Pillola o Cerotto Contraccettivo? - Gravidanzaonline.it

Il cerotto anticoncezionale agisce esattamente come la pillola, ma è molto più conveniente: è più semplice da utilizzare, e per questo risulta anche più sicura. La conferma dell’efficacia di questo nuovo metodo arriva dagli Stati Uniti, dove il dottor George Creasy del Johnson Pharmaceutical Research Institute di Raritan (New Jersey) lo ha sperimentato su 610 donne, comparandolo appunto con la famigerata pillola, deducendone che il cerotto o “patch” ha la stessa efficacia della pillola anticoncezionale, ovvero, evita le gravidanze nel 99% dei casi.

Il cerotto si chiama Ortho Evra e misura 20 centimetri quadrati. Al contrario della pillola, ovviamente, non deve essere ingerito: il rilascio degli ormoni avviene attraverso la pelle, arrivando direttamente nel sangue senza passare dall’apparato digerente. In questo modo, sia il quantitativo di sostanze attive sia possibili effetti collaterali indesiderati vengono ridotti. Il patch ha alcune controindicazioni: non va usato, per esempio dalle donne dal peso superiore agli 88 chili perché gli ormoni contenuti nel cerotto non sono sufficienti a bloccare la gravidanza. Va cambiato una volta ogni sette giorni, per tre settimane consecutive seguite da una di riposo. Può essere applicato sulla parte bassa dell’addome, su una natica, oppure sul braccio, ed è il primo cerotto anticoncezionale ad aver ricevuto l’approvazione della Food and Drug Administration, l’ente americano che controlla i farmaci e i prodotti sanitari.

Nella nostra sperimentazione, il cerotto ha mostrato di avere le stesse proprietà farmaceutiche della pillola, e in più è stato giudicato molto semplice da usare – dice l’artefice dello studio – Infatti, il 90 per cento delle donne lo ha utilizzato correttamente per tutta la durata del test, cioè quattro cicli mestruali, contro l’80 per cento di “regolarità” che abbiamo verificato tra le donne che nello stesso periodo hanno fatto uso della pillola“. Secondo lo scienziato, quindi, l’utilizzo del cerotto potrebbe ridurre i casi di “fallimento” della pillola. “Basta dimenticarsi di prenderla per un paio di giorni, e l’effetto anticoncezionale viene vanificato. E secondo i nostri calcoli, questo problema riguarda l’8 per cento delle donne che usano la pillola“.

Negli Stati Uniti l’anticoncezionale transdermico sarà messo in vendita dal 2003, al costo di circa 80 dollari a confezione. Nelle farmacie europee potrebbe arrivare entro l’estate, dopo essere stato sottoposto agli stessi test effettuati in America, se la Commissione europea emetterà la licenza.

Articolo originale pubblicato il 21 novembre 2001

Categorie

  • Contraccezione