È nato Noa Alexander, filgio di Bianca Atzei e Stefano Corti

Il primo figlio della coppia (insieme dal 2019) è arrivato il 18 gennaio 2023, dopo la paura per una polmonite contratta dalla cantante al nono mese di gravidanza e l'aborto spontaneo affrontato due anni prima.

Finalmente. Noa Alexander. 18/01/2023“, così Stefano Corti ha annunciato su Instagram la nascita del figlio avuto con Bianca Atzei. Proprio poche ore prima, la cantante aveva scritto -sempre via social – alcune parole in attesa del piccolo: “Noa Alexander sei il mio desiderio più puro e più grande. Quanto ti sto aspettando non lo immagini“. È apparsa così anche la prima foto dei neo genitori insieme al bebè, direttamente dal letto della Clinica Mangiagalli, a Milano.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da STEFANO CORTI (@stefanocorti85)

Una gioia immensa, arrivata per i due, insieme dal 2019, dopo il dolore per la perdita di un altro bambino a causa di un aborto spontaneo. E dopo la polmonite che Bianca Atzei aveva contratto al nono mese di gravidanza, seguita da un ricovero in ospedale, che però, fortunatamente, si era risolto per il meglio.

Bianca Atzei in ospedale al nono mese di gravidanza: "Ho rischiato di partorire prima"

Faremo di tutto per renderti libero di scegliere e di sognare“, era stata invece la dolce dedica che Atzei e Corti avevano scelto in occasione del baby shower, alcuni mesi prima.

A pochi giorni dal parto, inoltre, la cantante aveva condiviso sul suo profilo anche una lunga riflessione sulla gravidanza, a corredo di una foto un cui mostrava il suo corpo nudo, con il pancione ben in evidenza:

Su Instagram aveva scritto:

In questi nove mesi ho capito che nessuno può dirti cosa fare e come fare. Ogni donna è diversa e vive in modo diverso la gravidanza. Le tue emozioni sono sempre in movimento e i tuoi umori oscillano che a volte ti innervosisce ancora di più non poterli controllare. C’è chi ti dice di coprirti la pancia e chi, per fortuna, non si intromette e capisce che sei libera di fare quello che ti senti e ti fa star bene. Nove mesi di autocontrollo, di autogestione. In questi nove mesi ho imparato una me diversa e ho dovuto conviverci anche se molte volte non mi piaceva, non mi piacevo.

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Mamme VIP