Sei giunta alla

7ª settimana

I sintomi di gravidanza sono ormai evidenti, l’utero della donna aumenta di volume, l’embrione misura circa un centimetro e si può effettuare la prima ecografia.

immagine settimana 07
immagine settimana 07

Gli abiti si restringono, il reggiseno sembra più piccolo e le nausee si manifestano anche più volte nell’arco della stessa giornata: durante la settima settimana di gestazione la futura mamma avverte piuttosto chiaramente i sintomi della gravidanza in corso.

Settima settimana di gravidanza: la mamma

Nel corso della settima settimana di gravidanza l’ormone Beta hCG viene prodotto in quantità elevate, e le conseguenze possono ripercuotersi sull’umore e sul fisico: rimane la sensazione di stanchezza e di pesantezza alle gambe, continuano a farsi sentire le nausee e aumentare potrebbe insorgere anche l’insonnia.

In questo momento anche il corpo continua a mostrare i primi segni di cambiamento: l’areola del seno si ingrandisce e diventa più scura, e possono verificarsi perdite vaginali: se non sono di colore bianco, o se la loro quantità è abbondante, è consigliabile rivolgersi a un medico.

Settima settimana di gravidanza: il bambino

Nel corso della settima settimana di gravidanza l’embrione ha raggiunto un centimetro di lunghezza o quasi: oltre alle braccia e alle gambe sta sviluppando un abbozzo delle gengive ed è in via di formazione l’apparato genitale, anche se non è ancora possibile distinguerne il sesso.

È ormai in pieno svolgimento poi lo sviluppo degli organi interni: pancreas, reni, occhi e gemme dei denti stanno comparendo pian piano. Con un’ecografia si evidenzierà l’embrione, di cui si potrà riconoscere il battito cardiaco. In queste prime settimane di gestazione l’ecografia sarà di tipo transvaginale, poiché quella addominale non sarebbe ancora sufficientemente precisa.

Settima settimana di gravidanza: gli esami da fare

Con la settima settimana di gravidanza arriva quindi, solitamente, anche la prima visita dal ginecologo, se non è stata ancora effettuata. Il medico in questa sede cercherà di raccogliere tutte le informazioni necessarie per costruire il quadro clinico della futura mamma.

Il ginecologo chiederà informazioni riguardo la storia clinica della sua famiglia e di quella del futuro papà, come pure la presenza di particolari patologie e di fattori di rischio per l’andamento della gravidanza (come ipertensione e diabete).

La prima visita ginecologica, che si effettua tra la sesta e l’ottava settimana di gravidanza, è anche quella in cui ci si sottopone alla prima ecografia per accertare la presenza della gravidanza ed escludere eventuali gravidanze extrauterine. In base all’anamnesi della paziente il medico potrà prescrivere ulteriori accertamenti, oppure predisporre gli esami di routine previsti in questa fase della gestazione: esami del sangue e delle urine, immunità ad alcune patologie come rosolia, toxoplasmosi e citomegalovirus.

L’obiettivo della prima visita ginecologica è quindi confermare la gravidanza e l’annidamento dell’embrione all’interno dell’utero, oltre ad escludere la presenza di patologie che, se trasmesse al nascituro, potrebbero metterne a rischio lo sviluppo o la salute.

Settima settimana di gravidanza: le cose da sapere

In questo periodo le nausee mattutine (sono chiamate così, ma possono arrivare in ogni momento della giornata e più volte al giorno) possono essere davvero fastidiose: per limitarne l’intensità si consigliano piccoli spuntini in diversi momenti della giornata, preferibilmente a base di alimenti secchi e non grassi.

Per quanto riguarda la dieta alimentare da prediligere durante la gravidanza si raccomanda un buon consumo di frutta e verdura fresche e ben lavate, e di limitare ad esempio il consumo di carne rossa, bibite zuccherine e burro. Anche in queste settimane è poi bene continuare ad assumere acido folico, che aiuta la mamma e il suo bambino.

A cambiare in questo periodo può essere anche un altro tipo di appetito, quello sessuale, potrebbe andare incontro ad alcuni cambiamenti e diminuire di colpo, per poi ritornare più avanti. Anche in questo caso è importante parlare con il proprio compagno ed esprimere le proprie emozioni per affrontare i cambiamenti in atto e quelli che arriveranno nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.