Placenta anteriore bassa: sintomi e rischi - GravidanzaOnline

Anonimo

chiede:

Gentile dr.ssa, sono alla ventitreesima settimana di gravidanza. Nell’ultima eco il mio ginecologo mi ha confermato di avere la placenta anteriore bassa, ma che non ricopre più l’oui, fino alla 15 esima settimana ho avuto spesso perdite ematiche, ora per fortuna non più. Pertanto le chiedo quali sono i rischi che posso correre con questa placenta? Poi se placenta bassa significa previa o sono due cose distinte, inoltre che stile di vita posso tenere in queste condizioni, fino ad ora ho evitato molto, sono stata quasi sempre a riposo, niente rapporti sessuali, insomma molto attenta. Grazie per la disponibilità. Cari saluti

Cara Francesca,
stia tranquilla perchè “placenta bassa” non è una diagnosi definitiva: fino alle 28-30 settimane infatti, con il crescere dell’utero la placenta può risalire.
Dunque solo dopo le 28-30 settimane si può parlare di placenta previa, nel caso in cui questa non dovesse risalire, coprendo quindi completamente, parzialmente o lateralmente l’oui.
Come può capire quindi, c’è ancora diverso tempo visto che è alla 23^ settimana, ma comunque dato che un po’ è già risalita, ci sono ottime possibilità che si allontani completamente dall’oui.
Io non posso permettermi di dirle di non stare più a riposo, questo deve farlo il medico che la segue di persona, ma vedrà che visto che la situazione è notevolmente migliorata (in base a ciò che mi ha scritto), se non subito tra non molto potrà riprendere uno stile di vista normale.
Resto a disposizione, e le auguro una buona serata.
A presto,

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ostetrica