Sei giunta alla

6ª settimana

Durante la sesta settimana di gravidanza la lunghezza dell’embrione oscilla fra i 4 e i 6 mm. Il battito cardiaco è regolare, comincia a formarsi la placenta e prendono forma man mano gli organi interni e gli arti inferiori. Aumenta la produzione di ormoni come pure le nausee.

immagine settimana 06
immagine settimana 06

La futura mamma ha da poco scoperto di aspettare un figlio e le trasformazioni all’interno del suo corpo procedono velocemente. Anche il bambino che verrà sta crescendo in fretta e mostra già le prime caratteristiche di quello che sarà il suo corpicino.

Sesta settimana di gravidanza: la mamma

Con l’ingresso nella sesta settimana di gravidanza aumenta la produzione di ormoni, come pure potrebbe aumentare la nausea: si definisce per convenzione “mattutina” ma può manifestarsi in ogni momento della giornata. Tra i sintomi che si riscontrano in questi giorni si può trovare un leggero formicolio al seno, che diventa più gonfio. L’areola, cioè la parte più scura che circonda il capezzolo, può diventare ancora più scura. Le gambe sono più pesanti e aumenta il senso di stanchezza.

A partire da questo periodo è meglio evitare di pulire la lettiera del gatto o comunque di servirsi dei guanti per non rischiare l’infezione da toxoplasmosi. Qualora fosse contratta durante la gravidanza potrebbe essere pericolosa per lo sviluppo del bambino che potrebbe provocare danni neurologici e cecità. Per evitare di entrare in contatto con il virus è consigliabile non accarezzare i gatti randagi ed evitare i contatti con il terreno, lavare con attenzione frutta e verdure ed evitare di mangiare carne cruda o poco cotta.

Sesta settimana di gravidanza: il bambino

Durante la sesta settimana di gravidanza l’embrione misura tra i 4 e i 6 millimetri. In questo periodo cominciano a formarsi la laringe e l’interno dell’orecchio, come pure gli arti inferiori e superiori, che potranno già cominciare a vedersi con un’ecografia transvaginale. Si sta poi chiudendo il tubo neurale, da cui avrà origine il sistema nervoso del bambino.

Il cuore batte con regolarità, anche se ancora non si sente, e la circolazione sanguigna è già attiva. Sono in formazione anche gli organi interni, come fegato, pancreas, stomaco e polmoni.

Sesta settimana di gravidanza: gli esami da fare

Durante la sesta settimana di gravidanza generalmente si effettua la prima visita dal proprio ginecologo, prenotata nei giorni precedenti. In questa sede il medico effettuerà un’ecografia pelvica e prescriverà gli esami più appropriati per accertare lo stato di salute della futura mamma e del suo bambino, su tutti l’emocromoil test dell’Hiv e quello della clamidia, il Toxotest e il Rubeo test.

Nell’elenco possono rientrare anche l’esame per rilevare anemia falciforme e talassemia.

Sesta settimana di gravidanza: le cose da sapere

Le prime settimane di gestazione sono le più delicate, per questo alla futura mamma si consiglia di evitare attività potenzialmente a rischio come gli sport estremi, proseguendo invece in una moderata attività fisica.

Per contrastare le nausee, che possono continuare fino alla 14esima settimana di gestazione, si possono sperimentare alcuni accorgimenti, come mangiare cibi secchi e non unti e distribuire gli spuntini in diversi momenti della giornata. Anche evitare alimenti eccessivamente pesanti e grassi può aiutare a limitare i fastidi. Per alleviare i dolori al seno si può ricorrere invece a un reggiseno contenitivo o sportivo.

Anche in questo periodo è poi importante il supporto del proprio compagno, dal momento che la sensazione di fatica aumenta e gli sbalzi ormonali possono avere conseguenze che si riflettono anche sull’umore.