'Con questi sintomi posso essere incinta?' - GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Salve, è ormai più di tre mesi che ho un dubbio e spero in una risposta. Faccio un quadro generale, cercando di essere chiara perché il mio dubbio cioè, mi chiedo se può essere che io sia incinta. Ho 18 anni, il ciclo circa dall’età di dodici anni e non è mai stato regolare, ha sempre tenuto a venire in ritardo prima mi veniva ogni trenta giorni all’inizio anche di meno, col tempo ritardava sempre di più ultimamente è successo che mi venisse ogni quaranta giorni quindi è capitato mi saltasse un mese, nel senso che se il ciclo mi veniva agli ultimi del mese mi ritardava e il mese dopo non mi veniva ma mi veniva ai primi del mese dopo ancora(come ho detto tendeva a ritardarmi sempre di più, prima 30 poi 33 poi 40 ecc.), anziché regolarizzarsi.

Ho notato che due mesi fa mi ha fatto venire il dubbio che fossi incinta è che ho il seno strano cioè, mi sembra un po’ ingrossato non tantissimo e all’inizio non mi faceva neanche molto male, ora è sempre più duro e mi fa anche male ho la seconda scarsa, non è difficile notare l’aumento. In più, come dicevo da tre mesi a questa parte, ho il capezzolo enorme cioè l’aureola mi si è ingrossata sempre di più, è piena di puntini ma piena, ne ho anche alcuni un più piccoli che circondano il capezzolo, che è più sporgente e più grande, mi si sono ingranditi molto.

Ma se non sono incinta non capisco come mai questo cambiamento in poco tempo, non mi era mai successo ma anche quando non ho il ciclo ce li ho così, io non noto differenza, anzi l’ho notato subito poco dopo un rapporto a rischio (avuto il 20 gennaio), come le ho detto si sono ingranditi sempre di più e, mi son venuti sempre più puntini e sono gonfi (non penso sia dovuto alla crescita, mi sembra strano tutto di colpo). È da tre anni che ho rapporti sessuali ma una cosa del genere non mi era mai successa, spero di chiarire questo dubbio una volta per tutte. Ho avuto il ciclo tre volte e per questo, che non ho fatto un test di gravidanza, ma il dubbio mi è restato perché tutt’ora noto differenze.

Dopo quel rapporto ho pensato di essere incinta, per paura o non so che altro non ho fatto nessun test, come le ho detto poi ho avuto il ciclo ai primi di febbraio. A questo punto farei un test perché se ho il dubbio dopo più di due mesi e ora che me lo tolga ma poi dico mi è venuto il ciclo quindi, che lo faccio a fare. Comunque sia ho intenzione di fare una visita ginecologica non so quando, ma la faccio. Le dico altre cose sperando serva, per esempio tre volte mi è capitato di bere alcolici e vomitare (lo trovavo sgradevole come), oppure, tachicardia (che mia madre ha ma lei soffre di tiroide, io fumo anche e quando facevo le punture di eparina che sono vasodilatatore, mi veniva, mi capitava ancora anche dopo), ma non penso centri essendo passati un po’ di mesi dalle punture, mi capita molto raramente, ma ci son stati tre giorni, la sera ho avuto giramenti di testa per un po’, o dolori strani alla pancia, stitichezza, pancia gonfissima anche se comunque mi scaricavo e altre cose.

Gli ultimi due cicli quello di febbraio (dopo il rapporto) e di marzo, molto stranamente mi sono venuti perfetti, pochissimo mal di pancia e tra l’altro mi sembra siano stati più brevi, cosa alquanto strana per me, invece questo ultimo di aprile mi è venuto un po’ in ritardo e con dolori, l’unica cosa è che mi è venuta una goccia di sangue chiaro e, poi subito dopo sangue abbondante boh.. tutti e tre mi son sembrati diversi. Comunque so anche che si può essere incinta e avere perdite simili al ciclo (mia madre con me ha avuto una minaccia d’aborto all’inizio, quindi ha scoperto dopo la gravidanza) non so, le elencherei tutto ma forse non serve a niente, comunque per aiutarla posso spiegarle anche il rapporto in questione (tra l’altro avuto poco prima dell’ovulazione) e i sintomi nel dettaglio cioè, brevemente ho avuto il rapporto il 20 gennaio, come dicevo e non mi era mai successo di avere un rapporto non protetto poco prima dell’ovulazione, ho notato da quel momento, le cose che le dicevo ma poi il ciclo mi è venuto, il resto lo sa.

Il rapporto comunque è avvenuto ovviamente con il coito interrotto (a volte non è bello, come in questo caso). Dopo poche ore dal rapporto, ho sentito come una leggerissima fitta all’ovaia sinistra, il giorno dopo ho iniziato ad avere le perdite bianche e sono durate tre giorni circa, in più mi sentivo calda, urinavo di più e altre cose anomale. Non so dirle se le perdite erano più abbondanti del solito e l’ovulazione diversa, premetto che fino a quel momento non sapevo quasi cos’era l’ovulazione. Se ho fatto male i calcoli con il ciclo mi farebbe solo un favore nel dirmelo, anche qualsiasi altra cosa.

Sono tante le cose, poi sempre dolorini strani non localizzati. Sono tante le cose, ora ho un leggero mal di pancia e deve venirmi il ciclo ma le cose che le ho detto persistono comunque, questo è quanto. So che non può sapere se sono incinta o meno, ma sicuramente ne sa di più di me, la prego se può, di dirmi quanto più le è possibile. Spero che possa darmi alcune risposte, spiegazioni. Mi scuso per essermi dilungata troppo, in attesa la ringrazio in anticipo e le porgo i miei, Cordiali saluti.

Cara ragazza, il coito interrotto non è affatto sicuro, e non solo perché l’uomo deve essere molto attento e preciso così da uscire prima di eiaculare, ma anche perché le secrezioni del pene durante tutto il rapporto (anche prima dell’orgasmo), possono contenere piccole quantità di sperma. Per questo anche se il partner esce in tempo, il rischio c’è ugualmente.
Dunque è sempre meglio utilizzare il preservativo, specialmente se il rapporto avviene vicino al periodo ovulatorio.
I sintomi da lei descritti possono essere riconducibili ad una gravidanza, ma come ha detto anche lei, l’unico modo per togliersi il dubbio è fare un test.

Purtroppo, nonostante le tante puntualizzazioni da lei fatte, non posso fare nessuna diagnosi così. Consiglio quindi di fare un test al più presto e di prenotare subito anche una visita ginecologica, così anche se non fosse incinta, uno specialista potrebbe visitarla e fare un’ecografia magari, così da capire meglio quale potrebbe essere il problema. Resto comunque a disposizione, mi faccia avere notizie. Cordialmente.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ostetrica