Ascessi 6° settimana | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Salve dottore, sono un po’ preoccupata perché ho un quadro dentale non molto bello. Sono affetta da amelogenesi (si trasmette al bambino?), i miei denti quindi sono molto delicati e soggetti a rotture nonché a carie, ho 2 ascessi da diverso tempo che però non davano dolore fino a qualche giorno fa. Premesso che il 17 febbraio ho fatto una panoramica ai denti proprio perché avevo intenzione di curarmi ma… ho avuto l’U.M. il 27 gennaio e ora sono incinta di poco più di
6 settimane! Da ieri l’ultimo molare inferiore dx (cariato) con ascesso alla radice ha iniziato farmi male… domani ho prenotato la visita dal dentista… ma lei cosa mi consiglierebbe: la ginecologa m’ha detto che prima dei 3 mesi è meglio non intervenire… per il dolore basta la tachipirina? E l’infezione da ascesso fa male al bambino? Quali i rischi? Cosa devo fare??? Grazie mille!

Gentile Signora Emanuela, se è presente un problema, nella fattispecie un ascesso odontogeno accompagnato da dolore, non vedo motivi validi per non intervenire.
Vuol forse restare per mesi con il dolore?
Non sono affatto d’accordo con la Sua ginecologa in merito al fatto di dover attendere la fine del primo trimestre per non correre rischi.
A quale rischi fa riferimento? La gravidanza non è una malattia per la quale possono esserci controindicazioni! Sia ben chiaro una volta per tutte! In assenza di particolari problematiche la donna in gravidanza va trattata come una che non lo è. Ragion per cui può e anzi DEVE essere sottoposta alle cure del caso!
Il medico che rifiuta l’esecuzione di cure necessarie, senza giusta ragione, potrebbe peraltro incorrere in procedimenti disciplinari da parte dell’ordine d’appartenenza per inottemperanza del codice deontologico.
Ad ogni modo sarà il dentista, che ricordo essere medico come altri specialisti, e non il ginecologo a stabilire se una cura odontoiatrica è oppure no urgente e necessaria.
Per quel che concerne l’amelogenesi imperfetta, pur essendo meglio nota come “displasia ereditaria dello smalto”, quindi su base genetica, non è assolutamente detto che interesserà i denti del Suo bambino. Su questo argomento però il genetista potrà esserLe d’aiuto meglio di me!
Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Dentista