featured image

Con lo spuntare del primo dentino… spuntano i primi dolori!

Lo spuntare del primo dentino è un evento indimenticabile ed emozionante: mamma e papà vedranno formarsi un leggero rigonfiamento sulla gengiva del loro piccolo fino a quando finalmente si affaccerà il biancore del primo dentino.

Tuttavia non tutti sanno che i dentini cominciano a formarsi quando il bambino è ancora nella pancia della mamma, verso il secondo-terzo mese di gravidanza. Succede, quindi, che ogni neonato, sin dal primo istante di vita, abbia già le gemme di quelli che saranno i futuri dentini. Per poterli vedere spuntare, tuttavia, bisogna, in genere, aspettare diversi mesi.

I primi dentini compaiono, nella maggior parte dei casi, tra il sesto e l’ottavo mese di vita del bambino. Ma questa non è una regola ferrea. Succede spesso che il primo dentino compaia in un intervallo temporale molto più ampio. Sarà così possibile vedere bambini di 4 mesi con già qualche dentino, mentre per altri potrebbe essere necessario attendere fino al 17° mese per osservare la “sospirata” comparsa. In entrambi i casi si tratta di fenomeni normali, che andranno a completarsi intorno ai due anni e mezzo di età.

La comparsa dei dentini è dunque parte della crescita e, in genere, non rappresenta un problema per il lattante. Alcuni sintomi, però, possono essere messi direttamente in relazione con lo spuntare dei dentini. Per esempio una abbondante salivazione, la voglia di mordicchiare tutto quello che capita sotto mano, il rigonfiamento delle gengive, una certa irrequietezza notturna.

In genere non c’è una vera e propria sintomatologia dolorosa, ma vi può essere una sensazione di “fastidio” di grado variabile che può disturbare il lattante. Il piccolo manifesta sempre più il desiderio di mordere e prova conforto nel mordicchiare massaggiagengive, possibilmente raffreddati in frigo, che alleviano il dolore alle gengive. Ma non solo: pediatri ed igienisti dentali raccomandano un’attenzione costante verso l’igiene orale.

I genitori possono ricorrere allora a gel specifici applicati con massaggiagengive da dito che, oltre ad igienizzare il cavo orale, hanno un effetto lenitivo sulle gengive arrossate. I cosiddetti dentini da latte, definiti tecnicamente come dentatura decidua, assolvono una funzione importante perché preparano lo spazio alla dentatura permanente, che, se ben formata, consente al bambino una corretta masticazione e deglutizione (soprattutto adesso che la sua alimentazione si arricchisce di cibi semisolidi e poi solidi) ed è propedeutica al linguaggio.

Con il passare dei mesi il bambino ha ancora bisogno di mordicchiare e, allo stesso tempo, cerca sempre più stimoli dall’ambiente che lo circonda. Pertanto un massaggiagengive che fornisca anche un’interazione tattile e sonora lo divertirà, distraendolo dal fastidio dello spuntare dei dentini.

condivisioni & piace a mamme