Ansia da toxoplasmosi | GravidanzaOnLine

Anonimo

chiede:

Buongiorno Dottore. La prego di aiutarmi. Soffro di una terribile ansia da toxoplasmosi: i pasti sono diventati un incubo per me così come la vita quotidiana. Le spiego meglio: per esempio la sera scorsa, mia suocera ha appoggiato della verdura non lavata, appena raccolta dall’orto fuori casa, sul tavolo della cucina. Subito dopo mi sono accorta che la mia forchetta toccava con la parte dentata queste verdure, ho pensato quindi di cambiarla. Quando però la cena è arrivata, non mi è più passato per la mente di cambiarla e ho mangiato con quella forchetta. Quante probabilità ho di aver contratto la toxoplasmosi in questo modo? In attesa di una Sua risposta, Le porgo cordiali saluti.

Gentile Elisa,
se si mettesse di impegno a contagiarsi in questo modo non ci riuscirebbe. Stia tranquilla. Bastano comuni norme di prudenza. Non sta combattendo una guerra batteriologica. Se fosse così facile contagiarsi, come fa a spiegarsi che non sia già avvenuto nei suoi anni di vita? E poi, il toxoplasma non è la peggior tragedia. Si fanno i test periodicamente e in caso di contagio c’è tutto il tempo di adottare la terapia necessaria. Il feto peraltro ha anche meno possibilità di infettarsi rispetto agli adulti. In conclusione la sua ansia è del tutto inappropriata e per di più non la protegge ma la fa solo soffrire. Cordiali saluti.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande

Specializzazione

  • Infettivologo