Anonimo

chiede:

Sono un ragazzo si 30 anni, sposato da due. Nel mese di Marzo
2004, a seguito di uno spermiogramma, è stata rilevata una scarsa
motilità degli spermatozoi: il 5% di tipo A, 33% di tipo B ed il 60% di
tipo D (immobili), ma una concentrazione totale di spermatozoi pari a
212 milioni su un campione di 4 ml eiaculato. Eseguendo
un’EcoColorDoppler ai testicoli, è stato riscontrato un varicocele di
2-3° grado. Sottoponendomi ad intervento chirurgico nel mese di Aprile,
dopo 6 mesi (Ottobre 2004) ho ripetuto lo spermiogramma, rilevando un
progressivo miglioramento della motilità degli spermatozoi: 15% di tipo
A, 26% di tipo B, 7% tipo C e 52% tipo D, con una concentrazione totale
di spermatozoi pari a 270 milioni su un campione di 4,5 ml eiaculato.
Noto quindi un progressivo ma lento miglioramento che con il tempo
potrebbero aumentare le possibilità di avere un figlio. L’unica anomalia
riscontrata in questo test è stata la viscosità aumentata del liquido
spermatico che inciderebbe sulla riuscita degli spermatozoi all’interno
del canale cervicale uterino. Mi può dare una delucidazione in merito e
mi consigli se devo ripetere lo spermiogramma tra qualche mese. Grazie.

Vi può essere una infiammazione alla prostata che aumenta la viscosità del
liquido seminale. Consiglierei di ripetere lo spermiogramma ed eseguire
degli esami colturali: urinocoltura, spermiocoltura.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Andrologo