Ciuccio, sì o no? Cosa dicono gli esperti e i migliori da acquistare online

Ciuccio sì o no? Ci sono benefici nel far succhiare un ciuccio al bambino, ma anche cose a cui prestare attenzione.

Il ciuccio: c’è chi lo osanna e chi lo demonizza, chi ne sottolinea i benefici e chi, invece, gli aspetti negativi. Come in tutte le cose, anche per i ciucci vale la scelta della moderazione e del non abuso, ma in generale, tenendo presente questa linea di comportamento, va detto che lasciarlo ai neonati comporta qualche vantaggio.

Vediamo quali.

I benefici del ciuccio

La prima e più importante cosa da sapere è che per usare il ciuccio in maniera corretta occorre tenere conto della misura, indicata di solito sulle confezioni dei modelli in commercio. La taglia è espressa in mesi, e identifica un periodo preciso: avremo quindi 0-6, 0-2, oppure 6-18 mesi o 16+.

Parlando poi in maniera più specifica dei benefici, la Società Italiana di Ortodonzia (Sido) spiega che il ciuccio è uno strumento che calma e favorisce lo sviluppo dell’apparato masticatorio.

Inoltre, il ciuccio favorisce tranquillità e sicurezza, stimola l’attività neuromuscolare e favorisce lo sviluppo dell’apparato masticatorio. Secondo uno studio pubblicato su Pediatrics, organo ufficiale dell’Accademia americana di pediatria, ridurrebbe anche il rischio di Sids, la morte improvvisa del lattante.

La biobanca genetica per prevenire la Sindrome della morte in culla (SIDS), lo studio

Tuttavia, c’è un’altra scuola di pensiero, secondo cui prima si toglie il ciuccio al bambino, meglio è. Secondo una ricerca condotta dagli studiosi dell’università dell’Iowa, ciucciare dopo i 24 mesi deformerebbe in maniera permanente l’arco dentale del bambino.
Lo studio ha seguito 372 bambini, dalla nascita fino ai 5 anni, e osservava sia il succhiamento nutritivo (ovvero l’allattamento) che quello di svago: i risultati hanno dimostrato che il bambini che avevano continuato a succhiare il ciuccio – o il pollice – per più di due anni avevano maggiori problemi di malocclusione.

Ok quindi al ciuccio, ma per evitare problemi meglio levarlo entro i due anni. Se il vostro bambino rifiuta di toglierlo, ecco alcuni consigli per togliere il ciuccio.

Ciuccio sì o no? L’esperto risponde a 8 domande per non sbagliare

Ciuccio: i diversi materiali

Naturalmente non esiste un solo tipo di ciuccio. I modelli sono diversi, e realizzati in vari materiali: ad esempio, possono essere in silicone o in caucciù, senza contare che ci sono forme diverse, a seconda dell’età del bimbo cui sono destinati.

Va detto che, per consentire il corretto sviluppo della bocca del bimbo, il succhietto ideale dovrebbe avere una “tettina” ortodontica, su misura per la bocca del bambino e più sottile alla base, così da prevenire eventuali problemi di dentatura. Il ciuccio dovrebbe inoltre favorire i movimenti della lingua e assicurare una corretta distribuzione della sua pressione sul palato del bimbo.

Detto questo, vediamo i principali materiali con cui sono realizzati i ciucci.

Ciuccio in silicone

Parliamo di un materiale sintetico derivato del silicio: i ciucci realizzati in silicone sono trasparenti, indeformabili, non assorbono odori e sapori e non subiscono modifiche neanche dopo diversi processi di sterilizzazione. Quando i bambini iniziano a morderli, però, possono lacerarsi e vanno sostituiti per evitare che il bambino ne ingerisca inavvertitamente dei piccoli pezzi. Per questo motivo in genere i ciucci in silicone sono indicati nel corso dei primi mesi di vita del bambino, quando non ha ancora i dentini.

Ciuccio in caucciù

Il caucciù è un materiale più resistente alla pressione dei denti del bambino, quindi è usato soprattutto dopo i primi 6 mesi di vita. È realizzato con una gomma naturale derivata dal lattice, molto morbida ed elastica. Il problema è che tende a deteriorarsi facilmente rispetto a quello in silicone e ad assorbire di più sapori e odori; può inoltre deteriorarsi se sterilizzato di frequente, motivo per cui va cambiato spesso.

Pratica, funzionale e personalizzabile: la catenella porta ciuccio

Tipologie e forme di ciuccio

Come detto, oltre che per i materiali i ciucci si differenziano anche per le taglie (generalmente tre) e le forme. Vediamo quali sono le più comuni.

Il ciuccio a ciliegia

È il ciuccio che, per forma, è più simile al capezzolo della mamma, con la tettina più rotonda e morbida. Al bimbo piace perché ricorda il seno materno, ma dopo i primi mesi può incidere sulla dentizione.

Il ciuccio a goccia

È un modello a metà tra quello a ciliegia e quello anatomico: aderisce al palato ed è possibile utilizzarlo in entrambi i versi, per questo risulta più semplice, in genere, per i neonati.

Il ciuccio anatomico

Questo modello si adatta maggiormente alla bocca del bambino, è schiacciato e presenta la punta rivolto verso l’alto. Può essere utilizzato in un solo verso e per questo può risultare più difficile soprattutto all’inizio.

I migliori modelli di ciuccio da acquistare online

Ecco una piccola selezione dei migliori modelli di ciuccio delle diverse tipologie che si possono trovare su Amazon.

1. Philips Avent, Succhietti Ultra-Air

Philips Avent, Succhietti Ultra-Air

Philips Avent, Succhietti Ultra-Air

I succhietti Ultra Air di Philips Avent vantano la tettarella dalla forma a goccia, molto resistente e in caucciù. La particolarità di questo modello sta nello scudo, contraddistinto da una serie di ampi fori per permettere il maggior passaggio d’aria.
12 € su Amazon
Pro
  • Belli e resistenti
  • La custodia da viaggio funge anche da sterilizzatore
Contro
  • La tettarella che termina con una parte ruvida/opaca

2. Lulabi, Disney I 7 Nani

Lulabi, Disney I 7 Nani

Lulabi, Disney I 7 Nani

I succhietti di Lulabi, ispirati alla Disney e in questo caso ai sette nani, hanno lo scudo decorato con gancio e tettina in silicone a goccia.
12 € su Amazon
Pro
  • Ottima qualità della tettina
  • Sono molto morbidi
Contro
  • Il disegno è sparito dopo qualche sterilizzazione

3. Nuby, succhietti Natural Flex

Nuby, succhietti Natural Flex

Nuby, succhietti Natural Flex

I succhietti di Nuby con tettarella a ciliegia sono realizzati in silicone e riproducono forma e movimento del capezzolo materno.
8 € su Amazon
Pro
  • Buona qualità e resistenza
Contro
  • Troppo duro
  • Richiedono ottime doti di suzione

4. Tommee Tippee, Succhietti a ciliegia

Tommee Tippee, Succhietti a ciliegia

Tommee Tippee, Succhietti a ciliegia

Tommee Tippee firma questi succhietti decorati con gancetti in lattice naturale con tettarella a ciliegia.
2 € su Amazon
Pro
  • Ampiamente accettati dai bimbi
  • Sono economici
  • Gomma di buona qualità
Contro
  • Nessuno

5. MAM, Ciuccio Night in silicone

MAM, Ciuccio Night in silicone

MAM, Ciuccio Night in silicone

Mam propone il ciuccio Night, in silicone, ideale per la notte in quanto lo scudo si illumina al buio ed è più facile ritrovarlo nella culletta o nel lettino.
11 € su Amazon
Pro
  • Confezione per sterilizzare in microonde
  • I ciucci sono robusti ma leggeri
  • La funzionalità di fluorescenza al buio è comodissima
Contro
  • Nessuno

6. Chicco, Physio Soft Gommotto in caucciù

Chicco, Physio Soft Gommotto in caucciù

Chicco, Physio Soft Gommotto in caucciù

Il Gommotto di Chicco è il ciuccio più famoso del brand ed è realizzato interamente in caucciù. È molto morbido e la base sottile consente al bimbo di chiudere le labbra naturalmente.
10 € su Amazon
11 € risparmi 1 €
Pro
  • Molto morbido
  • Sicuro e non ha parti che possano far male al piccolo
Contro
  • Prezzo alto
Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...
  • Consigliati da noi

Categorie

  • Bambino (1-6 anni)
  • Neonato (0-1 anno)
  • Shopping