Carmen

chiede:

Salve, vorrei avere delle informazioni. Sono molto preoccupata. Mi ritrovo al settimo mese di gravidanza. Ad oggi ho sempre ripetuto gli esami di routine, specialmente il citomegalovirus. Sin dall’inizio della gravidanza ho riportato quasi sempre i seguenti valori: IgG 2,45 o a volte anche 2,66 con riferimento al fatto che questo valore è sempre rimasto in zona grigia (come valori di riferimento del laboratorio della zona grigia risulta 1.51-2.80).

Le IgM invece sono sempre risultate negative, variando da 0,01 a 0,02 come valore. Mi sorge il dubbio quando, ritirando le ultime analisi, mi ritrovo con le IgG a 3,11, passate quindi da zona grigia a positive, mentre le IgM a 0,19 (sempre negative).

Premetto che non so se ho mai contratto in passato questo virus ma sono parecchio preoccupata. Cosa significa questo passaggio da zona grigia a positivo delle IgG? Che rischi corriamo io e il mio bambino? Attendo urgente risposta. Grazie

Dott. Luca Zurzolo

Dott. Luca Zurzolo

risponde:

Buongiorno Carmen, dai valori che ha riportato si tratta di un’infezione pregressa, perché le IgM non si sono mai positivizzate. Mi sento quindi di tranquillizzarla, può stare serena per il prosieguo della sua gravidanza.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo

Categorie