Fertilità

La fertilità, scientificamente, è definita come la capacità di riprodursi e procreare. La trasmissione della vita è un dono insito in ogni essere vivente: portare in grembo e tenere fra le braccia il proprio bambino è una delle esperienze più emozionanti che si possano sperimentare nel corso della propria esistenza.

featured image trend
featured image trend

condivisioni & piace a mamme

Tuttavia, non per tutte le coppie si tratta di un percorso così semplice da attraversare e, talvolta, il concepimento di un figlio può risultare difficoltoso. La cellula uovo, a differenza dello spermatozoo che ha un ciclo vitale di circa 3 giorni, si estingue nell'arco 12-24 ore ed è perciò importante che il rapporto sessuale finalizzato alla fecondazione avvenga nel momento in cui questo è ancora in vita. Il momento più propizio per concepire è durante la fase di ovulazione, definita per questo motivo periodo fertile. Questa finestra temporale può essere calcolata sulla base del ciclo mestruale e, se opportunamente sfruttata, le possibilità di incontro fecondo fra sperma e ovulo si moltiplicano. Un ciclo regolare di 28 giorni, in genere, consente una più semplice individuazione del periodo fertile, tuttavia esistono in commercio anche dei test, reperibili nelle farmacie, i quali possono aiutare nell'impresa. La donna, spesso, riesce ad avvertire dei sintomi che suggeriscono l'arrivo dell'ovulazione, fra i più comuni troviamo gonfiore addominale, cambiamenti nel seno, incremento delle perdite vaginali e alterazione della consistenza del muco cervicale, nonché un leggero aumento delle temperatura corporea. Ad oggi sono numerose le tecniche che vengono incontro alle coppie che, pur desiderando un figlio, si trovano in difficoltà nel concepirlo. La procreazione assistita, la quale si avvale di tecniche ormonali, chirurgiche o farmacologiche, è una realtà a cui sempre più aspiranti genitori fanno ricorso. La FIVET - acronimo di Fertilizzazione In Vitro con Embryo Transfer - o ICSI è la metodologia al momento più diffusa; questa tecnica prevede la fecondazione in vitro dell'ovulo e il seguente impianto dell'embrione nell'utero della futura mamma.

Ginecologo

Igroma cistico riassorbito, possiamo decidere per un’interruzione della gravidanza?

Gentile dottore, volevo un parere da parte Sua. A 11 +3 settimane è stato riscontrato al feto un igroma cistico tra collo e tronco e translucenza aumentata. I valori non sono stati riportati ci è semplicemente stato consigliato di fare l’amniocentesi che è fissata x il 29.5 a 16+4. Ecografia di controllo a 15 settimane […]

risponde
avatar

Dott. Salvatore Annona

Ginecologo

Minaccia d’aborto

Buonasera, sono alla 6 settimana, lo scorso anno ho avuto un aborto spontaneo. Purtroppo si sono presentate anche questa volta delle perdite e la ginecologa dopo un’ecografia che presentava un piccolo distacco di placenta mi ha messo da subito a riposo e mi fa prendere progesterone cardioaspirina e lentogest. Io mi sento bene e durante […]

risponde
avatar

Dott.ssa Giovanna Marforio