featured image

Dott. Egidio Riggio

Specializzazioni, Università di Milano:
chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica,1994 e microchirurgia, 1997.
Dirigente medico chirurgia plastica dell'Istituto Nazionale Tumori di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Milano

Consulente tecnico del Tribunale di Milano

Membro Ordinario SICPRE, “Società Italiana di chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica

Membro ISAPS, “International Society of Aestethic Plastic Surgery

Membro Academy of Science, New York.

Membro onorario “Hellenic Society for Breast Cancer Research”

Autore di tecniche chirurgiche pubblicate su primarie riviste americane ed europee

Ex Inviato delle Nazioni Unite in Africa (Somalia, 1993)

La sua biografia è  riportata nel “Who'sWho” (Marquis, USA), archivio biografico di persone distintesi per meriti a livello internazionale

Il modo di affrontare e risolvere i problemi estetici di donne e uomini è frutto di un curriculum professionale dove la formazione ospedaliera in chirurgia plastica si completa con l'esperienza in chirurgia estetica acquisita a Milano e all'estero.

Massima esperienza in chirurgia ricostruttiva (dopo mastectomia e quadrantectomia) ed estetica della mammella (aumento mediante impianto di protesi, mastoplastica riduttiva e pessi). Chirurgia estetica e ricostruttiva della faccia. Nevi e tumori della pelle. Rimodellamento corporeo (addominoplastica, lifting, liposuzione e liposcultura).

Per informazioni e appuntamenti:
www.chirurgiaplastica-riggio.it

Studi:
MILANO, Studio Medico Buonaparte
Foro Buonaparte, 69

20121 – Milano
Tel.
328.6338018

altri:
PALERMO, via Daita 15, Tel. 091 587861

Roma, 328.6338018
Borgomanero (NOVARA), via Piave 2, Tel. 0322 844984

Leggi tutto il cv

Medico Risponde - Medicina Estetica

Gravidanza dopo intervento chirurgico

Buonasera, 3 mesi e mezzo fa ho affrontato un intervento di riduzione dello stomaco. Ad oggi ho 9 giorni di ritardo, domani farò il test, ma vorrei sapere se in questo momento una gravidanza potrebbe essere rischiosa. Vi ringrazio

Medico Risponde - Medicina Estetica

Dopo la gravidanza la cicatrice post peritonite ritornerà normale?

Buonasera dottore,a 3 anni mi hanno operata di appendicite seguita da peritonite. Oggi, ventisettenne, ho un cheloide di circa 15 cm verticale dal pube all'ombelico spesso 1 cm e mezzo.Le domande che mi assillano sono: potrò avere una gravidanza serena? La cicatrice mi darà problemi nel dilatarsi? E dopo la gravidanza ritornerà normale come ora?Il dottore curante mi dice sempre che non ci saranno problemi, ma anche quando mangio un po’ di più la pancia tende a gonfiarsi sempre a sinistra, ma a destra rimane piatta. Cosa mi consiglia? Grazie per la sua attenzione.

Medico Risponde - Medicina Estetica

Cicatrice cheloidea post operatoria in bambina di 10 anni

Buongiorno Gentilissimi, sono la mamma di una bellissima bambina di 10 anni, che all'età di 4 venne operata d'urgenza di invaginazione intestinale. Le fecero un taglio (che all'epoca era enorme, in relazione al piccolo pancino di una bambina di 4 anni) verticale sopra e sotto l'ombelico di circa 10 cm, che purtroppo formò una brutta cicatrice cheloidea. Oggi la bambina è una preadolescente che si lamenta per questa antiestetica cicatrice, io penso già al suo "imbarazzo" fra qualche anno quando dovrà mettersi il bikini (anche perchè qua da noi, l'estate, il mare e la spiaggia durano almeno 3 mesi, e già oggi tutti quelli che la incontrano le fanno la fatidica domanda "cosa ti è successo lì'" dal momento che la cicatrice salta immediatamente agli occhi). È in cura presso una dermatologa per tenere sotto controllo dei nei, e già che c'ero le ho chiesto per la cicatrice, ma si è limitata a consigliarmi una tipologia di pomata con gel di silicone (non faccio nomi ma ce ne sono diverse che voi conoscerete sicuramente) che mia figlia sta mettendo già da mesi e senza -ovviamente- alcun risultato anche perchè la cicatrice ormai è vecchia di oltre 6 anni. Mi sono informata e ho visto che si potrebbe tentare con il laser, ma vi chiedo: a 10 anni è possibile? È dolorosa/traumatizzante per una bambina di 10 anni? È possibile ipotizzare con quale margine di miglioramento? Ho letto anche che i cheloidi sono considerati "patologia" e quindi sarebbe possibile trattarli in convenzione col SSN, ma a chi mi dovrei rivolgere, visto che la dermatologa che ha in cura mia figlia è una dottoressa ospedaliera tramite proprio SSN e non mi ha detto nulla al riguardo, limitandosi a consigliare la pomata? A un chirurgo plastico? Ho chiesto lumi anche alla pediatra, la quale non ha saputo aiutarmi. Non ho i soldi per rivolgermi privatamente a un chirurgo plastico ma sinceramente mi dispiace lasciare mia figlia in questa situazione, per cui spero di risolvere tramite SSN Siete la mia ultima risorsa, vi chiedo un aiuto almeno per "orientarmi" (se può essere d'aiuto abito a Cagliari) grazie per l'attenzione, spero in una vostra risposta, e vi saluto cordialmente

Medico Risponde - Medicina Estetica

Gravidanza dopo intervento di diastasi dei muscoli retti e addominoplastica

Gentile dottore, le scrivo per rassicurarmi su una questione che non mi fa stare molto tranquilla. Sono una mamma di 37 anni, ho due figli, quasi quattro anni fa mi sono sottoposta ad un intervento di diastasi di cm.7 dei muscoli retti e addominoplastica. Da tre mesi aspetto un bimbo e volevo sapere se dopo questo intervento ci possono essere dei rischi sia per me che per il bambino, non mi hanno messo nessuna retina. Posso tranquillamente portare avanti la gravidanza? Che tipo di parto è consigliato? Premetto che dieci anni fa ho avuto un parto cesareo. La ringrazio tanto dottore delle sue risposte.

Medico Risponde - Medicina Estetica

Rete ombelicale durante la gravidanza

Buongiorno, sono una mamma di 35 anni, ho avuto la mia prima gravidanza 2 anni fa con conseguente ernia ombelicale, che ho eliminato a maggio del 2013.in seguito all'intervento mi è stata applicata la cosiddetta rete. A distanza di quasi un anno dall'intervento, a volte sento ancora dolore da contatto nella zona. Ora sono nuovamente incinta (8 settimane): vorrei sapere se con l'ingrandirsi della pancia ci possa essere rischio di un eventuale "strappo" della rete o altro. grazie mille

Medico Risponde - Medicina Estetica

Diastasi muscoli retti addominali con ernia sovraombelicale

Gent.le Dott., sono una mamma di 37 anni di 2 bambini, una di 7 e l'altro di 3 e mezzo. Con la seconda gravidanza ho avuto una diastasi dei muscoli retti addominali con ernia sovraombelicale di 2 cm. Ora, a distanza di 3 anni e mezzo ho fatto l'intervento di ernioplastica (senza rete) e cucitura dei muscoli retti 16 gg.fa. Volevo sapere se in futuro sarà possibile avere una terza gravidanza e se c'è il pericolo che possa ritornare il problema. Lei pensa che sarebbe rischioso? E se potessi, quanto tempo dovrò aspettare prima di provarci? Grazie in anticipo. Saluti,

Medico Risponde - Medicina Estetica

Cicatrice cheloidea: si può risolvere tramite SSN?

Salve, ho 26 anni, durante il V mese di gravidanza ho subito un appendicectomia già in peritonite, essendo in gravidanza i medici hanno preferito tagliare verticalmente dall'ombelico in giù, in seguito ad esso sulla cicatrice si è formato un cheloide che durante il taglio cesareo (sempre sula stella cicatrice) il chirurgo plastico ha cercato di rimuovere. A distanza di tempo mi sono accorta che c'è riuscito solo in parte e che nel punto dov'è rimasto sento delle fitte e molto prurito da non sopportare nè slip nè pantaloni. Inoltre attorno alla cicatrice la pancia ha assunto una forma strana e molto molliccia dandomi fastidio e prurito. Volevo sapere se posso risolvere entrambi i problemi tramite mutua..?? Cordiali saluti.

Medico Risponde - Medicina Estetica

Diastasi addominale e gravidanza

Buongiorno Dottore, mi chiamo Roberta e ho 28anni, 4 anni fa ho avuto il mio primo figlio, che pesava kg 3,700 ed era lungo 52 cm, io durante tutta la gravidanza ho messo 14 kg. Per permettermi di partorire dopo 17 giorni dalla fine del nono mese, mi hanno indotto la stimolazione per ben 2 volte e ho fatto un travaglio di circa 30 ore e quando alla fine si son resi conto che non avevo dilatazione, hanno accettato la mia richiesta di poter essere sottoposta ad un parto cesareo. Mi hanno dimesso per mancanza di posti letto dopo 40 ore, anche se avevo difficoltà a mettermi in piedi. Dopo qualche mese dal parto, quando ho deciso di diminuire l'utilizzo della pancera, mi sono resa conto che il "buco" che avevo allo stomaco, non era regredito, pressando sulla mia pancia ci entra una mano intera e continuavo ad avere gli stessi fastidi di digestione che avevo in gravidanza. Inoltre la parte sottostante il mio ombelico è rimasta piatta con lo stesso sporgente. Ho deciso di fare una visita da un chirurgo, che mi ha fatto un'ecografia e ha constatato che lo spessore dei miei addominali è di circa 3 mm, che ho una diastasi addominale di 15 cm e un'ernia ombelicale. Mi consigliò di operarmi subito per inserire la rete in modo da riunire gli addominali e di rassegnarmi all'idea di non avere un secondo figlio, per lui ipotesi troppo rischiosa in quanto dice che avere una diastasi così grande, con una seconda gravidanza rischierei di far uscire da essa il mio intestino... ho sentito un secondo parere, e quest'altro medico mi ha confermato la diagnosi, ma non è stato così drastico, mi ha consigliato di avere un'altra gravidanza, stando attenta a seguire i dovuti accorgimenti e sottopormi in un secondo momento all'intervento. Da premettere che ho cominciato a fare sport da quando avevo 3 anni, che i miei addominali sono sempre stati scolpiti, quasi quanto quelli di un uomo allenato, oggi sono 3 anni che cerco di ritornare in forma, ma i miei addominali non reagiscono, la mia diastasi è sempre lì e la mia ernia pure... sto pensando di avere un altro figlio, ma sono frenata dal parere del primo medico. Mi chiedo quali rischi corro realmente? Posso avere un'altra gravidanza? È veramente così pericoloso? E se decidessi di fare l'intervento, è vero che dovrebbero tagliare dallo sterno all'ombelico???? Ma soprattutto, tutto questo può essere stato causato dallo sforzo del travaglio e dalle dimissioni anticipate? Le chiedo gentilmente di darmi un parere! Grazie.

Medico Risponde - Medicina Estetica

Le lampade possono far male al bambino? E le protesi mammarie?

Buonasera,volevo togliermi dei dubbi e quindi avevo bisogno di farvi qualche domanda. In gravidanza si può fare qualche lampada o è pericoloso per il feto? Ho fatto un intervento di mastoplastica additiva circa 2 anni fa e volevo sapere se posso allattare senza problemi o il latte che produrrò può far male al bambino? Spero mi togliate questi dubbi. Vi porgo i miei più distinti saluti in attesa di risposta

Medico Risponde - Medicina Estetica

Botox durante l’allattamento

Gentile dottore, sono una donna in gravidanza e mi sembra di aver capito che l'utilizzo della tossina botulinica in gravidanza, anche se a fini estetici con dosaggi ridotti, sia fortemente sconsigliato. Le chiedo se una volta portata a termine la gravidanza sarà possibile sottoporsi od occorre aspettare anche la fine dell'allattamento?

Medico Risponde - Medicina Estetica

Iniezioni di acido ialuronico in gravidanza!

Buongiorno Dott., volevo porle un quesito: sono alla 20^ settimana, ho fatto l'esame di amniocentesi, più l'ecografia morfologica con esito buono. 2 gg fa mi sono sottoposta a delle iniezioni di acido ialuronico, volevo sapere se posso aver arrecato qualche danno al feto; il dermatologo mi ha detto che dopo il 5^ mese potevo stare tranquilla... ora ho un po’ di rimorsi e tanta paura...

Medico Risponde - Medicina Estetica

Addominoplastica: problemi per una futura gravidanza

Egregio dottore, ho fatto da quasi un anno l'addominoplastica e vorrei sapere se posso avere una gravidanza e se ci sono eventuali conseguenze. Grazie

Medico Risponde - Medicina Estetica

Seni asimmetrici

Egregi! Vorrei porvi questo problema che mi affligge da quando è nata la mia piccola. Allatto esclusivamente da 3 mesi, i primi giorni i seni erano simili, a parer mio di uguale grandezza, ma in pochi giorni il seno destro si è letteralmente sgonfiato. Da 3 mesi combatto contro questo problema cercando di attaccare il più possibile dal seno più piccolo, ma la bambina sembra finga di succhiare e si addormenta sembra proprio non ne voglia sapere e l'ansia che non mangi mi spinge a offrirle più spesso il seno più gonfio che l'altro. Il problema che più mi tormenta è capire perché un seno funziona perfettamente e l'altro no. Specifico che latte ne ho sempre ma poche gocce, se con un seno produco 100 cc e passa, con l'altro ne produco 10-30. Vorrei capire se è perché la bimba non vuole succhiare perché non le piace la posizione o se è il mio seno che è "sbagliato" e in quest'ultimo caso possono esserci delle soluzioni? Ho anche pensato di passare all'allattamento artificiale perché questo problema mi imbarazza molto (al mattino mi sveglio con una terza e una prima scarsa) ma allo stesso tempo smettere di allattare mi deprime molto. So che un'asimmetria è normale, ma così grande?? La leche league mi ha consigliato la visita da un senologo, ma ne vale veramente la pena? O per il mio problema non esiste soluzione? Vi ringrazio anticipatamente per la risposta e vi faccio i complimenti

Medico Risponde - Medicina Estetica

Verruche in gravidanza

Buongiorno dottore, sono incinta al secondo mese e ho delle verruche sulle mani… come posso eliminarle senza causare pericolo per il piccolo… devo aspettare o posso fare qualcosa?

Medico Risponde - Medicina Estetica

Sono da buttare!

Salve dottore, vorrei un suo consiglio, per favore mi aiuti. Sono in piena crisi, ho 36 anni alta 1.50 mt e peso 45 kg, ho sempre fatto ginnastica più o meno assiduamente adesso con 2 bimbi faccio 45 min. a casa tra pesi e potenziamento glutei e addominali. Questo problema mi affligge da sempre per questo penso sia genetico: ho la pelle dell'addome flaccida, se saltello lei saltella se faccio le flessioni lei scende e se mi piego fa le pieghette, come può vedere dalle foto. Adesso lei dovrebbe aiutarmi, mangio molte proteine adesso le metto un po’ anche nel latte quelle in polvere e poi mangio effettivamente tanti biscotti, tipo 6/7 al dì per adesso che sono triste le razioni aumentano, ma non supero 9/10. È vero che il collagene per bocca potrebbe aiutarmi e poi da 1 mese circa metto sull'addome il siero O2 life, ma il risultato è quello che vede, non posso ricorrere alla chirurgia che poi sarebbe la soluzione più veloce e immediata, ma i prezzi non sono alla mia portata, tranne se lei vuole fare beneficenza... scherzo! Esiste un modo per limitare il peggioramento? Visto che ho solo 36 anni e purtroppo questo problema mi rimarrà come una zavorra e che probabilmente non lo risolverò mai? Mio marito dice che è solo una mia fissazione, ma io ci vivo male, anche perché in viso sono carina. Se avessi i soldi mi farei il seno perché con i due allattamenti e scomparso il naso perché la fine è a palloncino e l'addome... praticamente sono da buttare. Mio marito non vuole che faccia niente di tutto ciò, visto che comunque sarebbero interventi costosi. La prego mi dia lei dei consigli, grazie

Medico Risponde - Medicina Estetica

Gravidanza dopo una mastoplastica additiva...

Salve, volevo chiederle quanta verità c'è nel dire che dopo avere effettuato un intervento di mastoplastica additiva si deve aspettare almeno un anno per una gravidanza? Ho 28 anni e a settembre ho eseguito l’intervento e stavo pensando ad una gravidanza, ma mi spaventa l’idea di rovinare il tutto… come posso comportarmi? Grazie

Medico Risponde - Medicina Estetica

Ombelico dopo addominoplastica

Egregio dott. Riggio, salve, sono Maria, innanzitutto la ringrazio per la sua risposta e mi scuso per la poca chiarezza datale, quindi vorrei chiarire che l'ombelico ha mantenuto la sua posizione originaria, infatti non si trova più in basso e poi è stato inciso con una cicatrice intorno (mi hanno detto che l'ombelico sarebbe stato staccato dalla pelle e affondato per poi riprenderlo e riposizionarlo al suo posto e suturato, non so se mi sono espressa bene, ma così ho capito). Spero di aver un po’ chiarito e comunque spero che cambi qualcosa per la guarigione. Vorrei inoltre capire se eventualmente questa incisione all'ombelico è dolorosa e se la guarigione è lunga o no, e comunque di riavere la mia forma originaria ormai non ci spero più, ma almeno un aspetto più carino. La ringrazio cordialmente

Medico Risponde - Medicina Estetica

Infiltrazioni di cortisone e gravidanza

Buonasera Dottore, a luglio dell'anno scorso ho fatto un intervento di mastoplastica additiva e le cicatrice si sono ipertrofizzate. Adesso ho cominciato un trattamento a base d'infiltrazioni di cortisone, e simultaneamente, vorrei rimanere incinta. Ho già chiesto il parere del mio medico il quale ha detto che non ci sonno problemi. Vorrei sapere il suo parere. Ci sono rischi per il feto? Devo aspettare oppure no? Se sì, quanto tempo dopo il termine del trattamento? Grazie e cordiali saluti.

Medico Risponde - Medicina Estetica

Ombelico venuto male dopo addominoplastica

Egregio dott. Egidio Riggio, ho 36 anni e da 2 mesi appena ho subito un intervento di laparocele più laparoplastica e addominoplastica, in pratica mi hanno ricucito i muscoli addominali inserendomi una rete di sostegno e poi mi hanno eseguito una addominoplastica e mi hanno riposizionato l'ombelico. Devo dire che tutto è andato bene, però l'ombelico secondo me è venuto male, sia per la forma data, cioè a "v", sia perchè non è incavato, ma è pari alla pelle; quindi le chiedo se col tempo l'ombelico rientrerà e quindi se la forma un po' migliorerà e se no, è possibile sistemarlo e come? Attendo con ansia una sua risposta. La ringrazio cordialmente.

Medico Risponde - Medicina Estetica

Diastasi retti addominali di 2,5 cm post gravidanza

Buongiorno, mi è stata diagnosticata con ecografia una diastasi dei retti addominali di 2,5 cm che si estende per 3,5 cm. L'effetto che produce è una pancia a punta da farmi sembrare incinta soprattutto dopo che ho mangiato. Vorrei sapere se prima dell'intervento di addominoplastica è necessario perdere i 5 kg in più che ho dalla gravidanza (ho partorito circa un anno fa), e se il decorso postoperatorio sia particolarmente doloroso o impegnativo avendo un bimbo di quasi un anno e quanto tempo bisogna rimanere a letto e non muoversi. Alcuni medici, non chirurghi plastici, dicono anche che si può non operarsi ma oltre all'effetto estetico che per me è un vero problema, io ho continui mal di schiena e sento di non avere il sostegno degli addominali..ma la cicatrice varia a seconda dell'ampiezza della diastasi?io ho già quella del cesareo…