Oligoastenospermia: cause e terapie - GravidanzaOnline

“Severa oligoastenospermia: possiamo concepire in modo naturale?”

Anonimo

chiede:

Gentile dottore, vorrei un suo parere su una questione che mi sta naturalmente molto a cuore. Io ho 28 anni e mio marito 29 anni, da un anno cerchiamo una gravidanza ma senza successo. Premetto che a causa di altri problemi i tentativi sono stati 7 e non 12 di cui tre dietro stimolazione ovarica con clomid e rapporti mirati, ma nulla. Dopo aver eseguito diversi controlli soltanto io (nessun medico ci aveva mai nemmeno accennato l’ipotesi di un esame del liquido seminale) di nostra iniziativa abbiamo deciso di fare uno spermiogramma; purtroppo l’esito non è stato roseo… ma sorgono dei dubbi.

Nel primo spermiogramma effettuato presso un laboratorio analisi generico è risultata solo una astenospermia, ossia il numero era di 33 milioni di spermatozoi per ml, mentre la motilità risultava compromessa con solo il 50% di spermatozoi mobili all’emissione (non capisco come abbiamo estrapolato questo dato che il seme è stato raccolto a casa e portato da loro successivamente, comunque entro dieci minuti data la poca distanza laboratorio-casa) ed il 35% di spermatozoi mobili dopo un’ora. Insomma, il risultato non era proprio disastroso anche se non roseo. A distanza di poco più di due mesi (nel frattempo sta assumendo integratori alimentari e nello specifico Proxeed dietro consiglio del suo medico di base che è specializzato in urologia) facciamo un altro spermiogramma presso un altro laboratorio generico e qui la catastrofe… appena 4 milioni di spermatozoi e solo il 10% di spermatozoi mobili dopo un’ora: severa oligoastenospermia necessaria ICSI.

Il mondo mi è crollato addosso, possibile un tale peggioramento nel giro di due mesi? Inoltre il 75% di spermatozoi risulta normale, io so che le forme normali non possono essere ad una percentuale così alta… ha fatto una visita urologica e un ecodoppler da cui risulta un varicocele al testicolo sinistro.. dall’esame manuale vescichette seminali e prostata sono a posto, la spermiocoltura è negativa. Dall’esame manuale il primo urologo aveva ipotizzato un varicocele di II stadio, mentre secondo il risultato dell’ecodoppler il varicocele non arriva nemmeno al I stadio, il medico l’ha definito “infinitesimale”, dunque può essere questo a causare uno spermiogramma così disastroso?

Ora, premesso che ripeteremo lo spermiogramma in un laboratorio specializzato e più scrupoloso, il suo medico di base (urologo) sostiene che sia colpa del varicocele e consiglia di operare, ma non accenna a nessun altro tipo di esame, mentre io dalle ricerche effettuate sono perplessa, può un varicocele così “blando” causare tali danni? Onestamente il pensiero di dover ricorrere alla pma non mi piace per nulla, vorrei sapere se esistono altre strade percorribili, altri esami, non so che fare, mi può dare il suo parere? Grazie mille e mi scusi se mi sono dilungata. Saluti.

Gent.ma Sig.ra,
consiglierei di eseguire almeno due spermiogrammi a distanza di 15 gg l’uno dall’altro con eventuale test di capacitazione presso Centri accreditati o pubblici o convenzionati. Poi mi metterei nelle mani di un buon uro-andrologo che valuti i percorsi diagnostici ed eventualmente terapeutici da eseguire per suo marito. Tenendo anche conto della sua giovane età (28 anni) concordo perfettamente con lei che prima di accedere a percorsi di PMA prima debbano essere tentate tutte le strade per una gravidanza per via naturale. Cordiali saluti

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Andrologo