Paracapezzoli, a cosa servono e come orientarsi tra argento e silicone

Efficaci per alleviare il dolore al seno della neo mamma durante l'allattamento sono i paracapezzoli. Ecco come orientarsi nella scelta tra i diversi modelli disponibili all'acquisto

Quando la neo mamma presenta difficoltà nella fase dell’allattamento al seno, l’uso dei paracapezzoli è consigliato per proseguire nell’allattamento in modo efficace.

I paracapezzoli sono costituiti da un “capezzolo” forato, che consente l’alimentazione del neonato, e una “areola”. Si acquistano facilmente in farmacia, nei negozi che vendono prodotti per l’infanzia, ma ovviamente anche sui principali rivenditori online.

Scopriamo a cosa servono, quali sono le tipologie da poter acquistare e se esistono delle controindicazioni nel suo utilizzo.

A cosa servono i paracapezzoli?

A volte le neo mamme che allattano possono incorrere in problematiche quali ragadidolori al capezzolo, tagli, screpolature. Per ovviare a tali problematiche, i paracapezzoli possono favorire l’allattamento, aiutando la mamma nella sua prosecuzione senza interruzioni.

Ma questi piccoli dispositivi artificiali possono essere usati anche per altre problematiche legate al capezzolo della donna. Per esempio,  sono consigliati alle donne che hanno capezzoli introflessi o piatti. In questi casi infatti il bambino non riesce ad attaccarsi adeguatamente al seno, con la conseguenza di non essere adeguatamente alimentato a sufficienza.

Tutti questi fastidi possono essere risolti nell’utilizzo dei paracapezzoli, che, invece, non apportano alcun tipo di beneficio o miglioramento quando non ci sono problematiche particolari.

Tipologie di paracapezzoli

In commercio esistono diverse tipologie di paracapezzoli. Tra quelli maggiormente usati e indicati per l’allattamento al seno si possono trovare:

1. Paracapezzoli in silicone

Sono tra i modelli più utilizzati e consigliati perché sono sottili e permettono una buona adattabilità al seno senza impedire la stimolazione sensoriale della mammella. Inoltre, al gusto del neonato risultano assolutamente insapori e inodori. Al tatto, invece, sono morbidi e sottili. Unico difetto? Con la dentizione il materiale potrebbe forarsi.

2. Paracapezzoli in argento

Più costosi rispetto ai precedenti ma sicuramente funzionali ad alleviare infiammazioni e dolore al seno della mamma, grazie agli effetti antibatterici dell’argento. L’utilizzo in questo caso è diverso da quello dei paracapezzoli in silicone, perché si tratta di dispositivi chiusi, come dei cappellini, che vengono applicati non per la poppata ma in altri momenti della giornata.

3. Paracapezzoli in caucciù

Sono quelli meno utilizzati, sia perché poco duraturi nel tempo sia per la scarsa igiene che comportano. Sterilizzazione dopo sterilizzazione tendono a deformarsi e dunque bisogna ripetere l’acquisto nel corso delle settimane; inoltre, tendono ad accumulare polvere e sporco facilmente.

Come e quando utilizzare i paracapezzoli

Come tutti gli strumenti, anche i paracapezzoli possono avere pro e contro, soprattutto se usati in modo improprio. Per questo, il consiglio base è utilizzarli sotto il controllo di un operatore esperto.

Prima di usare i paracapezzoli in silicone il consiglio è quello di lasciarli per qualche minuto immersi in acqua calda, in questo modo le alette laterali diventeranno più elastiche e il prodotto più facile da applicare.

Se applicati bene, rimangono bene aderenti al seno e non occorre tenerli con le mani mentre il neonato si attacca per la poppata. Questi dispositivi vanno applicati solo durante l’allattamento e tolti quando la poppata finisce.

Alla fine di ogni poppata andranno lavati con acqua calda e un po’ di sapone e sterilizzati una volta al giorno.

Le coppette in argento, invece, andrebbero usate per qualche minuto al giorno o al massimo una giornata ogni tanto, ma l’uso continuativo potrebbe favorire un’infezione da candida o peggiorare lo stato infettivo di una ragade.

Quale impatto ha il Covid sull’allattamento al seno? La risposta scientifica

Le controindicazioni all’uso dei paracapezzoli

Le controindicazioni nell’uso dei paracapezzoli riguardano il fatto che talvolta, con l’utilizzo di questi strumenti in silicone il bebè potrebbe avere difficoltà nell’attaccarsi al seno.

L’attacco non corretto può portare da una parte al rischio di ingorgo mammario e conseguentemente a mastiti o ascessi, e dall’altra a una diminuzione lenta della produzione di latte.

Ma può capitare, a volte, che il neonato si abitui così tanto alla suzione dal paracapezzolo da non riuscire più a poppare al seno senza, con il risultato rendere più complicato l’allattamento al seno.

Paracapezzoli: quali scegliere?

Prima di procedere nell’acquisto è molto importante scegliere dei paracapezzoli della misura giusta, che non stringano i capezzoli ma li contengano in modo molto naturale. Solo in questo caso questi dispositivi artificiali svolgerebbero a pieno il loro lavoro, migliorando l’allattamento al seno.

Silverette the original paracapezzoli in argento 925

Silverette the original paracapezzoli in argento 925

Un aiuto concreto per le neo mamme durante l'allattamento al seno, un successo enorme per medici e ostetriche tale da rendere le coppette Silverette le più vendute in ben 28 Paesi nel mondo.
44 € su Amazon
Pro
  • Materiale: argento 925
  • Contiene: 1 paio di paracapezzoli
  • Ideali per una taglia di reggiseno inferiore alla terza
  • Fatte a mano e prodotte in Italia
  • Clinicamente sperimentate nell’Ospedale universitario di Padova
  • I bordi arrotondati rendono più confortevole l’utilizzo del prodotto sulla pelle sensibile
Contro
  • Nessuno
Medela Paracapezzoli Contact, senza BPA, in silicone morbido ultrasottile

Medela Paracapezzoli Contact, senza BPA, in silicone morbido ultrasottile

Agevolano l'allattamento quando l'attaccamento al seno è difficile o doloroso o in caso di capezzoli piatti o introflessi, i paracapezzoli Medela in morbido silicone sono perfetti per le neo mamme.
10 € su Amazon
11 € risparmi 1 €
Pro
  • Contiene 2 paracapezzoli in silicone trasparente ultrasottile
  • Senza BPA e senza sapore
  • Custodia inclusa
Contro
  • Nessuno
Chicco Paracapezzoli in Silicone Bianco

Chicco Paracapezzoli in Silicone Bianco

Chicco Paracapezzoli in silicone proteggono i capezzoli irritati, alleviando il dolore e permettono di allattare anche in caso di capezzoli piatti.
9 € su Amazon
Pro
  • Materiale: silicone trasparente
  • Testina leggermente appiattita
  • Doppia confezione sterilizzante
  • Forma ergonomica
  • Disponibile in diverse taglie, dalla S alla L
Contro
  • Nessuno
Philips Avent Allattamento Paracapezzoli

Philips Avent Allattamento Paracapezzoli

Per allattare a lungo in tutta comodità i paracapezzoli Philips Avent facilitano l'attaccamento e sono delicati sulla pelle.
8 € su Amazon
Pro
  • La forma favorisce il contatto fisico tra mamma e bimbo
  • Paracapezzoli medi, 21 mm, 2 pezzi
  • Custodia da trasporto igienica inclusa
  • 0% bpa, in conformità al regolamento UE 10/2011
Contro
  • Nessuno
Coppette Paracapezzoli in Argento Trilaminato

Coppette Paracapezzoli in Argento Trilaminato

I paracapezzoli in argento sono utili nell'allattamento al seno per facilitare la poppata del bebè e limitare il dolore e il fastidio al seno della neo mamma.
29 € su Amazon
Pro
  • In argento trilaminato per garantire la massima igiene
  • Non contengono Nichel
  • Non alterano il sapore del latte
  • Riutilizzabili all’infinito
Contro
  • Nessuno

Articolo originale pubblicato il 25 gennaio 2022

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...
  • Consigliati da noi

Categorie