Cosa fare se sei incinta e soffri di un disturbo infiammatorio intestinale

Il disturbo infiammatorio intestinale è una patologia grave che può avere diverse cause, dalla genetica a problemi a livello del sistema immunitario. Scopriamo tutto quello che c'è da sapere su questo disturbo in gravidanza.

Le donne che soffrono di disturbo infiammatorio intestinale (IBD) si trovano a dover affrontare diverse preoccupazioni per quanto riguarda una possibile gravidanza.

In uno studio, pubblicato sulla rivista Crohn’s & Colitis 360, l’autrice principale Traci Kazmerski, MD, e i suoi colleghi del Centro medico dell’Università di Pittsburgh hanno scoperto che le donne con questa patologia spesso si preoccupano della loro salute riproduttiva.

Kazmerski e i suoi colleghi hanno intervistato 21 donne con IBD sulla loro storia medica, e hanno posto loro domande su gravidanza, contraccezione e pianificazione familiare. I partecipanti avevano un’età compresa tra 12 e 16 anni quando è stata diagnosticata l’IBD.

Al momento dello studio, le donne avevano in media 25 anni. Cinque erano state incinte in passato e 16 hanno dichiarato di aver pianificato di avere figli in futuro; 15 erano in cura per il morbo di Crohn e 6 avevano la colite ulcerosa (le forme più comuni di IBD). Infine, 13 stavano usando la contraccezione e 6 donne stavano assumendo farmaci per la malattia.

Durante le interviste, Kazmerski e colleghi hanno scoperto che le donne con IBD che non erano mai state incinte, non avevano conoscenze sulla salute riproduttiva. Sei, invece, non erano a conoscenza del potenziale impatto della malattia sulla fertilità, la gravidanza e alti problemi correlati. Altre hanno affermato di essere preoccupate per l’ereditarietà della loro malattia, i rischi prima del parto e l’impatto dei loro farmaci su una futura gravidanza.

I risultati, che sono in linea con altre ricerche, confermano che rivolgersi a uno specialista gastrointestinale può essere utile per le donne per affrontare la gravidanza.

Inoltre, gli studiosi affermano che le donne che assumono il farmaco metotrexato “devono assolutamente avere un controllo delle nascite affidabile” perché rimanere incinta durante l’assunzione del farmaco è rischioso e può causare difetti alla nascita.

Cos’è il disturbo infiammatorio intestinale

L’IBD non è la stessa cosa della sindrome dell’intestino irritabile, un tipo di disturbo digestivo i cui sintomi sono causati e trattati in modo diverso da quelli dell’IBD. La sindrome dell’intestino irritabile non infiamma o danneggia l’intestino.

La ricerca suggerisce che tre cose giocano un ruolo nell’IBD: la genetica (1 persona su 4 ha una storia familiare della malattia), una risposta anormale del sistema immunitario e fattori scatenanti ambientali (come fumo, stress, uso di droghe e depressione).

I sintomi dell’IBD possono essere da lievi a gravi e manifestarsi all’improvviso, tra questi segnaliamo:

  • Dolore addominale, mal di stomaco e perdita di appetito
  • Nausea e vomito
  • Diarrea, costipazione e urgenza intestinale
  • Gas e gonfiore
  • Perdita di peso inspiegabile
  • Muco o sangue nelle feci
  • Fatica
  • Febbre
  • Dolori articolari
  • Problemi di vista e occhi arrossati, pruriginosi o doloranti
  • Eruzioni cutanee e piaghe

Le persone con IBD hanno un rischio più elevato di cancro al colon, nonché complicanze da anemia, restringimento o infezione del canale anale, calcoli renali, malattie del fegato, malnutrizione, osteoporosi e intestino perforato.

Disturbo infiammatorio intestinale e gravidanza

Vi sono molti miti e falsità su questa patologia e la gravidanza; secondo i ricercatori:

Purtroppo, tutto ciò che viene pubblicato su Internet rimane lì. Ci sono dati molto vecchi che dicono che se hai il morbo di Crohn, non dovresti rimanere incinta, e questo non è vero.

Inoltre, sostengono che:

L’IBD non è una malattia ereditaria genetica. Solo perché porti quei geni, non significa che avrai la malattia. Non funziona così. Non è vero che questa patologia causa problemi congeniti e difetti alla nascita, né che le donne in gravidanza con IBD devono interrompere l’assunzione dei loro farmaci.

Anzi ciò che rende una gravidanza più a rischio è la malattia attiva. Le donne incinte spesso interrompono le loro medicine, perché hanno paura dell’effetto sul bambino. Ma in realtà è la loro malattia attiva a far male al feto e non i farmaci.

L’IBD attiva è più dannosa per la gravidanza, poiché potrebbe aumentare il rischio di aborto spontaneo, parto pre-termine e bambini piccoli in età gestazionale.

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Salute Sanità