Registrati alle settimane di gravidanza

Il Medico Risponde

L'Infettivologo risponde


Le compresse per la cistite possono causare aborto?

(21/07/2015 - 17:25)

Buongiorno, l'assunzione nelle primissime settimane di gravidanza effettiva, cioè subito dopo il concepimento di compresse per curare la cistite sulla cui confezione c'è scritto di NON ASSUMERE IN GRAVIDANZA può addirittura provocare un aborto? Spero mi rassicuri perchè avendole prese e dopo aver avuto il ciclo e avendo avuto rapporti non protetti, non vorrei che quelle compresse unite anche a dei bagni caldi ai piedi, possano aver interrotto un inizio di gravidanza, nel caso fosse avvenuto il concepimento. Grazie.

Lettera non firmata

A riguardo di farmaci in gravidanza esistono parecchie false convinzioni sia a livello paziente che purtroppo a livello medico. Questo non significa che in gravidanza si possano prendere indiscriminatamente tutti farmaci. Significa invece che in caso di reale necessità, come può essere un'infezione urinaria, si può scegliere fra i numerosi farmaci potenzialmente innocui per la gravidanza. Lei non mi specifica il farmaco che ha assunto e quindi non posso dire nulla in merito. Ulteriori informazioni a riguardo della assunzione dei farmaci in gravidanza può trovarle, se vuole, contattando il Telefono Rosso. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Toxoplasmosi e antibiotico

(20/07/2015 - 15:18)

Buongiorno, mia moglie é alla 17 settimana. É alla seconda gravidanza. Già dopo il primo esame del sangue risulta aver contratto la Toxoplasmosi. Almeno tutti i dati sono risultati al limite. Ripetendo per quattro volte gli esami sono emersi i seguenti risultati: iGg a seconda delle volte da 70 a 90 (neg sotto 8), IGm a seconda delle volte da 7 a 8 (negativo sotto il 7). Test di avidità per quattro volte da 0,19 a 0,25 positivo oltre lo 0,3. Secondo lei si tratta di una Toxoplasmosi contratta prima o all'inizio? Di seguito, su consiglio del ginecologo siamo andati presso un centro specializzato a Bologna. Dopo aver ripetuto i test del sangue hanno deciso di prescrivere una terapia antibiotica con una compressa di Zitromax 500 al giorno. Tale terapia può recare danni al feto? È necessaria giudicando i vari risultati delle analisi? Che fare? Lei come la vede? Grazie della gentile attenzione, ringrazio anticipatamente della risposta.

Lettera non firmata

Secondo me si tratta di una infezione pregressa, almeno da quanto posso supporre in base alle informazioni che mi fornisce. Le IgM sono al limite e quindi a basso titolo… spesso persistono in definitivamente, quindi anche dopo avere raggiunto la immunità. L’avidità è anche relativamente alta (avidità alta infezione pregressa). Lo zitromax, si tranquillizzi, non dovrebbe creare nessun danno. Per maggiori informazioni sui farmaci in gravidanza può consultare se vuole il Telefono Rosso. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Recidiva da toxoplasmosi in gravidanza gemellare

(19/07/2015 - 11:14)

Buongiorno dottore, ho 34 anni e sono alla mia seconda gravidanza che ho appena scoperto essere gemellare (sono a circa 7+4). Con la prima pila di esami effettuati, quelli per la toxoplasmosi mi hanno dato il seguente esito: - IgG 31.5UI/ml; - IgM presenti. Mi hanno consigliato di effettuare l'avidity test ma non mi è chiara una cosa: nella prima gravidanza io risultavo già immunizzata e all'epoca (5 anni fa) non erano presenti le IgM. Le chiedo, dunque, c'è pericolo per i miei gemellini ed è possibile una recidiva? Cosa mi consiglia? Grazie per la sua disponibilità.

Lettera non firmata

Gentile Signora,
spesso IgM a basso titolo persistono per lunghissimi periodi, in assenza di reinfezioni. Il test di avidità e l’entità del titolo delle IgM dovrebbero fare luce sulla questione. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Profilassi antimalarica: dopo quanto tempo è possibile avere una gravidanza?

(15/07/2015 - 11:15)

Buongiorno! Per il mio viaggio di nozze ho dovuto assumere 3 pastiglie di Lariam (profilassi antimalarica). Per quanto tempo devo adottare un metodo contraccettivo in più oltre la pillola miranova che prendo? Dopo quanto tempo dalla profilassi è possibile avere una gravidanza? Grazie per la disponibilità! Saluti

Lettera non firmata

Da quanto mi risulta, per il larian, recentemente, una importante struttura statunitense che studia malattie infettive e parassitarie, ha esplicitamente detto che non occorre aspettare i classici tre mesi prima di cercare una gravidanza. Ad ogni modo, per eccesso di zelo, può attendere per tale periodo prima di concepire. Può anche se vuole consultare il Telefono Rosso per informazioni sui farmaci in gravidanza. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Orticaria in gravidanza

(09/07/2015 - 15:06)

Buongiorno dottore, sono alla 5^ settimana e da un paio di giorni ho eritemi pruriginosi su polsi, gomiti, cosce, ginocchia (davanti e dietro) e piedi. All'inizio ho collegato il tutto ad un'intolleranza all'anguria dovuta alla gravidanza, ma credo che ormai l'effetto dovrebbe essere scomparso... Sto facendo bagni con amido di riso, ma non hanno successo. Mi può consigliare qualcosa almeno per far passare il prurito? La ringrazio anticipatamente. Saluti.

Lettera non firmata

Occorre una visita almeno dal suo medico generico e in caso di dubbio dal dermatologo. Può esser di tutto, da una banale allergia innocua a fatti più importanti. Mi dispiace, ma proprio non posso esserle di aiuto. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Infezioni da candida: conviene riprendere gli ovuli o fare semplici lavande?

(06/07/2015 - 23:48)

Salve, quasi tre settimane fa a causa di un ditalino ho avuto delle perdite marroni e andando dalla ginecologa poco dopo e spiegando la situazione (non sono vergine) mi ha riferito di essermi presa un'infezione (candida) e mi ha dato degli ovuli da mettere per sette giorni. Finita la terapia ho avuto un rapporto con il mio ragazzo e non è successo nulla, quando si è ripetuto il ditalino ho avuto ancora le perdite (evidentemente ci va pesante lui). Ora volevo sapere se secondo lei conviene riprendere gli ovuli o fare semplici lavande. Grazie mille!

Lettera non firmata

Non credo ci sia un nesso fra gli episodi. Se ha una vaginite, va curata a prescindere dai comportamenti sessuali. Al più può essere utile una diagnosi precisa tramite un tampone vaginale, in modo da far fare la terapia specifica anche al suo ragazzo. Non è che le lavande siano tanto diverse dagli ovuli nell'effetto: semplicemente cambia il mezzo attraverso il quale si somministrano dei farmaci. Ne parli comunque con la sua ginecologa. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Feci di ratto sul balcone, potrei aver contratto l'hantavirus?!

(30/06/2015 - 19:31)

Buongiorno Dottore, sono alla 34a settimana di gravidanza, stamattina ho trovato delle feci di ratto sul balcone e ho pulito con una scopa e candeggina pura. Dopo ho letto della pericolosità dell'hantavirus che si può contrarre proprio attraverso le particelle alzate attraverso una scopa ed inalate. Sono terrorizzata, cosa devo fare? Grazie,

Sara

Gentile Sara,
si rilassi. Non ha idea di quanti contatti abbiamo tutti i giorni a nostra insaputa ad agenti infettanti e inquinanti! Fortunatamente perchè un contagio abbia luogo occorre che si verifichino tutta una serie di fattori favorenti e non è sufficiente la sola presenza del virus. Ha fatto bene a pulire e disinfettare e cerchi anche di evitare la causa che ha attirato i topi. Vivere in un ambiente privo di fonti di contagio è un'illusione. Occorre incrociare le dita ed affidarsi anche alle nostre difese naturali, che sono molto efficaci. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Vaccino rosolia

(24/06/2015 - 21:23)

Salve, mi chiamo Federica, vorrei chiedere un'informazione. Due mesi fa mi sono sottoposta al vaccino della rosolia perché non immune. Giorni fa ho ripetuto gli esami del rubeo test e risultano IgG 12.2 e IgM 34. Vorrei sapere se vanno bene e quanto devo aspettare per una gravidanza. Grazie per l'attenzione

Federica

Gentile Federica,
deve fare il controllo dopo almeno 6 mesi dal vaccino e poi può cercare la gravidanza. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Assunzione farmaco anticolera: problemi per un eventuale concepimento?

(19/06/2015 - 11:59)

Salve, mio marito ha assunto Dukoral bustine in due dosi (profilassi anticolera), l'ultima due settimane fa. Ci sarebbero problemi per un eventuale concepimento nei prossimi giorni? Grazie

Claudia

Gentile Claudia,
direi proprio di no. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Mozzarella scaduta: potrei aver contratto la listeriosi?

(17/06/2015 - 18:26)

Buonasera, sono alla trentaduesima settimana di gravidanza e volevo sapere se è possibile contrarre la listeriosi da una mozzarella, pastorizzata e confezionata, scaduta da un po'. Mi sono accorta che era scaduta solo dopo averne mangiato un pezzetto. Sono terrorizzata...

Lettera non firmata

Gentile Signora,
si tranquillizzi, la probabilità che lei possa avere contratto la listeria è estremamente bassa, quasi trascurabile. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Citomegalovirus e Pitiriasi rosea di Gilbert

(16/06/2015 - 18:46)

Buongiorno, sono alla mia prima gravidanza, di 8 settimane e dovrò fare l'esame per il Citomegalovirus. Poco prima di rimanere incinta ho avuto la pitiriasi rosea di Gilbert legata all'herpes della sesta malattia. Mi è durata fino alle prime 5 settimane di gravidanza. Essendomi informata sul test che andrò a fare, ho visto che entrambi appartengono alla stessa famiglia degli herpes. La mia paura è di essere positiva al Citomegalovirus proprio perché ho contratto la pitiriasi rosea di Gilbert a inizio gravidanza. È possibile o essendo della stessa famiglia, ma due virus diversi, non è detto? Quando ho scoperto di avere la pitiriasi, sia il dermatologo che il ginecologo mi dissero che in realtà non dovrebbe avere interazioni, ma ora sono nel panico lo stesso. Grazie mille per la risposta.

Lettera non firmata

Gentile Signora,
anche io penso che non ci saranno interazioni nel test. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Citomegalovirus correlato alla pitiriasi rosea di Gilbert?

(16/06/2015 - 18:45)

Buongiorno, sono alla mia prima gravidanza, di 8 settimane e dovrò fare l'esame per il Citomegalovirus. Poco prima di rimanere incinta ho avuto la pitiriasi rosea di Gilbert legata all'herpes della sesta malattia. Mi è durata fino alle prime 5 settimane di gravidanza. Essendomi informata sul test che andrò a fare, ho visto che entrambi appartengono alla stessa famiglia degli herpes. La mia paura è di essere positiva al Citomegalovirus proprio perché ho contratto la pitiriasi rosea di Gilbert a inizio gravidanza. È possibile o essendo della stessa famiglia ma due virus diversi non è detto? Quando ho scoperto di avere la pitiriasi, sia il dermatologo che il ginecologo mi dissero che in realtà non dovrebbe aver interazioni, ma ora sono nel panico lo stesso. Grazie mille per la risposta.

Lettera non firmata

Gentile Signora,
non ci dovrebbero essere interazioni. In caso di eventuali dubbi ci sono dei test di completamento che si possono eseguire. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Il Citomegalovirus si può contrarre al mare?

(14/06/2015 - 10:17)

Buongiorno Dottore. Mi scusi se la disturbo, ma ho un dubbio che mi tormenta. Potrà sembrare una domanda stupida e banale, ma in seguito ad un aborto interno che ho avuto a settembre sono diventata troppo ansiosa e paranoica… allora.. Ora sono alla 25 settimana di gravidanza e dovrei partorire il 28 settembre, ad afoso vorrei andare per qualche settimana al mare.. da qui nasce la mia domanda. Dato che NON sono immune al citomegalovirus, volevo sapere se immergendomi completamente nell'acqua del mare c'è il rischio che possa contrarre il virus dal momento che nel mare ci vanno molto bimbi e, diciamolo, molto spesso fanno anche la pipì. Spero che possa prendere in considerazione la mia domanda e mi possa fornire una delucidazione. Grazie.

Chiara

Gentile Chiara,
il Cytomegalovirus può trovarsi nei liquidi organici di persone infette, come saliva, urina, secrezioni vaginali, feci, eccetera. Il contagio avviene prevalentemente per via diretta, in quanto il Cytomegalovirus sopravvivere in genere con difficoltà in un ambiente diverso. In altre parole, è in teoria possibile prenderlo con l'acqua di mare, ma sarebbe evenienza piuttosto rara. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Clamidia e gravidanza

(13/06/2015 - 22:26)

Gentile Dottoressa, Io e mio marito cerchiamo di avere un bambino da qualche mese, senza riuscirci. Lui sostiene che potrei avere la clamidia, considerando i miei trascorsi sessuali. Abbiamo fatto tutti gli esami insieme in passato, tranne la clamidia. Ho già prenotato il tampone. La mia domanda è: è possibile che dopo svariate visite di controllo dal ginecologo, con l’ecografia interna non si sia mai accorto di un eventuale danno alle tube? La ringrazio

Lettera non firmata

Gentile Signora,
per diagnosticare un'infezione da chlamidia è necessario fare un tampone endocervicale. Le tube non sono visibili in ecografia, se non in caso di dilatazione patologica. Cordiali saluti

Dott.ssa Giovanna Marforio
Ginecologo - Trapani

Citomegalovirus e toxoplasmosi

(11/06/2015 - 15:33)

Buongiorno Dottore, Sono alla 23 settimana e dagli esami che ho fatto fin dall'inizio sono stata sempre immune alla toxoplasmosi e al citomegalovirus e mensilmente effettuo gli esami del sangue. Ora farle una domanda.. quanto tempo deve passare dal presunto contagio affinché le igm risultino positive? Grazie mille per la sua disponibilità.

Lettera non firmata

La domanda non è chiara. Essere immune significa avere gli anticorpi. La sua domanda invece fa supporre il contrario, cioè che non sia immune. Lei forse voleva dire non contagiata mai. In ogni caso consideri almeno 20 giorni, meglio 30, perchè i test riescano a rilevare anticorpi a basso titolo. Cordiali saluti.

Dott. Salvatore Annona
Ginecologo - Napoli

Herpes in gravidanza

(09/06/2015 - 23:36)

Salve, vorrei chiedere informazioni su herpes genitale: quali cause possono avere durante la gravidanza? Io e mio partner siamo tutte due infletti da herpes genitale, e noi vorremmo avere un bambino. Ma prima vogliamo sapere se durante la fecondazione se siamo affetti da herpes, il virus si può trasmettere al bambino durante la gravidanza? Quale prevenzione dobbiamo fare? E poi quali problemi può causare al bambino? Grazie

Lettera non firmata

L'herpes genitale, in presenza di lesioni attive delle vie genitali, può infettare il bambino durante il parto naturale. Ci sono varie opzioni di valutazione, e quindi dovreste parlarle con il vostro medico. Ad ogni modo con qualche accorgimento, molto probabilmente non ci saranno problemi. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Perdite mucose continue

(06/06/2015 - 11:24)

Salve dottore, volevo esporle il mio problema: ormai sono un paio di anni che ho perdite mucose giallo-verdastre continue. Ho fatto pap test dove risultava un’infezione ma il tampone è risultato negativo. Nel frattempo ho avuto anche una gravidanza. Tutto è andato come doveva, ma dopo il parto le perdite sono ricominciate come prima. Il ciclo è regolare. Ultimamente mi sembra di avere un fastidio alla parte bassa del ventre non so le cose sono collegate. Che faccio? Può essere una situazione normale che mi caratterizza come mi è stato già detto? Grazie

Lettera non firmata

Le perdite giallo verdastre esprimono quasi sempre una infezione cervico-vaginale. Per poter identificare il germe o i germi responsabili, si dovrebbe eseguire un esame a fresco del secreto contenuto in vagina, tamponi vaginali oltre che per germi comuni, per funghi actinomiceti, clamidie e micoplasmi. Il tutto completato da una colposcopia. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Cistite anomala

(05/06/2015 - 13:01)

Buongiorno Dott., sono alla 24esima settimana e sono due notti che mi sveglio per urinare e scopro che si tratta di cistite dal dolore alla vescica e alla fine della minzione. Ho preso il monuril ma anche questa notte mi sono svegliata in preda ai dolori. Mi dovrei preoccupare? Sto aspettando i risultati dell'urinocoltura. Cosa potrebbe essere? È pericoloso per il feto? Grazie infinite

Lettera non firmata

Sembrerebbe che lei abbia una infezione delle basse vie urinarie. Si tranquillizzi se curata opportunamente non crea grossi problemi. In base al risultato dell'urinocoltura si sceglierà l'antibiotico maggiormente idoneo. Per completezza esegua però anche una ecografia dei reni e della vescica. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Citomegalovirus igm dubbio

(23/05/2015 - 16:03)

Buonasera dottore, sono Silvia, ho contratto il citomegalovirus nel primo trimestre di gravidanza, non avevo ancora le igg positive ma il virus era presente nel dna, urine e saliva, ad ottobre 2014 dopo vari consultazioni, ho optato per l'aborto, a gennaio ho eseguito gli esami per verificare lo stadio del virus e igg 171 avidità alta e igm debolmente positive, ho eseguito nuovamente il test ieri ed è risultato dubbio debole positività su pregresso riscontro per le igm, secondo lei, posso provare ad avere un bambino o è il caso di aspettare la totale negatività? La mia ginecologa mi ha rassicurata dicendo che l'infezione è passata da mesi e che le igm possono avere strascichi lunghi ma volevo un'altra opinione per star tranquilla e non dover riaffrontare quell'inferno. La ringrazio per la sua attenzione e gentilezza

Silvia

Gentile Silvia,
condivido quanto le è stato detto dalla sua dottoressa. Le IGM infatti spesso persistono a basso titolo anche in presenza di immunità. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera

Ciproxin in gravidanza

(20/05/2015 - 11:06)

Per un'infezione alle vie urinarie, a seguito di antibiogramma, la mia ginecologa mi ha consigliato di assumere ciproxin per 3 giorni. Io sono alla settimana 12+6, ho letto che non è un antibiotico di prima scelta... sono preoccupata per il bimbo.

Lettera non firmata

La Ciproxina viene classificata in gravidanza come farmaco di classe C, il che significa che non esistono studi sufficienti per poterne stabilire la completa innocuità nel feto. Ad ogni modo in base all'antibiogramma si sceglie l'antibiotico maggiormente adatto sia alla gravidanza e sia al tipo di germe implicato. Per maggiori informazioni sui farmaci in gravidanza può contattare se vuole il Telefono Rosso.
In linea di massima posso però dirle che dopo la 12ª settimana anche un farmaco appartenente alla classe C in genere non causa problemi al feto, soprattutto se assunto per brevi periodi. Un saluto

Dott. Nico Comparato
Medicina Interna - Ecografista - Matera