Biberon evolutivo: a cosa serve e i 6 migliori - GravidanzaOnLine

A metà tra il classico biberon e la tazza e per bere si colloca uno strumento utilissimo per tutti i neonati: il biberon evolutivo. Molti genitori scelgono di passare a questo prodotto che permetterebbe al bimbo di imparare a bere in totale autonomia, reggendo da solo il contenitore.

Per sostenerlo, impugnerà saldamente i manici e berrà dalla tettarella che garantirà un flusso medio. Ovviamente sarà il piccolo a doverlo utilizzare e coordinare il movimento per riuscire sia a sorreggerlo bene sia bere al tempo stesso. I genitori potranno supervisionare, lo aiuteranno ma dovranno lasciarlo fare, così possa comprendere appieno il meccanismo.

Allattamento artificiale: quando si fa e come funziona

Vediamo nel dettaglio cos’è il biberon evolutivo, vantaggi e svantaggi e quali sono i migliori prodotti per permettere al neonato di imparare a bere autonomamente.

Biberon evolutivo: cos’è?

I biberon odierni vantano tutti – più o meno – un design ergonomico. Ciò consente una facile presa sia da parte dei genitori, che fanno bere il latte al proprio bimbo, sia da parte del neonato stesso, quando avvertirà il desiderio e avrà la forza di reggere da solo il contenitore.

Tuttavia, c’è un altro modo per favorire una buona presa, garantire una maggiore autonomia e di conseguenza permettere al bambino di fare da sé: dotare l’accessorio con dei manici.

Eleonora

chiede:

Si parla, quindi, di biberon evolutivo, che somiglia molto a quelli classici ma vanta una comoda impugnatura. Sono due manigliette collocate lateralmente, che saranno afferrate dal neonato il quale solleverà il biberon in alto e porterà alla bocca la tettarella, in genere di flusso medio (con più di un foro).

Tutto questo è il processo di apprendimento che, però, varia a seconda del bimbo. C’è chi ci riesce prima e chi dopo e magari anche chi non gradisce affatto il biberon evolutivo. Come sempre, ogni bambino è diverso e reagisce a suo modo, quindi è importante aiutarlo ma non costringerlo.

Biberon evolutivo: pro e contro

Se utilizzato nel modo giusto, il neonato apprenderà persino prima dei 6 mesi a bere da solo. All’opposto, se il piccolo proverà difficoltà, ci impiegherà di più oppure passerà direttamente alla tazza o il bicchiere da tavola.

Biberon anticolica: perché sceglierlo e quali sono i migliori

Il biberon evolutivo è, dunque, una scommessa che i genitori possono decidere o meno di effettuare. Ma vediamo meglio quali sono i reali vantaggi e svantaggi di questo prodotto.

Vantaggi

  • sprona il bambino a fare da solo;
  • garantisce a mamma e papà di non dover dare dalle proprie mani il biberon;
  • si può utilizzare anche dopo l’anno di vita.

Svantaggi

  • il bambino potrebbe non accettarlo o non comprenderne il funzionamento;
  • il neonato che ha difficoltà con questo strumento può richiedere maggiormente l’aiuto dei genitori;
  • alcuni modelli potrebbero risultare difficili da smontare e pulire.

Biberon evolutivo: i migliori 6 prodotti

Pro e contro del biberon evolutivo sono sempre molto discrezionali e personali. Per far sì che l’esperienza vada a buon fine, conviene scegliere il modello migliore. Per voi abbiamo selezionato 6 biberon evolutivi delle migliori e più apprezzate marche su Amazon.

Philips Avent, Bicchiere Evolutivo

Philips Avent, Bicchiere Evolutivo

Il bicchiere evolutivo di Philips Avent, da 150 ml e adatto dai 4+ mesi, è un complemento con tecnologica anti-colica pensato per rendere più autonomi i neonati. I manici sono pensati per essere facilmente impugnati da manine molto piccole.
7 € su Amazon
Pro
  • I manici sono in parte morbidi
  • Alcuni bimbi non lo hanno accettato
Contro
  • Le alette sono parte della ghiera superiore
MAM, Tazza antigoccia

MAM, Tazza antigoccia

La tazza antigoccia di MAM – capacità 150 ml – è molto leggera, ha un design ergonomico, è colorata e presenta dei simpatici disegni. È completamente smontabile, le impugnature sono antiscivolo e il beccuccio è asimmetrico.
9 € su Amazon
Pro
  • Beccuccio molto morbido
  • Estremamente resistente anche agli urti
  • Può essere lavata in lavastoviglie e sterilizzata al microonde
Contro
  • Nessuno
Nuby, Tazza Evolutiva

Nuby, Tazza Evolutiva

Dai 3 mesi
Adatta già dai 3+ mesi, la tazza evolutiva di Nuby, con manici removibili, presenta una tettarella con flusso medio in silicone e morbida e una capacità di 240 ml. L’obiettivo di questo prodotto è quello di far riuscire al bambino già a 12 mesi di bere da solo da un bicchiere.
10 € su Amazon
Pro
  • Ottimo prezzo
  • Molto accettato dai neonati
Contro
  • Non è ermetico
NUK, Trainer Cup

NUK, Trainer Cup

Ermetico
La Trainer Cup di NUK è un prodotto ergonomico con manici adatto ai neonati dai 6+ mesi. Vanta una capienza da 230ml, una grafica di animaletti dai colori delicati ed è lavabile in lavastoviglie.
10 € su Amazon
Pro
  • Non perde una goccia d'acqua
  • I bambini lo accettano volentieri
Contro
  • Non c'è un tappo per coprire il beccuccio
Tommee Tippee, First Trainer Tazza,

Tommee Tippee, First Trainer Tazza,

Per i primi sorsi del bimbo
Ideale già dai 4 mesi, il biberon evolutivo First Cup di Tommee Tippee, disponibile anche in viola, ha la valvola antigoccia rimovibile e un beccuccio molto morbido ma resistente, per permettere al bimbo di bere autonomamente.
6 € su Amazon
Pro
  • Grazie alla valvola interna l'acqua non esce da sola
  • Ottimo da portare in giro grazie al coperchio in dotazione
Contro
  • Difficile da svitare e avvitare
Philips Avent, Tazza con Beccuccio

Philips Avent, Tazza con Beccuccio

Valvola Anti-Goccia
La tazza con beccuccio e maniglie laterali di Philips Avent è brevettata sia per essere estremamente resistente ai morsi del bambino ma anche per evitare che perda acqua. È caratterizzata da una simpatica grafica con pinguino. Utilizzabile dai 18+ mesi.
10 € su Amazon
Pro
  • Ottimi i manici antiscivolo ed ergonomici
  • Dalla valvola non fuoriesce una goccia
Contro
  • Il tappo si stacca facilmente

Articolo originale pubblicato il 4 maggio 2020

  • Consigliati da noi

Categorie