Ha fatto il giro del web in poco tempo il video della bambina “nata con la camicia”.

Nel video postato si nota il pugno della neonata che si fa strada per rompere il sacco amniotico in cui ha vissuto nei nove mesi di gravidanza nel grembo della mamma, la sig. Rosangela Maria Sousa Soares.

Il video della bambina “nata con la camicia”… con il sacco amniotico integro

L’evento molto raro al mondo è chiamato in gergo medico:“nascita en caul”, ovvero un tipo di parto che avviene una volta ogni 80.000 nascite. La bambina “nata con la camicia” è figlia di Rosangela Maria Sousa Soares, donna Brasiliana già mamma di altri 3 bambini.

Questo genere di nascite sono così rare da vedere poiché il sacco amniotico solitamente si lacera quando il neonato sta per nascere e questo accade anche non solo per il parto naturale ma anche in quello cesareo.

Nelle riprese video postate dal giornale The Sun, si vede Rosangela Maria Sousa Soares sdraiata sul tavolo della sala parto di un ospedale della città di Goiania, nello stato brasiliano del Goias, dove la donna ha dato alla luce le sue due gemelle omozigote: Iside ed Elis.

Rosangela Maria Sousa Soares ha descritto l’evento come un “momento magico”. La piccola Iside uscì per prima, seguita dalla sorella Elis, ancora all’interno di un sacco amniotico integro. Le bimbe sono nate il 26 novembre scorso al termine di una gravidanza durata 36 settimane con un peso alla nascita intorno ai 2,3 Kg.

La positività dell’evento, oltre alla straordinarietà del sacco amniotico intatto, è che entrambe le neonate non hanno necessitato di cure aggiuntive né avuto bisogno di incubazione. E dunque, a due giorni dal parto, mamma e figlie sono rientrate a casa.

Visualizza questo contenuto su

Le “nascite en caul”, evento raro ma senza rischio per madre e figlio

Secondo uno studio del 2018 pubblicato su Obstetrics and Gynaecology, non è possibile prevedere i parti en caul, i quali rappresentano solo 1 su 80.000 nati vivi.

Gli scienziati tranquillizzano su tali nascite confermando che non comportano rischi per il neonato. Anzi, da un certo punto di vista, possono anche risultare delle efficaci protezioni poiché il sacco intatto proteggere il bebè da possibili traumi o abrasioni che possono presentarsi durante il parto.

La particolarità è che la clinica di São Miguel do Oeste, in Brasile, ha presentato già 4 casi di parto en coul.

Ma non solo il Brasile è protagonista di questi eventi rari, in precedenza è stata la Cina ad aver assistito ad un parto en coul dopo che la mamma si era sottoposta a fecondazione in vitro.

 

 

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Storie