Registrati alle settimane di gravidanza

Il Medico Risponde

L'Infettivologo risponde


Assunzione farmaco anticolera: problemi per un eventuale concepimento?

(19/06/2015 - 11:59)

Salve, mio marito ha assunto Dukoral bustine in due dosi (profilassi anticolera), l'ultima due settimane fa. Ci sarebbero problemi per un eventuale concepimento nei prossimi giorni? Grazie

Claudia

Gentile Claudia,
direi proprio di no. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Mozzarella scaduta: potrei aver contratto la listeriosi?

(17/06/2015 - 18:26)

Buonasera, sono alla trentaduesima settimana di gravidanza e volevo sapere se è possibile contrarre la listeriosi da una mozzarella, pastorizzata e confezionata, scaduta da un po'. Mi sono accorta che era scaduta solo dopo averne mangiato un pezzetto. Sono terrorizzata...

Lettera non firmata

Gentile Signora,
si tranquillizzi, la probabilità che lei possa avere contratto la listeria è estremamente bassa, quasi trascurabile. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Citomegalovirus correlato alla pitiriasi rosea di Gilbert?

(16/06/2015 - 18:45)

Buongiorno, sono alla mia prima gravidanza, di 8 settimane e dovrò fare l'esame per il Citomegalovirus. Poco prima di rimanere incinta ho avuto la pitiriasi rosea di Gilbert legata all'herpes della sesta malattia. Mi è durata fino alle prime 5 settimane di gravidanza. Essendomi informata sul test che andrò a fare, ho visto che entrambi appartengono alla stessa famiglia degli herpes. La mia paura è di essere positiva al Citomegalovirus proprio perché ho contratto la pitiriasi rosea di Gilbert a inizio gravidanza. È possibile o essendo della stessa famiglia ma due virus diversi non è detto? Quando ho scoperto di avere la pitiriasi, sia il dermatologo che il ginecologo mi dissero che in realtà non dovrebbe aver interazioni, ma ora sono nel panico lo stesso. Grazie mille per la risposta.

Lettera non firmata

Gentile Signora,
non ci dovrebbero essere interazioni. In caso di eventuali dubbi ci sono dei test di completamento che si possono eseguire. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Clamidia e gravidanza

(13/06/2015 - 22:26)

Gentile Dottoressa, Io e mio marito cerchiamo di avere un bambino da qualche mese, senza riuscirci. Lui sostiene che potrei avere la clamidia, considerando i miei trascorsi sessuali. Abbiamo fatto tutti gli esami insieme in passato, tranne la clamidia. Ho già prenotato il tampone. La mia domanda è: è possibile che dopo svariate visite di controllo dal ginecologo, con l’ecografia interna non si sia mai accorto di un eventuale danno alle tube? La ringrazio

Lettera non firmata

Gentile Signora,
per diagnosticare un'infezione da chlamidia è necessario fare un tampone endocervicale. Le tube non sono visibili in ecografia, se non in caso di dilatazione patologica. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Citomegalovirus e toxoplasmosi

(11/06/2015 - 15:33)

Buongiorno Dottore, Sono alla 23 settimana e dagli esami che ho fatto fin dall'inizio sono stata sempre immune alla toxoplasmosi e al citomegalovirus e mensilmente effettuo gli esami del sangue. Ora farle una domanda.. quanto tempo deve passare dal presunto contagio affinché le igm risultino positive? Grazie mille per la sua disponibilità.

Lettera non firmata

La domanda non è chiara. Essere immune significa avere gli anticorpi. La sua domanda invece fa supporre il contrario, cioè che non sia immune. Lei forse voleva dire non contagiata mai. In ogni caso consideri almeno 20 giorni, meglio 30, perchè i test riescano a rilevare anticorpi a basso titolo. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Herpes in gravidanza

(09/06/2015 - 23:36)

Salve, vorrei chiedere informazioni su herpes genitale: quali cause possono avere durante la gravidanza? Io e mio partner siamo tutte due infletti da herpes genitale, e noi vorremmo avere un bambino. Ma prima vogliamo sapere se durante la fecondazione se siamo affetti da herpes, il virus si può trasmettere al bambino durante la gravidanza? Quale prevenzione dobbiamo fare? E poi quali problemi può causare al bambino? Grazie

Lettera non firmata

L'herpes genitale, in presenza di lesioni attive delle vie genitali, può infettare il bambino durante il parto naturale. Ci sono varie opzioni di valutazione, e quindi dovreste parlarle con il vostro medico. Ad ogni modo con qualche accorgimento, molto probabilmente non ci saranno problemi. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Perdite mucose continue

(06/06/2015 - 11:24)

Salve dottore, volevo esporle il mio problema: ormai sono un paio di anni che ho perdite mucose giallo-verdastre continue. Ho fatto pap test dove risultava un’infezione ma il tampone è risultato negativo. Nel frattempo ho avuto anche una gravidanza. Tutto è andato come doveva, ma dopo il parto le perdite sono ricominciate come prima. Il ciclo è regolare. Ultimamente mi sembra di avere un fastidio alla parte bassa del ventre non so le cose sono collegate. Che faccio? Può essere una situazione normale che mi caratterizza come mi è stato già detto? Grazie

Lettera non firmata

Le perdite giallo verdastre esprimono quasi sempre una infezione cervico-vaginale. Per poter identificare il germe o i germi responsabili, si dovrebbe eseguire un esame a fresco del secreto contenuto in vagina, tamponi vaginali oltre che per germi comuni, per funghi actinomiceti, clamidie e micoplasmi. Il tutto completato da una colposcopia. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Cistite anomala

(05/06/2015 - 13:01)

Buongiorno Dott., sono alla 24esima settimana e sono due notti che mi sveglio per urinare e scopro che si tratta di cistite dal dolore alla vescica e alla fine della minzione. Ho preso il monuril ma anche questa notte mi sono svegliata in preda ai dolori. Mi dovrei preoccupare? Sto aspettando i risultati dell'urinocoltura. Cosa potrebbe essere? È pericoloso per il feto? Grazie infinite

Lettera non firmata

Sembrerebbe che lei abbia una infezione delle basse vie urinarie. Si tranquillizzi se curata opportunamente non crea grossi problemi. In base al risultato dell'urinocoltura si sceglierà l'antibiotico maggiormente idoneo. Per completezza esegua però anche una ecografia dei reni e della vescica. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Citomegalovirus igm dubbio

(23/05/2015 - 16:03)

Buonasera dottore, sono Silvia, ho contratto il citomegalovirus nel primo trimestre di gravidanza, non avevo ancora le igg positive ma il virus era presente nel dna, urine e saliva, ad ottobre 2014 dopo vari consultazioni, ho optato per l'aborto, a gennaio ho eseguito gli esami per verificare lo stadio del virus e igg 171 avidità alta e igm debolmente positive, ho eseguito nuovamente il test ieri ed è risultato dubbio debole positività su pregresso riscontro per le igm, secondo lei, posso provare ad avere un bambino o è il caso di aspettare la totale negatività? La mia ginecologa mi ha rassicurata dicendo che l'infezione è passata da mesi e che le igm possono avere strascichi lunghi ma volevo un'altra opinione per star tranquilla e non dover riaffrontare quell'inferno. La ringrazio per la sua attenzione e gentilezza

Silvia

Gentile Silvia,
condivido quanto le è stato detto dalla sua dottoressa. Le IGM infatti spesso persistono a basso titolo anche in presenza di immunità. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Ciproxin in gravidanza

(20/05/2015 - 11:06)

Per un'infezione alle vie urinarie, a seguito di antibiogramma, la mia ginecologa mi ha consigliato di assumere ciproxin per 3 giorni. Io sono alla settimana 12+6, ho letto che non è un antibiotico di prima scelta... sono preoccupata per il bimbo.

Lettera non firmata

La Ciproxina viene classificata in gravidanza come farmaco di classe C, il che significa che non esistono studi sufficienti per poterne stabilire la completa innocuità nel feto. Ad ogni modo in base all'antibiogramma si sceglie l'antibiotico maggiormente adatto sia alla gravidanza e sia al tipo di germe implicato. Per maggiori informazioni sui farmaci in gravidanza può contattare se vuole il Telefono Rosso.
In linea di massima posso però dirle che dopo la 12ª settimana anche un farmaco appartenente alla classe C in genere non causa problemi al feto, soprattutto se assunto per brevi periodi. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

La cistite può influire sulla fertilità?

(13/05/2015 - 23:01)

Ciao, non riesco a rimanere incinta. Ho fatto tutte le analisi, sia io che il mio ragazzo ed è tutto a posto, perché allora ancora niente? Può centrare qualcosa la cistite?

Lettera non firmata

Gentile Signora,
la cistite isolata direi proprio di no. In caso di concomitante infezione vaginale, la vaginite potrebbe costituire un’eventuale concausa in eventuali problematiche di concepimento. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

CMV: igm in zona grigia

(03/05/2015 - 08:39)

Buongiorno dottoressa, sono alla 6+2 settimana di gravidanza. Nel 2010 ho contratto il citomegalovirus. Ho eseguito gli esami di routine con toxo test e cmv pensando di essere immune. I risultati del cmv test sono: IgG 80.1 0.4 neg 0.4-0.6 zona grigia > 0.6 Pos. IgM 17.1 < 15 neg 15-30 zona grigia > 30 Pos. Cosa significa? Quante probabilità ho di avere l’infezione e conseguenti danni al feto? Essendo una reinfezione posso stare tranquilla o no? Attendo una sua risposta... Grazie infinite.

R.

Gentile Signora,
deve fare il test di avidità per datare l'epoca dell'infezione. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Hpv: diffusa metaplasia squamosa

(30/04/2015 - 13:25)

Salve, ho ritirato le analisi di una biopsia ginecologica, ma la dottoressa è stata molto superficiale nella spiegazione e non ho capito. Può darmi maggiori spiegazioni? Diagnosi: Focolaio CIN1 dell'epitelio di superficie e sfondati ghiandolari presenti sul margine del frammento. Su area di condilomatosi. Presenza inoltre di diffusa metaplasia squamosa.

Lettera non firmata

Significa che ha una condilomatosi con basso grado di atipia (le cellule sono quindi solo lievemente displasiche e questa è ovviamente una ottima cosa). La metaplasia squamosa è una semplice riparazione che per certi aspetti può essere considerata fisiologica o parafisiologica. Dal punto di vista istologico quindi nessun problema. Il suo ginecologo dovrà però decidere la cura maggiormente appropriata per la condilomatosi. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Non so cosa mi sta succedendo…

(29/04/2015 - 16:52)

Buonasera, non so se mi devo rivolgere a Lei ma non so più che pesci pigliare. È come se nel mio corpo ci fosse un'infiammazione di tutto! Quattro mesi fa ho partorito con parto precipitoso. Per un mese ho avuto scariche di diarrea e per il mese successivo stitichezza. Dopo circa un mese dal parto si è formato sotto l'ascella destra un rigonfiamento. L'eco ha dato come risultato del tessuto ghiandolare in eccesso. Il medico dice che è un'anomalia della ghiandola mammaria che, eccessivamente stimolata dall'allattamento, si è ipertrofizzata ed ha invaso la sede ascellare. In ogni caso non posso fare altre indagini se non una visita senologica, che ho già prenotato. Poi sono iniziati i capogiri, mi si è abbassata la vista, mi si sono infiammate le articolazioni (in particolare la spalla sinistra e le dita), poi ha iniziato a farmi male la colonna vertebrale in due punti molto precisi, e sono andata dal fisioterapista, l'intestino fa le bizze (soffro di colite), ieri è partita la cistite emorragica, ieri sera mi è venuto un mal di stomaco sopportabile, oggi è peggiorato e faccio fatica a non vomitare. Ma che succede? A chi mi devo rivolgere? Bevo due tisane (finocchio e melissa) al giorno ed è l'unica abitudine che ho cambiato da quando ho partorito perchè prima non ne avevo mai bevute. Mi aiuti per favore perchè non ce la faccio più.

Greta

Gentile Greta,
I sintomi che lei descrive purtroppo sono aspecifici, nel senso che potrebbero essere compatibili con numerose condizioni. Per iniziare ad orientarsi le consiglio di eseguire:
- ecografia addominale completa
- ormoni tiroidei
- esami di routine ed indici di flogosi
- principali prove di intolleranza (glutine, lattosio).
Da valutare anche possibilità di eseguire protocollo ematochimico reumatologico ed autoimmune.
Alla luce di tali indagini si potrà sicuramente avere almeno un orientamento diagnostico. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Vaccino combinato MPR e gravidanza

(27/04/2015 - 16:57)

Buonasera, volevo sapere se era sufficiente l'attesa di un mese dal secondo richiamo del vaccino per cercare una gravidanza. Grazie

Lettera non firmata

Si tratta di virus vivi attenuati. Meglio qualche mese in più, per maggiore prudenza. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Ho paura che il mio bambino possa infettarsi al momento del parto

(20/04/2015 - 15:39)

ASL 269 tampone faringeo negativo anticorpi anticitomegalovirus IgG (positivo) 129 Toxo Test IgG e Igm Negativi Rubeo Test IgG Positivo 36.2 e Igm Negativo. Sono preoccupata perché ho paura che il mio bambino possa avere qualche malattia al momento del parto. che altri esami specifici potrei fare per avere maggiori sicurezze. Aspetto Vs risposta grazieee

Lettera non firmata

Occorre che si faccia seguire da un ambulatorio ospedaliero o universitario di Ostetricia o da un consultorio, o da un ginecologo di sua scelta. In questo modo farà tutti gli esami previsti dalle linee guida e potrà esporre le sue perplessità. Pe ril momento posso dirle che, come esami infettivologici, ha già fatto quasi tutto. Mancano solo le IgM del Citomegalovirus per verificare l'assenza di infezione recente. Le linee guida prevedono poi anche la VDRL e la TPHA per la sifilide e i marker delle epatiti e, se vuole, il test per l'HIV. Altro non è previsto, salvo esigenze e rischi particolari. Si faccia seguire. Non faccia il fai da te. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

CMV: positività a distanza di due mesi

(19/04/2015 - 08:32)

Buonasera, volevo togliermi questo dubbio. Mia moglie è alla 17° settimana. Due mesi fa ha effettuato gli esami ab anti citomegalovirus IgM e IgG I risultati sono stati: assenti per IgM IgG 6.5 AU/ml con valore di riferimento < 15 Dopo due mesi sono stati rifatti e sono risultati alterati gli IgG 67,4 U/ml con valore di riferimento 1,00 presenti. La mia preoccupazione è dovuta al fatto che nelle prime analisi sono negative le seconde positive e ho paura che in questi due mesi di intervallo tra le due analisi mia moglie abbia contratto il virus. Se non è così per quale motivo c'e questa positività a distanza di due mesi? aggiungo che le due analisi sono state fatte in due laboratori diversi. spero che non sia motivo di preoccupazione grazie attendo vostra gentile risposta

Lettera non firmata

A volte purtroppo si trovano discrepanze come quella che lei riferisce. Le consiglio di eseguire il test di avidità ed eventualmente di parlarne a voce con un infettivologo. Esegua anche una ecografia di secondo livello fetale. Non si allarmi inutilmente però. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Quali rischi l’herpes vaginale può portare al bambino?

(16/04/2015 - 11:47)

Circa due anni fa mi hanno diagnosticato l'Herpes vaginale e dal primo attacco ad oggi mi si é ripresentato circa 5/6 volte. Ad oggi sono incinta di 6 settimane e mi si ê ripresentato qualche giorno fa un altro attacco di herpes anche abbastanza acuto. Come terapia prendevo giornalmente l’aciclovir che ho smesso appena ho saputo di aspettare un bambino. Vivendo in Egitto per lavoro mi trovo impossibilitata a parlare con un medico esperto che mi possa aiutare. Quindi chiedo a lei, posso continuare la terapia o con la gravidanza no? Quali rischi l’herpes vaginale può portare al bambino? La ringrazio infinitamente per la sua risposta.

Irene

Gentile Irene,
l'Aciclovir è in genere ben tollerato in gravidanza. Ad ogni modo, non esistendo studi sicuri sulla sua innocuità prima della 20ª settimana, il suo uso nella gravidanza iniziale andrebbe riservato alle forme maggiormente severe. In caso di lesioni evidenti a livello genitale in prossimità del parto, si potrà prendere in considerazione l'opportunità di un taglio cesareo. Purtroppo senza una valutazione diretta è impossibile dirle di più. In ogni caso la scelta terapeutica di questa condizione spetta al medico che seguirà la gravidanza e al suo medico di fiducia. Per maggiori informazioni sul farmaco può consultare se vuole il Telefono Rosso. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Vaccino esavalente compatibile con gravidanza in corso?

(15/04/2015 - 11:38)

Buongiorno, ieri mia figlia ha fatto il terzo richiamo del vaccino esavalente, io sono alla settima settimana di gravidanza. La cosa è incompatibile? Ci sono rischi per il feto? Tra un mese dovremo fare il vaccino per il meningococco, poi varicella e anti morbillo-parotite-rosolia. Questi sarà meglio posticiparli? Grazie mille

Lettera non firmata

Le reazioni peraltro incostanti alle vaccinazioni non sono paragonabili alla malattia. In caso contrario i bambini si ammalerebbero. Conseguentemente non dovrebbero esserci problemi per una gravida che stia a contatto con essi. In ogni caso, chieda anche al centro che pratica le vaccinazioni. Sicuramente hanno informazioni più accurate e precise. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Toxoplasmosi: devo prendere l’antibiotico prima di avere la certezza di averla contratta?

(04/04/2015 - 15:23)

Buonasera dottore, ho bisogno di sottoporla ad una domanda, sono a 28+5 gravidanza gemellare monocoriale biamniotica, il 7/03 ho fatto il toxo test e i valori di igg e igm erano negativi alla 24+5. Martedì 31/03 rifaccio il test per non farmi preoccupare con una scusa il giorno dopo rifaccio il test quindi il mercoledì stesso nel pomeriggio ho i risultati igg negativo e igm sia nel primo che secondo esito 6.8 AU/ml valori di rif (=8.0 AU/ml positivo; 6.0 - 8.0 AU/ml dubbio). Premetto che penso di esser sempre molto attenta data la mia ossessione nel cibo e nell'igiene, anche se nelle urine ho i batteri molto alti che a quanto pare in gravidanza è normale... detto ciò chiamo la ginecologa che mi dice di sottopormi al toxotest e avidity test... fatto ieri!!! Nel frattempo che aspetto i risultati la ginecologa mi ha prescritto una visita dall'infettivologo da fare dopo gli esiti e prendere 3 volte al dì Rovamicina 3.000.000 U.l, anche se l'infettivologo è contrario, perché voleva aspettare i risultati per poi ripeterli e prendendo l'antibiotico potrei incorrere ad un falso negativo delle igm!!! Lei in funzione che le ho detto cosa pensa? Ho molta paura che in queste tre settimane io abbia potuto contagiare i miei bimbi... non ho nessun sintomo, a parte spossatezza e dolori muscolari che per me sono normali, dato il mio fisico minuto... ho un neo che si è ingrandito nell'ultimo mese che devo far vedere e le vene delle mani e dei polsi che se stessi o messi in posizione bassa si gonfiano. Non so se questo possa essere utile saperlo... comunque attendo una sua gentile risposta. Grazie e Buona Pasqua!

Lettera non firmata

Gentile Signora,
non sono sicuro che lei abbia contratto l’infezione, anzi credo il contrario. Ad ogni modo, nel dubbio, è ragionevole prendere l’antibiotico. Si rassereni quindi… in ogni caso non credo ci siano reali pericoli. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera