32° Settimana di Gravidanza - GravidanzaOnline.it
Sei giunta alla

32ª settimana di gravidanza

Quello che succede alla mamma e al bambino nel corso della trentaduesima settimana di gravidanza, gli esami previsti e le cose da sapere.

Più si avvicina il traguardo della 40esima settimana di gravidanza più aumentano le probabilità di sopravvivenza del bambino in caso di parto prematuro. Il riposo è però lontano: la fatica e la stanchezza della futura mamma aumentano, come pure il bisogno di riposo, non reso sempre facile dal possibile insorgere dell’insonnia e dalla difficoltà di trovare una posizione comoda per dormire.

Trentaduesima settimana di gravidanza: la mamma

Nel corso della trentaduesima settimana di gravidanza la donna può continuare ad avvertire le “false” contrazioni di Braxton-Hicks: più si avvicina la data del parto più i segnali del corpo saranno interpretati come l’approssimarsi del travaglio, per questo è bene imparare a riconoscere le differenze tra le une e le altre contrazioni: le contrazioni che preparano il parto sono più forti di quelle di Braxton-Hicks: il ventre si indurisce e la contrazione è più dolorosa e regolare, con una durata superiore ai 30 secondi.

La stanchezza si fa più marcata, le gambe si gonfiano e il respiro diventa più faticoso, e potrebbe aumentare la ritenzione idrica. Una corretta alimentazione e una costante idratazione sono fondamentali per preservare il benessere della futura mamma e del suo bambino.

Trentaduesima settimana di gravidanza: il bambino

Durante la 32esima settimana i movimenti del feto sono in genere pressoché continui, e iniziano a cambiare. Molte delle pieghe del viso stanno scomparendo e sulla sua testa potrebbero essere già presenti molti capelli.

In pochi giorni è cresciuto velocemente anche di peso: in un solo mese ha guadagnato più di un kg grazie al grasso ed al tessuto muscolare, raggiungendo complessivamente circa 1,5 kg di peso e 40 cm di lunghezza.

Tutti e cinque i suoi sensi sono sviluppati: muove le mani e afferra ciò che lo circonda, apre e chiude gli occhi avvertendo il passaggio tra luce e ombra e sente il suono della voce della mamma e delle persone che lo circondano.

Trentaduesima settimana di gravidanza: gli esami da fare

Questa settimana è anche solitamente l’ultima in cui si effettua la terza ecografia della gravidanza, se non è stata già svolta. Tale ecografia ostetrica serve a individuare eventuali anomalie e a monitorare lo stato di salute del feto, oltre al suo sviluppo nel ventre materno e ai parametri di crescita: per questo è detta anche ecografia di accrescimento, o del benessere fetale.

Trentaduesima settimana di gravidanza: le cose da sapere

Con l’avvicinarsi della data presunta del parto la donna avrà iniziato a discutere con il suo medico e con il proprio compagno del proprio piano del parto: se, cioè, chiedere ad esempio un’anestesia epidurale oppure no, se scegliere un parto tradizionale oppure in acqua (se l’ospedale dove si programma di partorire lo prevede).

In questo periodo, e fino alla fine della gravidanza, è importante riposare il più possibile: non è necessario (salvo prescrizione medica) rimanere immobili a letto, ma una leggera attività fisica può essere d’aiuto per rilassarsi.

 

Ti è stato utile?
Rating: 3.5/5. Su un totale di 2 voti.
Attendere prego...