Anonimo

chiede:

Gentilissimo dottore, la scorsa settimana a 30W+4gg di gravidanza ho eseguito un tampone vaginale a causa di perdite in parte simil-albume, in parte di colore verdastro e molto elastiche. L’odore è acidulo ma non “di pesce”. Purtroppo sono in questa condizione dall’inizio della gravidanza (se non forse addirittura prima, ma non ci avevo mai dato peso), tant’è che segnalato mesi fa il problema alla ginecologa, senza alcuna indagine, sono stata curata in prima battuta con candelette di Meclon e bustine di Psyllogel per ripristinare la flora batterica e cercare di sbloccare la stipsi (che secondo la dottoressa era la causa di tali perdite). Non risolvendo la cosa, lo scorso mese, a seguito di una visita ginecologica mi ha prescritto Fluimizin compresse vaginali per 10 gg rimandandomi poi a visita e al tampone (finalmente!) solo la scorsa settimana. Oggi ho ritirato i risultati, che sono questi: ESAME COLTURALE PER GARDNERELLA: Numerose colonie di Gardnerella Vaginalis ESAME COLTURALE PER PROTOZOI E TRICHOMONAS VAGINALIS: L’esame non ha mostrato sviluppo di Protozoi (Trichomonas Vaginali). Esito Negativo. ESAME COLTURALE PER MICOPLASMA, l’esame è eseguito su terreno selettivo per micoplasma ed ureaplasma: Assenza di sviluppo di colonie di Micoplasma e di Ureaplasma. Esito Negativo. ESAME COLTURALE PER MICETI, su terreni selettivi si sono ricercati: Lieviti (Candida Spp.); Miceti: L’esame non ha mostyrato sviluppo di Lieviti nè di Tricophiti. Esito Negativo. ESAME COLTURALE TAMPONE VAGINALE: Diverse colonie di Enterococco e germi su terreni selettivi si sono rilevati essere Gardnerella (Su terreni selettivi si sono ricercati i germi: Coliformi, Pseudomonas, Gardnerella V. Stafilococco, Enterococco) STREPTOCOCCO AGALATIAE (ESAME COLTURALE DA TAMPONE VAGINALE), terreni selettivi: L’esame colturale ha rivelato colonie sospette per Streptococco Beta emolitico STREPTOCOCCO AGALATIAE (ID. SIEROLOGICA DA TAMPONE VAGINALE), estrazione-agglutinazione, sierotipizzazione con antisiero specifico per il gruppo B: La identificazione immunologica delle colonie sospette ha dato esito Negativo — ESAME COLTURALE DEL TAMPONE VAGINALE, RELAZIONE RIASSUNTIVA Sono stati ricercati i seguenti germi: Mycloplasma Hominis: Esito negativo Ureaplasma Urealitico: Esito negativo E. Coli: Esito negativo Proteus V. e M.: Esito negativo Pseudomonas: Esito negativo Gardenerella V.: Esito positivo Stafilococco: Esito negativo Enterococco: Esito positivo Streptococco Agalatiae: Esito negativo Neisseria: Esito negativo Trichomonas: Esito negativo Candida spp.: Esito negativo. Mostrati alla dottoressa mi ha prescritto Cleocyn crema da applicare per 7 sere rispondendo di non preoccuparmi alla domanda “c’è pericolo per il bambino considerando che queste perdite sono presenti dall’inizio della gravidanza?”. Io però non riesco a stare tranquilla, perché a leggere online risposte a quesiti simili al mio mi viene l’angoscia. Addirittura ho letto di casi di morte intrauterina alla 39esima settimana associata all’enterococco o di gravi infezioni trasmesse al bambino con conseguenti problemi e/o malformazioni. Vorrei a tal proposito sentire anche il Suo parere. Sono davvero angosciata. Da un lato non ho motivo di dubitare delle parole della mia dottoressa, con la quale mi sono sempre trovata egregiamente, dall’altro però temo abbia sottovalutato la cosa o che non abbia voluto spaventarmi. È possibile che questi germi abbiano in qualche modo potuto danneggiare il mio bambino? Inoltre, eventuali patologie a carico degli organi sarebbero state visibili attraverso ecografie (es: strutturale o ecocardiografia alla 30esima settimana)? La prego di darmi una risposta. Grazie infinite.

Gentile Signora, non credo che abbia seri motivi per preoccuparsi. Spesso infezioni fetali causano segni ecografici potenzialmente identificabili.
Una perfetta normalità ecografica ad una ecografia di secondo livello, sicuramente rende ancora più tranquilli.
Un saluto

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Infettivologo