Emergenza obesità infantile: 120 milioni i bambini obesi negli ultimi 40 anni

La Società italiana di pediatria ha lanciato l'allarme obesità infantile, perché è aumentato drasticamente il numero dei bambini in sovrappeso e obesi.

L’obesità infantile è una vera e propria emergenza sociale, con rischi importanti per la salute dei più piccoli: questo è l’allarme lanciato dai pediatri riuniti al 77° Congresso Italiano di Pediatria.

L’Italia è uno dei Paesi europei con il più alto tasso di casi di obesità tra i più piccoli, prima di noi ci sarebbero solo Cipro, Spagna e Grecia; secondo i dati riportati, infatti, nel nostro Paese i bambini obesi sono circa il 9,4% del totale, mentre quelli in sovrappeso sono circa il 20%.

Come riportato sul sito della Società italiana di pediatria, in 40 anni (dal 1975 al 2016) bambini e adolescenti obesi sono passati da 5 a 50 milioni tra le femmine e da 6 a 74 milioni tra i maschi.

Numeri allarmanti che sono peggiorati anche a causa della pandemia da Covid-19 e i vari lockdown, che hanno diminuito drasticamente i momenti da trascorrere all’aria aperta e la possibilità di svolgere le attività sportive, favorendo di conseguenza un incremento di sedentarietà anche tra i più piccoli. Tanto che si è parlato di Covibesity proprio per indicare l’aumento dei casi di sovrappeso e obesità durante tutto il periodo della pandemia.

Covibesity: i consigli dei pediatri per combattere l'obesità da pandemia nei bambini

Annamaria Staiano, Presidente della Sip, ha affermato:

L’obesità è un modello precursore di malattie croniche che il Servizio Sanitario Nazionale deve affrontare in epoche successive della vita. Occorre investire sulla prevenzione di questa emergenza sociale e delle sue complicanze. Sono infatti in aumento anche le malattie correlate, tra cui il diabete di tipo 2, in crescita tra i bambini e che paradossalmente in passato veniva chiamato diabete dell’adulto.

Quindi, come prevenire l’obesità tra i bambini? La prima cosa è evitare uno stile di vita sedentario, favorendo le attività all’aria aperta e qualsiasi tipo di sport, a cui associare una buona igiene del sonno e, soprattutto, una sana alimentazione con focus sulla dieta mediterranea che, come ricorda la Presidente Sip, “è riconosciuta come patrimonio dell’Unesco”.

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Salute Sanità