Vanessa

chiede:

Buonasera dottore,
le scrivo per avere delucidazioni riguardo alla mia esperienza.
Mi trovo attualmente all’ottava settimana di gravidanza e abbiamo riscontrato IGM a titolo dubbio sul rubeo test.
Ho ripetuto gli esami 4 volte e i valori rimangono inalterati: IGg positive e IGM dubbie (IGM presenti a basso titolo). In tutti gli esami delle IGM analizzati con metodo CLIA è stato utilizzato anche il metodo ELFA che in tutti i casi non ha confermato la presenza di IGM dato che con questo metodo risultano negative.
L’infettivologo dice di stare tranquilla perché io sono stata vaccinata nel 1998 e perché durante la prima gravidanza sono risultata immune ed è sicuramente una reazione incrociata che può verificarsi in gravidanza e dare così dei falsi positivi.
Inoltre io soffro di vitiligine, malattia della pelle classificata come malattia autoimmune che, a detta del medico, può interferire. Aggiungo che ho effettuato il test di avidità delle IGg e il risultato è 31% borderline senza nessuna dicitura o valore di riferimento.
Secondo lei quali altri esami devo fare per poter continuare questa gravidanza in modo sereno? Sto vivendo nell’angoscia più totale. Grazie mille in anticipo per l’attenzione

Gentile Vanessa,
è frequentissima la persistenza a basso titolo delle immunoglobuline M. Non credo quindi debba preoccuparsi.
Un saluto

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Infettivologo