Epatite acuta nei bambini: i primi casi sospetti in Italia

Massima allerta per i primi casi di epatite acuta virale nei bambini sotto i 10 anni. L'infezione, afferma l'OMS, è giunta anche in Italia con i primi 4 casi sospetti.

L’allarme per i casi di epatite acuta nei bambini è giunto anche in Italia, dove sono stati segnalati almeno 4 casi di bambini sotto i 10 anni ricoverati presso strutture ospedaliere.

Ma di cosa si tratta? Nello specifico si tratta di una forma di epatite virale e acuta, che sta colpendo prevalentemente i bambini piccoli, sotto i 10 anni.

Secondo gli esperti, inoltre, 1 caso su 10 è grave e necessita il trapianto del fegato.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dopo l’aumento dei casi in Gran Bretagna, e lo sviluppo della malattia anche in Scozia, Irlanda, Danimarca e Spagna, ha deciso di monitorare la situazione e indagare sulle possibili cause ad oggi ancora poco chiare se non del tutto sconosciute.

Epatite: cos’è e quali sono i sintomi

L’epatite è una malattia altamente trasmissibile, soprattutto quella di tipo B per la quale fortunatamente vi è il vaccino. L’epatite A, invece, si trasmette per via orofecale, ma anche in questo caso esiste la vaccinazione.

Sulla nuova variante, invece, al momento non si sa molto; l’unico punto sul quale la medicina sembra essere d’accordo è la natura virale della malattia.

Quando si contrae l’infezione i sintomi che si manifestano sono:

  • diarrea
  • mancanza di appetito
  • ittero (ossia colorito giallognolo della pelle)

L’esordio dei sintomi è molto rapido, per cui è possibile intervenire subito ed evitare lo sviluppo dell’infezione che potrebbe compromettere organi come il fegato.

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Salute Sanità