La storia e l'esempio di Kayleigh Summers, sopravvissuta all'embolia di liquido amniotico

Kayleigh Summers è sopravvissuta all'embolia di liquido amniotico: la sua storia e il suo supporto ai genitori sopravvissuti ai traumi della nascita.

Kayleigh Summers ha una storia incredibile: è sopravvissuta a una rara e fatale complicanza della gravidanza chiamata embolia di liquido amniotico.

Partendo da questa brutta esperienza Kayleigh Summers ha fatto strada e, oggi, è a capo di una comunità di social media che supporta centinaia di genitori sopravvissuti ai traumi della nascita.

La storia di Kayleigh Summers, sopravvissuta all’embolia di liquido amniotico

Kayleigh Summers ha raccontato a Parents la sua storia fatta di lotta e speranza:

Quando sono rimasta incinta di mio figlio, ero così entusiasta di diventare mamma. Ho fatto tutto il possibile per prepararmi. Ho letto tutti i libri, ho fatto tutte le domande e ho fatto ricerche su cosa volevo per la mia nascita.

Mi sono preparata per un lungo travaglio, le contrazioni e il dolore, e un potenziale taglio d’urgenza. Tuttavia, non mi ero preparata a morire mentre davo alla luce il mio bambino, né ero preparata per la lotta che ci sarebbe voluta per incontrarlo finalmente.

Il malessere, spiega la Kayleigh Summers, è arrivato al momento delle contrazioni, quando dilatata di 10 cm e pronta per le ultime spinte, ha iniziato ad accusare uno strano dolore generale, poi le urla, la sensazione che il cuore non andasse bene e pochi secondi di lucidità prima di crollare e andare in arresto cardiorespiratorio.

Il marito della donna ha cercato in tutti i modi di svegliare la moglie ma senza riuscirci. Pochi attimi e scattò il codice blu a indicare la massima urgenza. La stanza, gremita di persone, medici e infermieri, che cercavano di salvare la vita di Kayleigh e del piccolo ancora in grembo.

Sei minuti dall’inizio dell’emergenza veniva al mondo il piccolo Callahan (Cal). Kayleigh Summers, nel ricordare quei momenti, aggiunge:

Nella sala d’attesa, la mia famiglia ha sentito l’annuncio del codice blu. Non avevano idea di cosa fosse successo. Quando sono arrivati ​​nella mia stanza, hanno trovato mio marito che era a malapena in grado di parlare. I medici hanno spiegato alla mia famiglia: “Il bambino sta bene, ma Kayleigh no. Ha avuto un’embolia di liquido amniotico e stiamo facendo tutto il possibile per salvarle la vita”.

Dopo il mio cesareo d’emergenza, il mio cuore e i miei polmoni stavano cedendo. Il mio team clinico non è riuscito a fermare l’emorragia, quindi è stata eseguita un’isterectomia e sono state trasfuse oltre 140 unità di sangue.

Complicanze in gravidanza e l'importanza della prevenzione dei fattori di rischio

Ritornare a vivere e dare supporto a chi ne ha bisogno: la nascita social della BTA

Dopo quegli attimi orrendi e pregni di paura quando la vita è attaccata ad un filo la speranza è davvero l’ultima cosa che rimane. Ma Kayleigh dopo giorni trascorsi in ospedale e con un team medico altamente qualificato, ce l’ha fatta.

Da quella brutta storia mamma Summers ha preso solo il bello, la nascita del piccolo Call e una nuova consapevolezza: aiutare chi, come lei, ha trascorso momenti difficili dovuti a complicanze durante il parto e ha lottato contro la morte. Nasce così l’idea nel gennaio del 202o di aprire una nuova comunità social dedicata ai sopravvissuti.

Sono passati poco più di due anni dalla nascita della mia AFE e di Callahan. Ma sapevo che dovevo fare qualcosa. Volevo aumentare la consapevolezza per l’AFE, usando anche le mie conoscenze come terapeuta per aiutare coloro che hanno subito un trauma alla nascita.

C’è un complesso insieme di emozioni che si verificano quando qualcuno sperimenta un trauma in un giorno che era stato promesso come uno dei migliori della sua vita. Quindi, ho creato una comunità sui social media, dove sono conosciuta come The Birth Trauma Mama, per supportare i sopravvissuti al trauma della nascita e per educare su AFE.

Da quando ho creato questa nuova realtà, i miei video TikTok che descrivono la mia storia hanno aiutato i professionisti medici a comprendere meglio la prospettiva di un paziente e ad essere più preparati se questa rara complicazione dovesse presentarsi nella loro unità. Anche se spero che nessuna persona debba sperimentare quello che ho fatto, sono grato di essere qui oggi e di condividere le mie conoscenze e il mio sostegno con altri sopravvissuti al trauma della nascita.

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Storie