Anonimo

chiede:

Salve, sono una donna di 37 anni (mamma di tre bambini di 13, 9 e 5 anni) alla 13 sett+3 gg di gravidanza. Stamattina mi sono recata al pronto soccorso dopo aver notato perdite scure. Diagnosi alla dimissione visita vagina regolare collo conservato chiuso, con scarse perdite colore posa di caffè, ecografia corrispondente per epoca di amenorrea, MAF+BCF presente piccolo distacco. Terapia da eseguire ESOLUT200 un ovulo a sera per15gg. Inoltre mi è stato detto di avere un utero retroverso, cosa che non mi era mai stata detta nonostante le mie tre gravidanze precedenti. La mia domanda è: la terapia è sufficiente? Visto che mi è capitato di leggere che in questi casi si fanno delle iniezioni di progesterone abbinate alla vasosuprina. Inoltre è possibile che l’utero sia diventato retroverso nel corso della gravidanza? Visto che nemmeno un mese fa ho fatto l’ultima eco e non mi è stato diagnosticato????? Grazie

Buongiorno e complimenti per la famiglia numerosa!
Cercando di rispondere ai Suoi quesiti, vorrei anzitutto precisare che durante la prima fase della gravidanza (in particolar modo fino alla 12ma settimana, ma possiamo considerare anche il quarto mese) non è possibile “curare” situazioni critiche della stessa, quanto piuttosto consigliare (come avranno fatto per Lei) il riposo (evitando perciò di prendere in braccio o rincorrere gli altri bimbi), bere molto (perché ridice la possibilità di contrattura dell’utero) e iniziare una terapia con progesterone, nel Suo caso in ovuli (non meno efficaci delle iniezioni che ha indicato). Il rischio infatti di aborto spontaneo nel primo trimestre è, per tutte le donne, pari al 25%, anche se si rimane tutto il giorno sdraiate a letto. Ciò può quindi portare subito a pensare che, qualora capitasse a qualunque donne un evento simile, non bisogna darsi delle colpe, poiché è un fenomeno della natura.
Le consiglio dunque di seguire i suggerimenti del ginecologo e, come aggiunta, quelli che ho sopra citato (in particolar modo evitare sforzi fisici eccessivi, avendo già tre bambini!).
La retroversione dell’utero sta ad indicare solamente la sua posizione all’interno dell’addome, quindi ciò non comporta assolutamente problemi particolari o modifiche dell’attuale gravidanza rispetto alle altre.
Spero di averLe chiarito al meglio i suoi dubbi e… cerchi di riposare appena può!
Buona fortuna!

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Ostetrica