Anonimo

chiede:

Buongiorno dottoressa, io sono sempre stata una persona attiva e vorrei continuare ad esserlo anche in gravidanza, nonostante mia madre continui a dirmi che debba riposarmi. Io in realtà sto molto bene e pur essendo al terzo mese, le energie non mi mancano. Per cercare di placare i dissidi in famiglia ho quindi pensato di chiedere proprio ad un’ostetrica quanto tempo bisognerebbe dedicare all’attività fisica in gravidanza e quali attività prediligere. Io sono normopeso. La ringrazio.

Buongiorno signora, l’attività fisica moderata in gravidanza è considerata, da tutti gli studi più recenti, ottimale per il benessere di mamma e bambino: riduce il rischio di eccessivo aumento di peso e di diabete gestazionale, aiuta ad attenuare il mal di schiena e la stipsi e può ridurre il rischio di complicazioni come preeclampsia e trombosi. L’attività fisica in gravidanza è stata anche associata a una possibile diminuzione del rischio di incorrere in un parto cesareo. Si considerano ideali 150 minuti di esercizi aerobici di intensità moderata ogni settimana, suddivisi in trenta minuti per cinque giorni oppure di una durata inferiore se l’attività è svolta quotidianamente. Tra le attività consigliate troviamo la camminata veloce, il pilates, lo yoga, il nuoto e la ginnastica dolce.

Sport in gravidanza: si può fare sempre? Le cose importanti da sapere

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ostetrica

Categorie