Varicocele e spermiogramma | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Gentile dottore,
le scrivo perchè ormai da circa 4 anni io e mio marito cerchiamo di avere un figlio ma ancora non è successo niente. Nel 2003 mio marito ha fatto lo spermiogramma ed è risultato che aveva pochi spermatozoi lenti e che gli elementi mobili dopo 2 ore erano del 30%, siamo andati dall’urologo il quale gli ha dato delle medicine non pertinenti al suo problema. Poi mio marito si è stancato di essere sottoposto a esami e non ne ha più voluto sapere… Dietro mie insistenze ha rifatto lo spermiogramma il giorno 08/07/2005… Premetto che tra un esame e l’altro abbiamo cambiato andrologo che gli ha prescritto Candinet e Travocort a causa di una Balanopostite ricorrente che gli provocano infiammazioni del glande, avendo lui il prepuzio aderente e gli ha detto che era meglio fare una circoncisione (che mio marito è contrario a fare) per eliminare il problema. Poi gli ha prescritto Spergin Q10 e Fertiplus, mio marito la cura l’ha fatta ma, soffrendo di diabete mellito insulino indipendente, ha dovuto sospendere la cura perchè da quando l’aveva cominciata aveva i valori della glicemia più alti del solito. Allora l’andrologo gli ha dato Bioarginina e Diagran Minerale. Nel frattempo gli ha fatto fare una eco scrotale (fatta il 24/05/2006) che dice:
L’esame eseguito con trasduttore lineare ad alta frequenza ha evidenziato testicoli in sede. Il didimo dx è volumetricamente nei limiti delle norma con profili regolari e struttura sostanzialmente conservata. Il didimo sx è di volume ridotto rispetto alla norma: testicolo sx 42x27x23 : 14ml
La sua struttura è finemente irregolare con rilievo di alcune sottili venature ipoecogene; sono presenti anche alcune minute calcificazione intraghiandolare; con alterazioni focali a carattere neoformativo. L’epididimo dx è di volume normale senza alterazioni significative della struttura. A sinistra la testa dell’epididimo è mal evidenziabile verosimilmente perchè di volume ridotto. Presenza di varicocele bilaterale con reflusso durante le manovre di Valsalva; di 3° grado a sx e di 2° grado a dx. Regolare spessore delle guaine scrotali.
Poi gli ha detto che se voleva risolvere il problema del varicocele, in modo da migliorare la motilità e la velocità degli spermatozoi, lo poteva operare lui ma che l’operazione fatta privatamente gli sarebbe costata all’incirca 5.000 € (2.500 € a testicolo). Al che mio marito è scappato a gambe levate e non ci è più tornato.
In passato ho avuto un aborto e poi una gravidanza portata a termine (col precedente marito). A dicembre ho fatto una isterosalpingografia e mi hanno diagnosticato un setto all’utero e il ginecologo, a conoscenza dei problemi di mio marito e miei, mi ha solo prescritto una iniezione di Lentogest, di prendere la temperatura basale e di avere rapporti mirati nei giorni fertili. Vorrei sapere da lei se con queste premesse (e secondo la sua esperienza) io e mio marito riusciremo mai ad avere un figlio con metodo naturale. Io ho 27 anni e mio marito quasi 44.
La ringrazio per la cortesia e l’attenzione, mi scuso per la mail lunga ma per avere un parere ben preciso ho voluto spiegarle le cose così come stanno.
Distinti saluti.

Gent.ma Sig.ra Mihujaila,
dai dati che lei mi riporta riguardanti suo marito, la situazione non è drammatica, e così anche mi sembra la sua. C’è però un dato di fatto che sono i 4 anni di infertilità, nonostante i tentativi mirati. Per cui sarebbe opportuna una valutazione anche in un’ottica di eventuali livelli di Fertilizzazione Assistita. Cordiali saluti

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Andrologo