"Perché il mio bimbo non ripete le parole che gli suggerisco?"

Sara

chiede:

Buongiorno dottoressa, io ho due bambini. Il primo ha 4 anni e con lui non ho avuto nessun problema. Ha frequentato il nido dai 10 mesi e credo abbia aiutato molto, infatti è molto sveglio, ha iniziato a camminare a un anno e parlava anche molto bene.

La mia preoccupazione è il secondo, che ha 21 mesi e dice solo mamma, papà, nonno, nonna, Dede (Giuseppe, il fratello) e Aura (Aurora, la cugina). Non dice altro a parte cinque/sei versi di animali; per farsi capire indica le cose ma non dice nulla e, quando provo a fargli ripetere qualcosa, dice sempre “AUA”, qualsiasi sia la parola.

E poi quando non vuole gli oggetti, come ad esempio a tavola la forchetta, la lancia per terra e picchia spesso con pugni noi e il fratello, anche senza un reale motivo (credo io). È il caso di preoccuparsi? Non sappiamo più cosa pensare. La pediatra dice che secondo lei è ancora presto per farlo visitare. Mio marito – secondo mia suocera – ha iniziato a parlare tardi. Sono però molto preoccupata e non so più cosa pensare. Grazie e mi scuso per il monologo.

Cara mamma, sicuramente il bambino è ancora in una fase di apprendimento e crescita: ha 21 mesi e quindi dovrebbe iniziare a comprendere sempre meglio ciò che gli si dice, sapere un minimo di 20 parole e iniziare ad usare le olofrasi (una parola come frase).

Il linguaggio fa parte di percorso graduale di crescita, va inserito in un contesto di competenze, abilità e capacità. Quindi ho pochi elementi per rispondere in maniera esaustiva, poiché dovrei vedere come comunica, come gestisce la relazione, come comprende, come interagisce con gli altri, come gioca.

Potrei dirle che è ancora presto, ma in realtà non è mai troppo presto: se ha un dubbio, sicuramente una visita o un consulto potranno aiutare. Magari aspetterei fino ai 24 mesi per vedere se la situazione si modifica in autonomia, poi valuterei un consulto sentendo anche il pediatra.
Se non ci sono problemi organici, le potranno dare indicazioni pratiche su come comportarsi con il suo bambino (attività da fare per stimolare il linguaggio).

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Logopedista

Categorie