore del feto attraverso la pancia materna, e mettere in evidenza, qualora ve ne fossero, delle cardiopatie congenite. Alcuni ginecologi lo richiedono solo se ci sono indicazioni di rischio, altri invece lo ritengono un esame da eseguire comunque per approfondire la conoscenza dell’anatomia del cuore fetale.

Dalla trentesima settimana alla trentaduesima settimana ti chiederanno di eseguire la Flussimetria, una ecografia con la quale si controlla che le tue arterie uterine e le arterie ombelicali del bambino lavorino nel modo giusto, che dunque il bimbo abbia dei buoni livelli di accrescimento. Questo esame è consigliato a tutte le pazienti, ma in modo particolare a quelle in corso di prima gravidanza e a quelle con precedenti di pre-eclampsia o di ritardo di crescita intrauterina.

Inoltre da questa settimana potrai effettuare gli esami di routine, compresi l’esame delle urine e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente, IgG e IgM per Toxoplasma, Rosolia, Citomegalovirus se negativi precedentemente, la ferritina e il controllo della pressione arteriosa e dell’incremento del peso corporeo.

Trentunesima Settimana

La pelle è a malapena rugosa. Il tuo bambino comincia a prendere peso rapidamente, gli occhi sono ora aperti.

In questa settimana ti potrebbe venire richiesto di eseguire una ecocardiografia fetale, un esame che permette la valutazione del cuore del feto attraverso la pancia materna, e mettere in evidenza, qualora ve ne fossero, delle cardiopatie congenite. Alcuni ginecologi lo richiedono solo se ci sono indicazioni di rischio, altri invece lo ritengono un esame da eseguire comunque per approfondire la conoscenza dell’anatomia del cuore fetale.

Dalla trentesima settimana alla trentaduesima settimana ti chiederanno di eseguire la Flussimetria, una ecografia con la quale si controlla che le tue arterie uterine e le arterie ombelicali del bambino lavorino nel modo giusto, che dunque il bimbo abbia dei buoni livelli di accrescimento. Questo esame è consigliato a tutte le pazienti, ma in modo particolare a quelle in corso di prima gravidanza e a quelle con precedenti di pre-eclampsia o di ritardo di crescita intrauterina.

Inoltre da questa settimana potrai effettuare gli esami di routine, compresi l’esame delle urine e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente, IgG e IgM per Toxoplasma, Rosolia, Citomegalovirus se negativi precedentemente, la ferritina e il controllo della pressione arteriosa e dell’incremento del peso corporeo.

Trentaduesima Settimana

I polmoni maturano sempre più, il bambino comincia a respirare.

In questa settimana ti potrebbe venire richiesto di eseguire una ecocardiografia fetale, un esame che permette la valutazione del cuore del feto attraverso la pancia materna, e mettere in evidenza, qualora ve ne fossero, delle cardiopatie congenite. Alcuni ginecologi lo richiedono solo se ci sono indicazioni di rischio, altri invece lo ritengono un esame da eseguire comunque per approfondire la conoscenza dell’anatomia del cuore fetale.

Dalla trentesima settimana alla trentaduesima settimana ti chiederanno di eseguire la Flussimetria, una ecografia con la quale si controlla che le tue arterie uterine e le arterie ombelicali del bambino lavorino nel modo giusto, che dunque il bimbo abbia dei buoni livelli di accrescimento. Questo esame è consigliato a tutte le pazienti, ma in modo particolare a quelle in corso di prima gravidanza e a quelle con precedenti di pre-eclampsia o di ritardo di crescita intrauterina.

Inoltre da questa settimana potrai effettuare gli esami di routine, compresil’esame delle urine e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente, IgG e IgM per Toxoplasma, Rosolia, Citomegalovirus se negativi precedentemente, la ferritina e il controllo della pressione arteriosa e dell’incremento del peso corporeo.

Trentatreesima Settimana

Il bambino aumenta di circa 30 grammi al giorno. La sua attività probabilmente diminuirà dal momento che c’è sempre meno spazio per muoversi. Recepisce e distingue sempre di più le voci e i suoni, in particolare quando continui a parlargli e a fargli ascoltare musica.

Questa è l’ultima settimana per eseguire la Flussimetria, una ecografia con la quale si controlla che le tue arterie uterine e le arterie ombelicali del bambino lavorino nel modo giusto, che dunque il bimbo abbia dei buoni livelli di accrescimento. Questo esame è consigliato a tutte le pazienti, ma in modo particolare a quelle in corso di prima gravidanza e a quelle con precedenti di pre-eclampsia o di ritardo di crescita intrauterina.

Inoltre da questa settimana potrai effettuare gli esami di routine, compresi l’esame delle urine e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente, IgG e IgM per Toxoplasma, Rosolia, Citomegalovirus se negativi precedentemente, la ferritina e il controllo della pressione arteriosa e dell’incremento del peso corporeo.

Trentaquattresima Settimana

In questa settimana la testa del bambino si posiziona verso il basso. Se ha cambiato posizione lo sentirai più attivo, specialmente di notte. Avvertirai i suoi calci in diversi punti.

In questa settimana potresti effettuare alcuni dei seguenti esami di routine: esame delle urine e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente; emocromo; virus Epatite B (antigene HbsAg); virus Epatite C(anticorpi); test di Coombs indiretto (se RH negativo); esami previsti per mancata immunità al Toxoplasma, Rosolia e Citomegalovirus; tampone vaginale e rettale per ricerca Streptococco B, Mycoplasma e Chlamydia; elettrocardiogramma e il controllo della pressione arteriosa e dell’incremento del peso corporeo.

Trentacinquesima Settimana

Se il tuo bambino non ha ancora cambiato posizione, lo dovrebbe fare durante questa settimana. Le unghie delle mani raggiungono ora l’estremità delle dita.

In questa settimana potresti effettuare alcuni dei seguenti esami di routine: esame delle urine e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente; emocromo; virus Epatite B (antigene HbsAg); virus Epatite C(anticorpi); test di Coombs indiretto (se RH negativo); esami previsti per mancata immunità al Toxoplasma, Rosolia e Citomegalovirus; tampone vaginale e rettale per ricerca Streptococco B, Mycoplasma e Chlamydia; elettrocardiogramma e il controllo della pressione arteriosa e dell’incremento del peso corporeo.

Trentaseiesima Settimana

Il peso del tuo bambino sta rapidamente aumentando. Lo spazio per muoversi diminuisce sempre di più.

In questa settimana potresti effettuare alcuni dei seguenti esami di routine: esame delle urine e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente; emocromo; virus Epatite B (antigene HbsAg); virus Epatite C(anticorpi); test di Coombs indiretto (se RH negativo); esami previsti per mancata immunità al Toxoplasma, Rosolia e Citomegalovirus; tampone vaginale e rettale per ricerca Streptococco B, Mycoplasma e Chlamydia; elettrocardiogramma e il controllo della pressione arteriosa e dell’incremento del peso corporeo.

Trentasettesima Settimana

La pelle del tuo bambino sta diventando sempre più rosa. Anche i depositi di grasso sotto la pelle sono aumentati e questo spiega anche il sempre più veloce aumento di peso.

In questa settimana potresti effettuare alcuni dei seguenti esami di routine: esame delle urine e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente; emocromo; virus Epatite B (antigene HbsAg); virus Epatite C(anticorpi); test di Coombs indiretto (se RH negativo); esami previsti per mancata immunità al Toxoplasma, Rosolia e Citomegalovirus; tampone vaginale e rettale per ricerca Streptococco B, Mycoplasma e Chlamydia; elettrocardiogramma e il controllo della pressione arteriosa e dell’incremento del peso corporeo.

Trentottesima Settimana

Il travaglio potrebbe cominciare in qualsiasi momento.

Memorandum

In questa settimana potresti effettuare alcuni dei seguenti esami di routine: esame delle urine e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente; emocromo; virus Epatite B (antigene HbsAg); virus Epatite C(anticorpi); test di Coombs indiretto (se RH negativo); esami previsti per mancata immunità al Toxoplasma, Rosolia e Citomegalovirus; tampone vaginale e rettale per ricerca Streptococco B, Mycoplasma e Chlamydia; elettrocardiogramma e il controllo della pressione arteriosa e dell’incremento del peso corporeo.

Trentanovesima Settimana

Molto rapidamente il tuo bambino sta continuando a prendere peso. Le unghie dei suoi piedi hanno raggiunto l’estremità delle sue dita.

In questa settimana potresti effettuare alcuni dei seguenti esami di routine: esame delle urine e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente; emocromo; virus Epatite B (antigene HbsAg); virus Epatite C(anticorpi); test di Coombs indiretto (se RH negativo); esami previsti per mancata immunità al Toxoplasma, Rosolia e Citomegalovirus; tampone vaginale e rettale per ricerca Streptococco B, Mycoplasma e Chlamydia; elettrocardiogramma e il controllo della pressione arteriosa e dell’incremento del peso corporeo.

Inoltre andrai a fare l’ultima visita di controllo dal ginecologo che effettuerà unacardiotocografia, detta anche monitoraggio, attraverso la quale si otterranno informazioni utili sullo stato di ossigenazione fetale, permettendo di rilevare precocemente, in gravidanza ed in travaglio di parto, eventuali stati di sofferenza fetale acuta.

Quarantesima Settimana

Ecco il momento che hai aspettato per nove mesi: la nascita di tuo figlio!

Se ancora non hai ritirato le ultime analisi effettuate, ora è assolutamente il momento per farlo, e dovrai portarle tutte con te in sala parto. Questi sono gli esami che hai eseguito: esame delle urine e urinocoltura in caso di elevata presenza di batteri rilevata nell’esame precedente; emocromo; virus Epatite B (antigene HbsAg);virus Epatite C (anticorpi); test di Coombs indiretto (se RH negativo); esami previsti per mancata immunità al Toxoplasma, Rosolia e Citomegalovirus; tampone vaginale e rettale per ricerca Streptococco B, Mycoplasma, Chlamydia eelettrocardiogramma.

Inoltre, se non la hai ancora fatta, andrai a fare l’ultima visita di controllo dal ginecologo che effettuerà un monitoraggio e controllerà lo stato del tuo collo dell’utero.

Giorni mancanti alla data di scadenza Giorni di gravidanza Settimana di gravidanza

Età gestazionale

Settimane dopo il concepimento

Età concezionale

Mese lunare> Mese di gravidanza Trimestre
280-274
1-7
0
ciclo
1° mese
mese 1
PRIMO TRIMESTRE
273-267
8-14
1
266-260
15-21
2
ovulazione
259-253
22-28
3
concepimento
252-246
29-35
4
2
245-238
36-42
5
3
2° mese
mese 2
237-232
43-49
6
4
231-225
50-56
7
5
224-218
57-63
8
6
217-211
64-70
9
7
3° mese
mese 3
210-204
71-77
10
8
203-197
78-84
11
9
196-190
85-91
12
10
189-183
92-98
13
11
4° mese
182-176
99-105
14
12
mese 4
SECONDO TRIMESTRE
175-169
106-112
15
13
168-162
113-119
16
14
161-155
120-126
17
15
5° mese
154-148
127-133
18
16
mese 5
147-141
134-140
19
17
140-134
141-147
20
18
133-127
148-154
21
19
6° mese
126-120
155-161
22
20
mese 6
119-113
162-168
23
21
112-106
169-175
24
22
105-99
176-182
25
23
7° mese
98-92
183-189
26
24
91-85
190-196
27
25
mese 7
TERZO TRIMESTRE
84-78
197-203
28
26
77-71
204-210
29
27
8° mese
70-64
211-217
30
28
63-57
218-224
31
29
mese 8
56-50
225-231
32
30
49-43
232-237
33
31
9° mese
42-36
238-245
34
32
35-29
246-252
35
33
28-22
253-259
36
34
mese 9
21-15
260-266
37
35
10° mese
14-8
267-273
38
36
7-1
274-280
39
37
DATA PARTO
40
38

condivisioni & piace a mamme