Accettare il corpo post-partum - GravidanzaOnLine

“Non importa se siete grasse o magre: amatevi, e amate il vostro corpo”

Lindsay Wolf, attrice di Los Angeles, mostra con orgoglio il suo corpo post-gravidanza per promuovere l'amore per se stessi andando oltre gli stereotipi legati alla forma fisica.

Cinque anni fa l’attrice Lindsay Wolf era ossessionata dal proprio corpo: faceva regolarmente esercizio fisico, era magra e determinata a rimanerlo. Orgogliosa mostrava sui social i risultati delle sue fatiche.

Oggi è mamma di una bambina di pochi mesi, e su Instagram mostra un corpo totalmente nuovo, con molti kg in più. Ma lo mostra con lo stesso orgoglio, e con qualcosa che prima non aveva, spiega nel post:

2014: dimostrare ossessivamente sui social media che ero magra e in forma e facevo attività in una quantità adeguata per il modello vincente. 2019: divorare felicemente un’anguria in costume da bagno, per la semplice ragione che mi fa sentire bene ed è del tutto normale per me essere fotografata in questo momento.

Un messaggio diretto alla “se stessa” di pochi anni fa e a quella di oggi, ma anche alle donne che faticano ad accettare le trasformazioni del proprio corpo, soprattutto durante e dopo la gravidanza.

E il motivo per cui ha deciso di mettere a confronto le fotografie del suo prima e dopo “invertendole” rispetto ai canoni tradizionali della trasformazione “magica” da-sovrappeso-a-magra, spiega Lindsay, è questo:

Nonostante per più di 20 anni abbia avuto quello che è considerato un corpo magro e “di successo”, odiavo con tutto il cuore la mia forma fisica e non mi sentivo mai soddisfatta (e questo mi comportava disordini alimentari, bassa autostima e dipendenza dalle pillole dimagranti). E oggi, dopo due anni di lavoro per accettarmi per ciò che sono, amo con tutto il cuore ogni centimetro del mio corpo.

Lindsay racconta la difficoltà, comune a molte donne, di vedere la trasformazione del corpo, data dalle sue due gravidanze e da una costituzione non esile, ma racconta anche una nuova consapevolezza:

Certo, c’è un evidente aumento di peso nella foto di sinistra. Ma la vera differenza tra i due scatti è che una mostra una donna che è stata ossessionata dalla magrezza, l’altra mostra una donna che è attualmente ossessionata dalla sua integrità e celebra il bello che è sempre stato dentro di lei, a prescindere dalla sua taglia. Non importa ciò che dice la bilancia, una cosa è sicura: sono finalmente in grado di riconoscere che sono un essere umano amato e pieno d’amore, che merita ogni singola cosa buona che c’è nella sua vita. E lo siete anche voi.

Molte donne hanno commentato il post, raccontando il rapporto complesso con il proprio corpo di neo-mamma: “Stavo cercando una foto sul mio vecchio telefono – scrive una donna – e ho trovato moltissime foto pre-gravidanza. Che mi hanno fatto sentire ovviamente uno schifo. Ma mio figlio è meraviglioso e ne è valsa la pena! Perciò grazie.”

Un’esperienza condivisa da un’altra donna: “Ne avevo bisogno. Ho anche bisogno di smetterla di guardare le mie foto pre-gravidanza e di ossessionarmi su quanto il mio corpo sia diverso oggi”. Un’altra commenta: “Sto combattendo con il mio nuovo corpo curvy da quando è nato mio figlio, e perdere peso è un’enorme battaglia senza risultato”.

Come spiega Lindsay la questione non è il proprio peso, ma il benessere che si prova abitando il proprio corpo. C’è chi, come lei, dopo anni in cui si è mantenuta una perfetta forma fisica accoglie il cambiamento dato da una gravidanza, chi recupera – con maggiore o minore fatica – la propria forma pre-gravidanza, chi proprio durante la gravidanza inizia a prendersi cura del proprio corpo.

Non c’è un giusto o sbagliato, c’è il rispetto di sé e del proprio corpo, che passa attraverso la salute e l’amore per se stessi. In un altro scatto Lindsay mette a confronto il proprio corpo a 10 anni di distanza:

È doloroso dover dire addio al corpo che pensavi di volere. Ho trascorso molto tempo combattendo contro la mia forma fisica per essere il più magra possibile. Tra queste due foto ci sono dieci anni di distanza. La giovane donna sulla sinistra sarebbe andata a chiedere immediatamente a sua mamma se le sue gambe fossero grasse dopo aver visto la propria foto, sentendosi disgustata. […] La donna sulla destra si ama come non ha mai fatto prima. Ha imparato ad amare ogni centimetro del suo corpo e ha capito che l’aumento o la diminuzione di peso non ha niente a che vedere con il valore di una persona.

Per questo l’invito di Lindsay è di accettarsi e perseguire il proprio benessere psicofisico, a prescindere dalla taglia: “È incredibile quello che accade quando impari a smettere di combattere contro te stesso e scegli l’amore. È incredibile quello che può succedere in 10 anni se decidi che il tuo peso non è la misura del tuo vero potenziale e che una di pantaloni in più o in meno non è MAI la misura della tua possibilità di essere amata“.

Ti è stato utile?
Rating: 5.0/5. Su un totale di 2 voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Post parto