Mycoplasma Hominis | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Buongiorno dottore, ho 35 anni ed il mio compagno 40. Stiamo facendo esami per un eventuale fecondazione assistita, in quanto sono diversi anni che cerchiamo una gravidanza mai arrivata. Lo spermiogramma del mio compagno non è incoraggiante, ci sono problemi di qualità, quantità e motilità (per non farci mancare nulla!). Ho effettuato il tampone vaginale e cervicale e sono risultata positiva al Mycoplasma Hominis, mentre l’esame effettuato tramite urine per la ricerca di Mycoplasma è risultato negativo, può essere? Nello spermiogramma del mio compagno risultano leucociti (legati al Mycoplasma?), la mia ginecologa ha prescritto ad entrambi una cura con Zitromax (3 gg poi 6 di pausa + altri 3 gg), dopodiché dovrò rifare il tampone. Il mio compagno dovrebbe fare la spermiocoltura dopo un mese dalla sospensione dell’ antibiotico, la mia ginecologa mi ha consigliato di non farglielo fare prima dell’ antibiotico perchè tanto sicuramente ha il Mycoplasma come me, secondo lei abbiamo sbagliato a seguire le sue indicazioni e dovevamo fare prima la spermiocoltura per accertare la cosa? Sono molto perplessa, mi aiuti a capire per favore. Grazie mille. Saluti.

Gentile Simo, in linea di massima, è realmente probabile che le vie spermatiche-urinarie del suo compagno siano colonizzate dal micoplasma. Ad ogni modo converrebbe sempre, quanto possibile, eseguire un antibiogramma per scegliere l’antibiotico migliore e verificare dopo tre o quattro giorni dalla terapia, se l’antibiotico fa effetto anche in vivo oltre che in vitro, con una nuova cultura.
Un saluto

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Infettivologo