Le tanto attese vacanze estive sono alle porte e quest’anno la famiglia si è allargata con l’arrivo di un neonato. Il modo di percepire e vivere le vacanze non sarà più come prima, i ritmi saranno diversi e così l’equilibrio dell’intero nucleo familiare sarà tutto concentrato sul bimbo (o i bimbi).

Con le scuole e gli asili ormai chiusi partire in viaggio è davvero dietro l’angolo ma come comportarsi se si hanno dei bambini piccoli? Come proteggere il neonato dal sole estivo al mare o in montagna? Insomma, come organizzarsi al meglio e godersi in totale sicurezza le ferie  insieme al bebè? Scopriamolo, attraverso la nostra guida e i consigli degli specialisti.

Bimbo in viaggio: tutti i consigli per mamma e papà

Vacanze con neonati al mare: i consigli per proteggerli

Le questioni che maggiormente preoccupano i neogenitori durante la prima vacanza estiva con il neonato sono legate alla protezione e al benessere del piccolo: come proteggerlo dall’esposizione ai raggi UV, dalle punture degli insetti e, in generale, dal cambiamento climatico a cui sono abituati.

Ecco alcuni consigli pratici da considerare quando si è in viaggio verso mete turistiche calde come il mare.

Il neonato in viaggio

Partiamo dal principio: il viaggio in auto. Come comportarsi? La prima regola, così come sottolineato dai pediatri del SIN (Società Italiana Neonatologia) è legata alle condizioni climatiche ideali per il neonato in viaggio e alla sua sicurezza.

  • È preferibile viaggiare nelle ore più temperate della giornata, ovvero al mattino presto e la sera.
  • Il trasporto dei neonati e bambini all’interno delle macchine è regolato dall’art. 172 del Codice della Strada: per cui il neonato deve essere posto nell’apposita navicella od ovetto conformi alla normativa europea e opportunamente fissati al sedile.

Vacanze: come proteggere il neonato dai raggi UV al mare

La regola base è quella di non esporre l’infante ai raggi diretti del sole nelle ore più calde della giornata. È indispensabile per la pelle delicata del bebè e per il rischio di disidratazione, portare il neonato al mare nelle prime ore della giornata (7:00 – 10:30) o nel tardo pomeriggio/sera (dopo le 17:30).

  • La crema solare. Anche se nelle ore più temperate i raggi UV non sembrano essere troppo pericolosi, è comunque fondamentale proteggere il bebè con crema solare a protezione totale (+50 sfp) da applicare 30 minuti prima dell’esposizione al sole. Da non dimenticare che anche se il bimbo è riparato sotto l’ombrellone o la giornata al mare appare nuvolosa, i raggi UV penetrano ugualmente potendo procurare danni all’epidermide del neonato.
  • Gli indumenti. Il piccolo va coperto con capi chiari e leggeri, di fibre naturali, che lascino scoperti gli arti. È consigliabile un solo strato di indumenti e l’uso di un cappellino leggero con visiera larga.
  • L’idratazione. Se il neonato viene allattato al seno non è indispensabile offrire acqua o altri liquidi ma limitarsi a idratare il bebè offrendogli qualche poppata in più. Mentre, se il bimbo è alimentato con l’allattamento artificiale, offrire il biberon per evitare che si disidrati è raccomandato. Un consiglio per valutare se il neonato sta soffrendo di disidratazione è quello di controllare la quantità di emissione di urine: se il pannolino risulta più asciutto del normale, potrebbe essere sintomo di disidratazione, così come la presenza di secchezza delle mucose o una maggiore irritabilità.
Tutto sulla disidratazione nel neonato (dai segnali al trattamento)

Il bagno al mare (o in piscina) del neonato, sì o no?

Il neonato, specie nelle prime settimane di vita e se ancora è presente il residuo del moncone ombelicale o una piccola area non ancora cicatrizzata, è sconsigliato immergerlo nell’acqua sia essa di piscina o di mare.

Raramente poi, la temperatura dell’acqua delle piscine e del mare sono idonee al bagno del neonato.

Green pass bambini 2-3 anni, le regole per i viaggi in Italia e le cerimonie

Vacanze con neonati in montagna: le temperature

Se l’idea delle vacanze estive verte, invece, verso una località di montagna, come proteggere i neonati da insetti o sbalzi termici eccessivi? Iniziamo con il dire che le temperature presenti in montagna nella stagione estive sono assolutamente più idonee ad una vacanza con un bebè di poche settimane rispetto alla città.

Ma per i genitori che hanno come obiettivo rimanere solo un fine settimana o un tempo limitato al fresco portando il neonato con sé, questo tempo limitato è altamente sconsigliato.

Questo perché periodi di tempo così brevi (come un weekend) non permettono quei fisiologici adattamenti richiesti dal cambio di altitudine e dunque di pressione atmosferica di cui il bimbo ha bisogno per adattarsi.

Vacanze con neonati: montagna sì ma attenzione alle “altezze”

È sconsigliato portare il neonato su altezze elevate (ovvero, che superano i 2000 mt di altitudine). Se la vacanza prefissata, invece, è proprio su altezze così elevate è opportuno fermarsi e fare una tappa intermedia di “acclimatamento” in modo che il piccolo si adatti al clima gradualmente.

Proteggere il neonato dal sole in montagna

Così come al mare anche in montagna i raggi solari possono bruciare la pelle e infiammare gli occhi se non accuratamente protetti. Anzi, al contrario di come si possa pensare, è proprio sui monti che bisogna prestare maggiormente attenzione ai raggi UV raddoppiando il filtro solare.

Questo perché i raggi del sole ad alta quota sono più vicini e diretti e, inoltre, più si sale in altitudine più diminuisce la pressione atmosferica e l’aria è più rarefatta e tersa. Quindi:

  • proteggere la pelle del neonato con una crema solare con fattore protettivo totale (+50);
  • usare occhiali da sole (per bimbi più grandicelli) in modo da proteggere gli occhi e scongiurare eventuali problemi di congiuntiviti ustioni o fotosensibilità;
  • per le passeggiate o il trekking in montagna proteggere la testa con cappellino a falde larghe soprattutto nelle ore più calde;
  • evitare di esporre il bambino al sole nelle ore centrali della giornata: dalle 12 alle 16.

Come vestire il neonato in vacanza in montagna d’estate

L’abbigliamento del piccolo sarà conseguente alle temperature presenti. Nella valigia mamma e papà non dovranno far mancare:

  • un giubbino antivento con cappuccio: meglio se leggermente foderato (perfetto per riparare il bimbo in caso di pioggia e vento);
  • due cappellini: uno per il sole in cotone leggero e a falda larga, l’altro in cotone stretch per riparare dal vento e dagli sbalzi di temperatura le orecchie del piccolo;
  • tutine a manica lunga in cotone e qualche body a mezza manica nelle giornate più calde;
  • un costume o copripannolino se si desidera trascorrere una giornata in un ambiente chiuso come una spa o una piscina coperta.

Proteggere il neonato dagli insetti in estate, al mare e in montagna

Sia che si è al mare sia in montagna proteggere il proprio bambino dagli insetti e dalle punture di zanzare o api è fondamentale per la salute e il benessere del piccolo.

Quindi, si consiglia di evitare luoghi o posti in cui è presente una concentrazione maggiore di zanzare o altri insetti. Le zanzare e gli insetti saranno maggiormente prevalenti nelle ore crepuscolari e serali, specie in zone in prossimità di sorgenti di acqua (laghi, mare o fiumi) dove la percentuale di umidità è elevata.

Se non si può farne a meno, la miglior prevenzione delle punture si può effettuare con metodi di barriera, quali zanzariere per passeggini o culle, e negli ambienti domestici è consigliato l’uso delle zanzariere alle finestre.

Mentre, se si usano prodotti con fornelletti emanatori di sostanze potenzialmente tossiche antizanzare (sconsigliati) si deve avere un’ottima ventilazione dell’ambiente prima della nanna del neonato.

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 1 voto.
Attendere prego...

Categorie

  • Neonato (0-1 anno)
  • Salute e Benessere