Menopausa

La menopausa è l’evento che segna la fine dell’età fertile nella donna e si verifica, in media, fra i 45 e i 55 anni. Si tratta di un evento del tutto naturale che non deve creare preoccupazione, tuttavia si tratta di una fase di transizione significativa e conoscerne le implicazioni fisiche e psicologiche consente di affrontarla al meglio.

Menopausa
Menopausa

Sono incinta o sono in premenopausa?

Buongiorno! Ho 50 anni e il 1 Giugno ho avuto l'ultimo ciclo (il penultimo a gennaio). Il 10 giugno ho avuto un rapporto non protetto e dato che a luglio il ciclo non è arrivato, ho fatto un test hcg con prelievo sanguigno per scongiurare una gravidanza. Il valore è di 7,69. Il test è stato effettuato l'8 luglio, quindi dopo circa 4 settimane dal rapporto non protetto. Sono incinta o sono in premenopausa? Il valore gonadotropine FSH (S) è di 135,0 e quello gonadotropine LH (S) è di 57,6.Grazie per la risposta

Tempi minimi e massimi dell'impianto e valori beta hcg

Salve, ho quasi 45 anni e con il mio compagno stiamo provando ad avere un figlio. Il mio ciclo è sempre stato perfettamente regolare di 25/26 giorni potendo passare a 24 o a 27 in casi particolari tipo cambio di stagione, particolare stress e quant'altro. Giorno 29 gennaio mi è venuto il ciclo, nei giorni 8 e 10 febbraio ho fatto l'amore con il mio compagno avendo tutti i sintomi dell'ovulazione. Giorno 26 febbraio, avendo già un ritardo di 1 giorno sui canonici 28 giorni di ciclo ma in realtà almeno 3 sul mio ciclo normale, ho fatto le analisi del sangue sia del Beta HCG che è risultato 0,10 e quindi non risulta che io sia incinta e sia del FSH che risulta di 2,30 e cioè sembrerebbe che nemmeno sia entrata in menopausa, cosa può essere accaduto?! Potrebbero essere state più lunghe le fasi di fecondazione e impianto e di conseguenza il rilascio di beta hcg tanto che al 16esimo giorno dal rapporto con il mio compagno risulti ancora un test negativo? Sono molto preoccupata perché in 34 anni di mestruazioni non ho mai avuto alcun ritardo ne problema di alcun genere, sempre tutto regolare sia come flusso che come tempi e oggi sono al 31esimo giorno dall'ultima mestruazione e pur avendo dei sintomi quali il mal di schiena (forse un po' più forte del solito) e crampetti minimi allo stomaco, non ve n'è traccia. Sperando in una Vostra celere risposta, porgo cordiali saluti

Niente ciclo, ma test negativi

Salve, sono un po' in ansia. Premetto che sono molto regolare, avrei dovuto avere il ciclo il 16/02 ma già dal 14 ho avuto i classici dolori del ciclo. Il ciclo ad oggi non è arrivato. Il 17/02 sera, ho fatto un test. Negativo. Avendo alcuni sospetti tra cui stanchezza, giramenti di testa e un po' di nausea, stamattina 20/02 ne ho fatto un altro. Nulla, negativo. Sono preoccupata. Potrebbe essere una gravidanza extrauterina (non ho dolori però né perdite sospette, solo chiare)? Ho già una bimba di 2 anni e ho quasi 39 anni. Potrei essere in menopausa precoce? I precedenti cicli erano regolari e come sempre non ho avuto riduzioni di giorni o flusso. Sono piena di domande. Il mio ginecologo oggi che è sabato non c'è. Potete aiutarmi? Grazie

Blocco del ciclo

Gentili dottori, l'anno scorso io e mio marito abbiamo finalmente iniziato a cercare un figlio. Premetto di avere 36 anni e una micropolicistosi ovarica (follicoli non più grandi di 7 mm). Ho da sempre un ciclo irregolare, che peggiora con gli anni (ritarda dai 40 ai 60 giorni). Avendo informato il mio ginecologo dell'intenzione di restare incinta, mi è stato suggerito di provare senza consigliarmi alcun rimedio, per confermare dopo un anno se fossi in grado o no di concepire naturalmente in questa condizione. Non siamo arrivati al dunque, in quanto il mio ciclo è andato progressivamente rallentando, fino a sparire per circa 6 mesi. A quel punto, tramite il medico di famiglia ho eseguito esami del sangue completi anche con livelli di prolattina e valori tiroidei, e sulla carta tutto è nei parametri. Lo stesso medico mi ha prescritto nomege strolo acetato per far ricomparire il ciclo che, con qualche sforzo, è riapparso per la prima volta dopo mesi. Con questi dati, posso escludere la brutta sorpresa di una menopausa precoce (visto che l'intento era ben altro)? Ci sono altri esami che potrei fare? Mi è stato spiegato che ho difficoltà ad ovulare, se non addirittura un'ovulazione assente, è possibile sapere se, oltre a non presentarsi, gli ovuli siano prossimi all'esaurimento? Grazie mille.

Gravidanza o menopausa?

Buongiorno Dottore. Ho 45 anni. Non ho ancora avuto episodi di mancanza di ovulazione. L'ultima mestruazione l'ho avuta il mese scorzo, il giorno 26. Il mio ciclo è di 24-26 giorni. Ho un ritardo di quattro giorni. Sono tre mesi che sto cercando una gravidanza. In precedenza ne ho avute già due. Ho una figlia di 22 anni e una di 21. In questi tre mesi ho misurato la temperatura basale per cercare i giorni più fertili. La temperatura basale è sempre stata bifasica. Però questo ultimo mese è stata un po’ su e giù anche se bifasica e ho avuto dei forti calori notturni. È sei giorni che ho la temperatura alta. È possibile non aver ovulato e avere la temperatura alta e saltare il mestruo? E poi vorrei sapere per calcolare il prossimo ciclo continuo come se avessi avuto il mestruo o devo aspettare il prossimo mestruo per ricominciare il ciclo? E se dovessi essere incinta, quando è il momento giusto per farmi un esame? Grazie

Menopausa chirurgica ma con ciclo regolare

Gentile Dottore, spero lei possa aiutarmi a risolvere i miei dubbi. Sono una giovane donna di 30 anni che purtroppo ha già subito 4 operazioni alle ovaie e a giugno 2015 mi hanno tolto completamente le ovaie e chiuso le tube. E arriviamo al dunque. Fatto ciò mi hanno detto che sarei entrata in menopausa chirurgica e che vista la giovane età avrei dovuto prendere il cerotto evra a vita (cerotto che già prendevo come anticoncezionale). Ho fatto le varie visite di controllo ed era tutto a posto e la mia ginecologa mi prescrive il cerotto appunto... ma sia da giugno a settembre senza cerotto, che da settembre a ottobre con cerotto, ho avuto ciclo mestruale. Incredula la mia ginecologa mi ha voluto rivedere e dall'eco è tutto ok. Così per scrupolo mi ha fatto fare dei dosaggi per verificare la menopausa ed è tutto ok... ma io sto avendo ciclo e perdite continue da circa 15 gg. Oggi l'ho chiamata per comunicarlo e lei mi ha proposto 2 iniezioni per indurre menopausa da fare in ospedale o in alternativa di provare a prendere la pillola. Ora vorrei sapere oltre a non poter avere più figli perchè devo sopportare tutto ciò... non riesco nemmeno ad avere rapporti perchè ho sempre perdite e sento dolore. Poi queste iniezioni quanto costano, a cosa vado incontro e fanno effetto subito? Io sono soggetta a prendere peso e ho paura degli effetti collaterali. Mi chiedo anche perchè in casi come il mio, medicine e visite non siano gratuite, sto spendendo un capitale tra cerotti (15 euro a settimana per sempre) e visite ed esami. La ringrazio se vorrà darmi un suo parere al più presto...

Transfert di tre morule. Che possibilità ci sono che attecchiscano?

Salve dottore, vorrei farle una domanda che mi assilla da giorni, allora il 14 ottobre ho fatto il pickup dove mi sono stati prelevati 6 ovociti di cui 4 maturi, dopo esser stata dimessa mi dice il medico di tornare il 16 per il transfert, ma dopo un’ora viene il biologo dove dice che ne sono rimasti 3 e che visto che andavano benissimo il transfert lo faceva il 19, ossia in 5° giornata. Ritorno il 19 vado in sala e facendo il transfert mi dice che ne ha messe 3, una morula da 8 cellule e 2 da 16. Cosa vuol dire che si erano bloccate? Quindi ho poca possibilità che attecchiscano? Provengo già da 2 stimolazioni con iperstimolo senza mai arrivare al pickup. Ad aprile fino a settembre sono stata in menopausa farmacologica... mi aiuti, sto impazzendo, sono alla 7 pt. Grazie in anticipo

Fertilità: forse non ovulo?

Gent.mi dr, sono una donna di 36 anni appena compiuti e 6 anni fa ho avuto un tumore al seno ormono-dipendente trattato con chirurgia/mastectomia chemioterapia anticorpi monoclonali decapeptil e tamoxifene. Un anno fa ho terminato la terapia ormonale ed il ciclo mi è tornato dopo 4 mesi ad ottobre. A gennaio ho valutato amh fsh ed estradiolo con i seguenti risultati amh=2 in un range da 0,14 a 5 fsh= 5 estradiolo =88. Ho rivalutato a Maggio fsh ed estradiolo fsh sempre=5 estradiolo=25 dunque mi sono preoccupata ed a giugno ho rifatto fsh =5 estradiolo=10 lh 1.6. Peggio che andar di notte. Potrebbero essere così bassi i valori perché il mio ciclo è di 35 giorni dunque al 3 giorno di ciclo sono livelli bassissimi per me? Oppure non ovulo affatto? Al contempo però a Maggio per intenderci quando avevo già dosato a terzo giorno l’estradiolo = 25, la mia gine da una eco effettuata poi 3 giorni prima del ciclo vedeva una piccola ferita come da scoppio follicolo. Adesso però siamo addirittura a 10 estradiolo (il minimo è 20) e 1.6 lh sempre al di sotto del minimo, ma con un fsh ottimo pari a 5 ed un amh dosato a gennaio pari 2 (minimo 0.14). Potrei essere in perimenopausa? Oppure semplicemente avendo un ciclo di 35 il terzo giorno del ciclo per me non e' adatto a dosare estradiolo ed lh? Oppure semplicemente le mie ovaie si stanno risvegliando dopo le cure prova ne è amh pari a 2 ed il ciclo mestruale? Mi sono anche accorta che ho del muco filante a chiara d'uovo in modo alternato prima appare poi scompare per circa 10 giorni. Con questi valori potrei restare cmq incinta naturalmente? Se no cosa potrei fare? Io ho iniziato ad assumere al mattino inofolic e la sera inofolic plus ! Mi preme sottolineare che il mio oncologo dello ieo è favorevole alla gravidanza ed anche ad eventuali stimolazioni x fecondazione assistita. Come ultima domanda mi chiedo se in seguito ad eco per verificare l ovulazione dovessi scoprire che non avviene cosa potrei suggerire di valutare alla mia ginecologa per aiutare le mie ovaie ad ovulare prima di passare ad una fecondazione? GRAZIE, scusate, so che le domande sono tante, sono stata un po' prolissa, ma sono nel pallone.

Gravidanza o menopausa?

Buongiorno dottoressa, io e mia moglie abbiamo avuto recentemente rapporti non protetti, ora si è verificato un ritardo del ciclo mestruale di circa 10 gg, è possibile che sia incinta? Mia moglie ha 52 anni e 3 mesi. Grazie per la risposta

Non rimango incinta!

Salve, ho un problema non riesco a rimanere incinta. Da dicembre, dopo una menopausa da stress, con una cura il ciclo è tornato, ma non rimango incinta. Faccio anche i test di ovulazione, ma ancora niente!!! Aiutatemi, grazie

Medico Risponde - Ginecologo

Infertilità/Fivet

Buongiorno Dottore, 35 anni io, 47 il mio compagno. Da più di 3 anni cerchiamo un figlio senza nessuna gravidanza. Siamo di ci rivolgiamo a un centro PMA. Il 2 febbraio ho eseguito una Fivet purtroppo andata male. Il mio compagno ha un varicocele di II grado ma gli hanno quasi sempre sconsigliato un'operazione, a me risulta una tuba chiusa e dagli esami il livello ormonale FSH è risultato alto, tant'è che mi hanno detto che è sintomo di una riduzione ovarica, che può voler dire addirittura menopausa precoce nonostante abbia cicli regolari da sempre. Non ho mai avuto problemi mestruali o ormonali, ho usato la pillola per un brevissimo periodo ma circa 10 anni fa. Ritornando alla Fivet, hanno prelevato 6 ovuli (mi chiedo se è un numero buono oppure no anche dopo la stimolazione), 5 fecondati, 2 impiantati. Mi hanno chiamato dopo 2 giorni che i 3 non si erano sviluppati per il congelamento. Non ho avuto nessun tipo di spiegazione, nemmeno sulla qualità degli spermatozoi o degli ovociti. Mi è stata rilasciata solo una scheda dove gli ovuli trasferiti risultano di 8 cellule ciascuno e uno 5% frammentazione e l'altro il 15. Cosa significa? E quali possono essere le cause della non riuscita crioconservazione? Più un discorso di qualità di sperma o di ovuli? Grazie mille,

risponde

Medico Risponde - Genetista

Sindrome di Turner: la nostra bimba potrebbe avere problemi?

Gent.mi, a seguito di amniocentesi è stato riscontrato un cariotipo fetale 45,X0(3)/46,XX(22). Il referto, perciò, evidenzia una monosomia a mosaico del cromosoma X con percentuale del 12% sulle cellule prese in esame (ovvero 3 cellule su 25 presentano l'anomalia). Premesso che abbiamo già deciso di non interrompere la gravidanza, ci sembra di aver capito che un mosaicismo di questo tipo dia luogo a Sindrome di Turner e che i segni clinici e eventuali anomalie fisiche siano strettamente correlate alla percentuale di mosaicismo stesso. Ci sembra anche di aver capito che la percentuale del 12%, derivante da cellule di sfaldamento cutaneo, possa essere più o meno alta nel resto della bambina. Il nostro genetista, pur precisando di non poter esprimere un quadro preciso e inequivocabile, in questo momento, sostiene che una percentuale di mosaicismo del 12% non sia preoccupante e che, in ogni caso, per la sua esperienza, casi del genere possano eventualmente dare luogo, durante la crescita della bambina, a bassa statura (contrastabile con ormone della crescita) e amenorrea o menopausa precoce, unitamente alla possibilità di sterilità. A parte questo, che comunque non sarebbe un problema insormontabile, visto che può interessare anche persone del tutto e per tutto normali sotto ogni altro aspetto, la nostra preoccupazione è legata invece alla manifestazione di altre anomalie legate alla Turner, come il linfedema, il pterigium, il torace a scudo, ecc. o, ancor peggio, le anomalie a carico degli organi interni (cuore e reni in particolare). Le domande sono le seguenti: una percentuale di mosaicismo del 12% è effettivamente foriera, statisticamente, di questi segni? Con che base di probabilità potrebbe invece non manifestare alcun segno? Ci sono delle anomalie che, a prescindere dalla percentuale di mosaicismo, si presenteranno comunque? Si tratta d un fenomeno comunque più diffuso di quel che si pensi e, come ci è stato detto, spesso riscontrato in età adulta (a seguito di menopausa precoce) su donne che hanno sempre avuto una vita normalissima? Vi ringraziamo in anticipo e porgiamo cordiali saluti.