Gravidanza senza sintomi: ecco quando è possibile e perché succede | GravidanzaOnLine

Come riconoscere l’inizio di una gravidanza? Al concepimento sono legati determinati cambiamenti del corpo. In alcuni casi però la gravidanza è iniziata senza sintomi.

Si può rimanere incinta senza percepirne i sintomi? Cerchiamo di fare chiarezza su questo fenomeno.

Gravidanza senza sintomi: è possibile?

Esistono tanti sintomi che vengono comunemente associati all’inizio della gravidanza. Per questo alcuni di essi sono spesso considerati come la conferma che il concepimento è avvenuto. Il ritardo del ciclo è uno dei principali: più aumenta il ritardo più sale il sospetto che si possa essere rimaste incinta.

Tale sintomo non ha validità esclusiva, essendo tanti i casi di donne con ciclo irregolare.

La questione della gravidanza senza sintomi, detta gravidanza criptica, è molto delicata, soprattutto perché i casi in cui questa avviene sono davvero molto rari. L’eventualità c’è e ha diverse cause, sia psicologiche che fisiche. Il primo elemento da sottolineare è che l’organismo umano non è una macchina che funziona sempre allo stesso modo.

A parità di condizioni due donne possono reagire in maniera anche molto differente l’una dall’altra. Alcune donne soffrono di più alcuni dei sintomi classici della gravidanza, mentre altre possono considerarli come effetto di altre cause o non sentirli proprio.

Tra i sintomi più comuni che fanno pensare alla presenza di una gravidanza il senso di nausea e il vomito sono quelli più diffusi. Su questo argomento il Ministero della Salute ricorda come “La severità dei sintomi è variabile da donna a donna, così come è variabile l’epoca gestazionale di inizio e di termine” di tali avvisaglie di una gravidanza in corso.

L’attenzione ai casi di gravidanze senza sintomi riguarda sia chi vuole avere un figlio sia chi invece vorrebbe evitare il concepimento. È fondamentale che in entrambi i casi le donne siano al corrente di cosa accade nel loro organismo. Anche per attuare le precauzioni del caso e comprendere la natura di determinati cambiamenti.

Quali sono i sintomi iniziali tipici della gravidanza

Per capire il fenomeno della gravidanza senza sintomi è utile capire quali sono i segnali tipici della gravidanza. I sintomi iniziali della gravidanza sono:

  • nausea;
  • mal di pancia;
  • dolore al seno;
  • mancate mestruazioni;
  • perdite vaginali;
  • spossatezza;
  • dolori addominali e alla schiena;
  • sbalzi d’umore.

Per avere conferma o smentita il consiglio è quello di fare un test di gravidanza. Scorrendo questi sintomi ci si rende infatti conto di come ognuno di questi possa essere associato ad altri fenomeni.

Non sono quindi necessariamente sinonimo di inizio della gravidanza. Le donne che non sono alla ricerca di una gravidanza se percepiscono uno di questi segnali possono ad esempio pensare a un problema alimentare o a un periodo di forte stress.

Gravidanza senza sintomi: le possibili cause

Per quanto rarissimi ci sono dei casi in cui la gravidanza c’è ma non è percepita con gli abituali sintomi. Com’è possibile? Come detto ci sono diverse spiegazioni. La prima è legata alla soggettività: ogni donna reagisce diversamente e determinanti sintomi possono non essere percepiti come tali.

Ci sono, come accennato, anche ragioni di natura psicologica. È il caso del rifiuto dell’evento: chi ne soffre non accetta di essere incinta e nega o non percepisce i sintomi, anche laddove ci sono.

Un altro motivo di gravidanze senza sintomi è quello della presenza dell’ovaio policistico. Si tratta di un ingrossamento delle ovaie associato allo sviluppo di cisti e una produzione eccessiva di ormoni androgeni.

Complessivamente però i casi di gravidanza senza sintomi non sono comuni, mentre è normale che nella fase iniziale i sintomi possono non essere percepiti. Sono tante le cause e i fattori che si verificano nel corpo e questi hanno un decorso diverso in ogni donna.

Articolo originale pubblicato il 9 marzo 2020

Categorie

  • Gravidanza