Scuole chiuse per coronavirus: le attività per bambini - GravidanzaOnLine

Scuole chiuse per coronavirus: le attività anti-noia da fare con i bambini

Con le scuole chiuse per il coronavirus coinvolgere i bambini in attività quotidiane non è una sfida semplice per mamme e papà: il web corre in soccorso dei genitori, con idee e spunti creativi per le attività da fare con i bambini.

Il coronavirus ha chiuso per prime le scuole, che rimangono vuote fino al 3 aprile: tutti a casa, bambini compresi. Che in molti casi, per proteggere anche i nonni, più vulnerabili, da un possibile contagio, sono affidati alle cure esclusive di mamma e papà.

E dopo diversi giorni a casa le idee anti-noia per i genitori sono un’oasi nel deserto. Per fare fronte al rapido esaurirsi della creatività di mamme e papà ci si ingegna, soprattutto sul web, facendo fronte comune in tempo di necessità.

Così ci si scambia (via social o nelle chat di WhatsApp, e comunque a distanza di sicurezza) idee, consigli, spunti per trascorrere il tempo con i bambini piccoli sfruttandolo al meglio non solo per sconfiggere la noia delle lunghe giornate chiusi in casa, ma anche per imparare, a seconda dell’età, e non “rimanere indietro” nell’apprendimento.

"Mamma, guarda come mi diverto!": i 10 giochi per bambini da 1 a 3 anni

Vediamo allora alcune idee per fare compagnia a mamme e papà in queste giornate in casa, facendo divertire i bambini.

1. Giocando s’impara

La nostra rubrica Giocando s’impara è dedicata alle attività ludico-educative da fare con i bambini: nei video di Gio Gigante si trovano molte idee originali e semplici da realizzare per passare il tempo con i bambini senza dimenticare l’aspetto didattico.

In questo video ad esempio vediamo come costruire una pista portatile per le macchinine, insegnando allo stesso tempo ai bambini le regole della strada.

Perché poi non coinvolgerli nel realizzare forme colorate e l’alfabeto, unendo il piacere al “dovere”? Ecco uno spunto: a partire dal Play Doh e da alcuni fogli di carta colorati possiamo insegnare ai bambini le forme e i colori, e, se sono abbastanza grandi, anche le lettere e i numeri.

2. Nel frattempo, sui social…

Sono molte le mamme che si scambiano consigli sui social alla ricerca di spunti interessanti e non banali per tenere alta l’attenzione dei pargoli durante le lunghe giornate casalinghe.

Mamma di due bimbi di 1 e 3 anni, Emily Anderson (su Instagram 25withtoddlers) ha quindi deciso di aprire un canale YouTube dove pubblica, ogni settimana, un video tutorial con attività manuali da fare con i più piccoli.

Passo dopo passo Emily spiega ad esempio come realizzare la “puffy paint” a partire da farina, colla vinilica e… schiuma da barba, per far divertire i bambini a realizzare quadri in 3D.

Una volta preparata la schiuma la si può colorare, spiega Emily, con colorante alimentare o con qualche goccia di tempera. Et voilà: il miscuglio “magico” si trasformerà in forme colorate in rilievo, da appendere come delle “vere” opere d’arte.

Un’altra mamma creativa, Ilaria Faccioli, mostra i giochi che inventa insieme a sua figlia: il primo gioco è un originale condominio delle storie, il “Condominio curioso”: una volta disegnati sui cartoncini colorati gli abitanti del condominio si immaginano storie fantastiche per ogni personaggio. Un’idea davvero originale per stimolare la curiosità e la fantasia dei bambini.

3. Manualità creativa

Tra le tante attività che è possibile fare insieme ai bambini piccoli anche sul sito Bimbicreativi si trovano ottimi spunti per i lavoretti, tradizionali e non, da fare con i bambini.

Anche qui ci sono video tutorial per accompagnare anche chi non è esperto in attività manuali nella realizzazione di giochi e lavoretti su misura per i bambini. E la soddisfazione è assicurata.

Un esempio? Il gioco “Giù per il tubo”: si prendono dei tubi dei rotoli della carta igienica e si modella una sorta di scivolo da attaccare a un pannello o a una scatola di cartone.

Dopo averli intagliati e incollati i tubi diventeranno la “pista” per palline o biglie, un gioco che si realizza in poco tempo, si può realizzare con il materiale già presente in casa e può tenere impegnati i bambini a lungo.

4. Libri e favole a distanza

Oltre alle attività manuali ci sono le storie, indispensabili per far volare alta la fantasia anche tra le mura di casa. Con le scuole chiuse e la sospensione di tutti gli incontri c’è chi si è organizzato anche a distanza per non far mancare ai bambini

Per i bambini più grandi, ad esempio, c’è Lezioni sul sofà, iniziativa di due papà, Matteo Corradini e Andrea Valente, che hanno raccolto storie e lezioni didattiche a cura di scrittori di tutta Italia, disponibili anche nella versione audio e video.

In diverse città, poi, si stanno organizzando iniziative dedicate proprio ai bambini, che, insieme a mamma e papà, possono anche ascoltare le favole via social.

Due maestre di una scuola dell’infanzia di Biella, ad esempio, hanno deciso di leggere ai propri bimbi a casa delle favole, due volte al giorno in diretta sulla pagina Facebook della scuola, finché la scuola non potrà riaprire: un modo per non perdere del tutto i contatti con la scuola e fare compagnia ai più piccoli.

Articolo originale pubblicato il 10 marzo 2020

Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 4 voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Bambino (1-3 anni)
  • Neonato (0-1 anno)