Perdite vaginali gialle | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Gentile Dottore, ho 28 anni ed ho delle perdite gialle dall’età di 12, il menarca l’ho avuto a 14 anni. Nel tempo sono diventate più dense e mucose e qualche volta, ma non sempre, odorano di lievito. Ho eseguito tamponi vaginali gonorrea, tricomonas, candida e germi comuni. Ho eseguito tamponi cervicali per ureaplasma e micoplasma, clamidia, gonorrea, tricomonas e germi comuni. Tutto è risultato negativo. Siccome avevo letto di falsi negativi per clamidia e gonorrea ho ripetuto gli esami in un altro centro, sempre negativo. Nel primo centro per clamidia mi hanno fatto ricerca diretta del mrna nell’altro metodo EIA; per la gonorrea in entrambi i casi esame colturale. Ho fatto, poi svariati pap-test dai vent’anni in poi che presentavano sempre una leggera infiammazione e niente più. Ho l’ectropion, che diversi ginecologi hanno definito congenito e l’utero retroverso. La mia domanda è: possibile che i tamponi su clamidia e gonorrea siano dei falsi negativi? Anche perché ho letto che il gonococco muore subito a contatto con l’ambiente, mentre per la clamidia dicono che siano meglio coltura o pcr. Insomma, cosa mi consiglia di fare in virtù di queste macchie gialle? Sono molto preoccupata!

Direi proprio di non preoccuparsi. Certo il fastidio c’è ed è questo che dovremmo cercare di eliminare. Ma non c’è pericolo. Avendo fatto tanti tamponi, utilizzando anche metodiche e laboratori diversi, se pure vi fossero degli errori, almeno uno avrebbe dato un risultato. Poi eventuali infezioni non riconosciute e non trattate avrebbero avuto un peggioramento e quindi si sarebbero palesate bene. Resta la possibilità di una vaginosi, cioè la presenza di agenti infettivi vari, aspecifici (difficili da individuare con i tamponi), che alterando il pH e la normale flora vaginale, determinano flogosi e quindi la reazione da parte delle sue ghiandole cervicali. Oltretutto lei ha un ectropion, cioè una parte della mucosa endocervicale che sporge oltre l’orifizio, che già da solo può provocare un eccesso di perdite. Possibili soluzioni? Di sicuro deve fare una colposcopia, anche per ascoltare il parere di un esperto di patologia cervico-vaginale. Escluse altre patologie si può provare a trattare l’ectropion e nel contempo regolarizzare la flora vaginale con prodotti ad hoc. Segua sempre le istruzioni di uno specialista ed eviti di applicare multipli prodotti a caso. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Infettivologo