Primi sintomi di gravidanza: quali sono? Eccone 10 - GravidanzaOnLine

Quali sono i primi sintomi di gravidanza?

Subito dopo il concepimento potrebbero manifestarsi alcuni sintomi come stanchezza, tensione al seno, nausea, mal di schiena e perdite da impianto: quali sono e come riconoscerli.

Molte donne in cerca di un figlio si chiedono se sia possibile riconoscere i sintomi di gravidanza prima di fare il test, o magari prima ancora di registrare un ritardo delle mestruazioni. In realtà, non è sempre facile individuare precocemente i primi sintomi di gravidanza, che possono variare molto da una donna all’altra sia per quanto riguarda la tipologia che l’intensità, tuttavia è possibile indicare dei segnali che molte persone notano nelle prime settimane dopo il concepimento.

Spesso, poi, i sintomi di una gravidanza nelle fasi iniziali si possono confondere con i classici sintomi che anticipano l’arrivo delle mestruazioni. Come fare dunque per distinguere l’uno e l’altro caso senza aspettare l’assenza del “ciclo”?

I sintomi precoci di gravidanza

La premessa d’obbligo è che ogni donna è diversa: in alcuni casi la gravidanza viene scoperta solo dopo diversi giorni (o persino settimane) di ritardo delle mestruazioni. Alcune donne invece avvertono che qualcosa sta cambiando già dai primi giorni dopo il concepimento.

Non è poi detto che si avvertano tutti i sintomi, anzi: la maggior parte delle donne riconosce solo alcuni dei segnali che indicano l’instaurarsi di una gravidanza, mentre gli altri sintomi possono comparire più avanti nel tempo o non comparire affatto. Come spiega il dottor Sandro Zucca, medico ginecologo:

Alcune donne non hanno alcun sintomo. Tra i più comuni si trovano una lieve nausea e una sensazione di turgore al seno. Può subentrare quindi una variazione anche improvvisa dei propri gusti alimentari. Poi arriva il momento del test di gravidanza, che non è un sintomo ma un’attestazione di gravidanza.

I primi sintomi di gravidanza quindi sono nausea, stanchezza, tensione al seno, sensibilità agli odori, dolori addominali, mal di schiena, perdite vaginali, aumento dell’appetito, sbalzi d’umore ed eventualmente anche disturbi gastrointestinali, oppure le “voglie” improvvise. Vediamoli uno per uno.

1. Nausea

Tra i primissimi sintomi di una gravidanza si trova la nausea: in genere compare dopo la sesta settimana ma può arrivare anche prima, per i cambiamenti ormonali che iniziano a interessare il corpo della donna. Si presenta più forte nelle prime ore della mattina, quando la donna è a digiuno da diverse ore.

La nausea può accompagnarsi a capogiri, mal di testa e sporadici episodi di vomito. È meno forte nei primissimi giorni, diventa più intensa con il passare delle settimane e tende a scomparire dopo il primo trimestre di gravidanza.

A volte la nausea si presenta in forma più lieve, con inappetenza o avversione nei confronti di alcuni determinati cibi. Raramente diventa invece tanto forte e frequente da diventare una vera e propria patologia nota come iperemesi gravidica.

2. Stanchezza

Un altro sintomo iniziale della gravidanza è la sensazione di stanchezza che può manifestarsi anche nella prima settimana dopo il concepimento. Senza una spiegazione apparente le attività quotidiane possono risultare più faticose rispetto al solito.

In aggiunta alla stanchezza può presentarsi una vera e propria sonnolenza, dovuta al cambiamento ormonale e in particolare all’aumento della produzione di estrogeni e progesterone.

Anche in questo caso non si tratta di un sintomo inequivocabile, dal momento che molte donne percepiscono una maggiore stanchezza con l’approssimarsi delle mestruazioni. Infine anche stati depressivi, momenti particolarmente stressanti o debilitazione fisica possono provocare sensazione di affaticamento.

3. Tensione al seno

Con l’instaurarsi di una gravidanza i cambiamenti interessano diverse parti del corpo della donna: all’inizio della gestazione è frequente osservare una maggiore tensione al seno, del tutto simile a quella che precede le mestruazioni, anche se la sua causa è diversa: dopo l’avvenuto concepimento i tubercoli di Montgomery (piccole ghiandole simili a protuberanze che si trovano sui capezzoli) possono ingrossarsi e, con il tempo, diventano più scuri.

La tensione al seno può presentarsi anche molti giorni prima della mancata mestruazione. Con il procedere della gravidanza il seno aumenta di volume a causa dell’azione del progesterone. I capezzoli possono inoltre risultare irritati e doloranti, mentre in una fase più avanzata della gestazione l’areola diventa più scura.

4. Sensibilità agli odori

Oltre alla comparsa delle nausee l’inizio di una gravidanza può presentarsi anche con una maggiore sensibilità agli odori, che possono risultare particolarmente intensi e sgraditi e causare a loro volta nausea e mal di testa.

Anche la sensibilità agli odori diventa più marcata nel corso del primo trimestre, ma tende a diminuire con il procedere della gravidanza.

5. Dolori addominali

Capita anche, nelle prime settimane di gravidanza, che la donna avverta crampi addominali, dovuti all’espandersi dell’utero, che si allarga per fare spazio allo sviluppo dell’embrione. Possono manifestarsi anche con dei leggeri crampi addominali (che tuttavia difficilmente si riescono a percepire) dovuti all’impianto dell’ovulo nella cavità uterina.

6. Mal di schiena

Nelle prime settimane di gravidanza si può soffrire anche di dolori al basso ventre e di mal di schiena. Questo è dovuto sia ai cambiamenti ormonali in corso sia ad una maggiore sensibilità che interessa tutto il corpo.

È bene ricordare che il mal di schiena, così come i dolori al basso ventre, possono essere causati anche dall’arrivo incombente delle mestruazioni, da problemi alla spina dorsale o da tensioni nervose o fisiche.

7. Perdite vaginali

Dal rapporto sessuale al concepimento trascorrono diversi giorni (da 5 a 7 circa): in questo periodo di tempo l’ovulo e lo spermatozoo si incontrano, e l’ovulo fecondato ripercorre il tragitto dello spermatozoo fino a impiantarsi nella parete uterina, da dove trae il suo primo nutrimento.

Come visto, alcune donne avvertono dei crampi nel momento in cui si verifica l’impianto e possono osservare anche delle leggere perdite di sangue vaginali dette “perdite da impianto“.

Le perdite da impianto si verificano poco prima del presunto arrivo delle mestruazioni, e i due eventi possono essere facilmente confusi.

8. Aumento dell’appetito

Se la nausea e il vomito sono tra i sintomi di gravidanza più comuni e frequenti, un altro segnale che può indicare l’avvenuto concepimento è l’aumento dell’appetito. La donna può avvertire un’improvvisa “voglia” di alcuni cibi in particolare, e altrettanto improvvisamente può rifiutarne altri.

Anche in questo caso potrebbe essere confuso con uno dei sintomi tipici della sindrome premestruale, ma a differenza di questi si può accompagnare a repulsione per alcuni cibi.

9. Sbalzi d’umore

L’impennata nella produzione di ormoni comporta una serie di cambiamenti fisici ma non solo. Tra i primi sintomi di gravidanza possono trovarsi maggiore sensibilità, irritabilità e, in generale, sbalzi d’umore.

L’attività ormonale è particolarmente intensa durante tutta la gravidanza, e già dalle prime settimane il suo effetto si fa sentire.

10. Disturbi gastrointestinali

Seppur raramente nelle prime fasi della gravidanza (più di frequente in stadi più avanzati) alcune donne avvertono alterazioni del tratto gastrointestinale, e possono presentare stitichezza o, al contrario, diarrea e alterazioni dello stimolo a urinare. Anche il bruciore o l’acidità di stomaco possono comparire anche durante le prime settimane di gravidanza, anche se si faranno più intensi con il procedere della gestazione.

Come distinguere i primi sintomi di gravidanza

test-di-gravidanza-quando

Se i primi sintomi di gravidanza si presentano in modo diverso da donna a donna può essere utile imparare a riconoscerli, ancora prima di effettuare un test di gravidanza. Se si è alla ricerca di una gravidanza è bene iniziare ad assumere acido folico e a seguire uno stile di vita sano. Anche gli esami preconcezionali sono raccomandati nella pianificazione di una gravidanza.

Anche se si avvertono i sintomi del concepimento, sarà solo il test di gravidanza a confermare o meno  propri sospetti. Nel caso in cui il test (che si può acquistare in farmacia) risultasse positivo si dovranno prenotare gli esami del sangue, con il dosaggio delle Beta hCG.

Ti è stato utile?
Rating: 4.3/5. Su un totale di 24 voti.
Attendere prego...

Categorie