Vasino bimbi: quando si inizia a usare e come si sceglie - GravidanzaOnLine

Vasino bimbi: quando si inizia a usare e come si sceglie

L'abbandono del pannolino a favore del vasino è un momento importante della crescita del bambino: vediamo quando e come avviene questo passaggio e quali sono i vasini in commercio.

Abbandonare il pannolino e iniziare a usare il vasino per i bimbi è un momento importante e delicato: i genitori devono essere pronti e pazienti nell’accompagnare i figli in questa fase di passaggio.

L’iniziazione deve avvenire sempre in modo graduale e senza pressione, con pazienza e rispetto dei tempi del bambino. Solitamente avviene intorno ai 3 anni, ma per alcuni il processo non è così immediato, ma più traumatico. Si oppongono fermamente a volte per semplice pigrizia, oppure perché caratterialmente più testardi. In questi casi è bene capire innanzitutto le cause alla base del comportamento, sospendere per un breve periodo l’educazione al vasino e poi riprovare. Se il problema persiste dopo i 4 anni si può chiedere il parere di un pediatra e di uno specialista.

Alcune mamma preferiscono passare direttamente dal pannolino al riduttore per il wc (come suggerisce il termine, una volta poggiato sul wc ne riduce l’apertura, adattandola alle dimensioni del  bambino), senza passare per il vasino. In alcuni casi questa ‘strategia’ può andare bene, per esempio per i secondi figli, che tendono a voler imitare i fratelli più grandi e a voler usare il bagno come loro. Altre mamme, invece, usano il riduttore solo una volta archiviato il vasino, prima di passare al wc.

Quando cominciare a usare il vasino per bimbi?

Intorno ai due anni e mezzo il bambino comincia a capire il significato di “cacca” e “pipì” e riesce a comunicare quando ha le sue necessità. A quell’età può cominciare a fare a meno del pannolino ed è consigliabile abituarlo al vasino, soprattutto in vista della scuola materna. Lui stesso lancia dei segnali: osserva i genitori andare in bagno, li imita, chiede di usare il wc, si toglie da solo il pannolino oppure lo lascia asciutto tra un cambio e l’altro. Infatti la capacità della vescica aumenta in modo significativo intorno ai tre anni e quello è un primo indizio ‘fisico’ che il bambino è pronto. Ma non basta: i tempi ‘psicologici’ sono molto soggettivi da bimbo a bimbo.

Nel libro della super tata inglese Kathryn Mewes tradotto in italiano con Bastano tre giorni (Vallardi), la tata ha messo a punto un piano di soli tre giorni, secondo lei infallibile, per insegnare al bambino l’uso del vasino e risolvere, in appena 72 ore, questo e altri problemi.

Come usare il vasino bimbi

Sia per i maschi che per le femmine una leva importante è quella dell’imitazione: fatevi accompagnare in bagno e spiegate loro quello che fate, fino al momento del lavaggio delle mani. Poi spiegategli che lui potrà fare lo stesso col vasino che acquisterete e che troverà in bagno. Intorno si possono sistemare libri o piccoli giocattoli, così da distrarlo e renderlo più sereno. Il bimbo deve sentirsi a proprio agio e coinvolto, così da acquisire la sua autonomia e integrare il vasino nella sua routine.

Durante la notte e durante i sonnellini pomeridiani è preferibile continuare a tenere il pannolino all’inizio, dunque toglierlo soltanto durante il giorno. Prima di toglierlo del tutto, infatti, è meglio assicurarsi che il bambino lo lasci effettivamente asciutto. Ci si può aiutare sistemando un telo impermeabile per proteggere il materasso. Da parte del genitore deve esserci molta pazienza: una volta tolto il pannolino è possibile che il bambino si bagni e in tal caso non va rimproverato.

Riassumendo, i consigli per le mamme sono:

  • non avere eccessive aspettative e non precorrere i tempi;
  • creare una routine del vasino per abituare il piccolo;
  • gratificarlo quando usa il vasino.

Come scegliere il vasino

Oltre alla leva dell’imitazione, un’altra leva molto importante su cui puntare per avvicinare il bambino all’uso del vasino è senz’altro la curiosità. Per stimolare l’interesse verso l’oggetto è consigliabile sceglierlo insieme, del colore che lui preferisce o magari un vasino dalla forma simpatica. In questo modo lo percepirà come un giocattolo, ma starà poi al genitori insegnargli la sua utilità e la sua importanza, per passare alla fase successiva senza traumi.

Vediamo insieme alcuni modelli tra i migliori sul mercato.

1. Vasino Del Ranocchio - Fisher Price

vasino

Simpatico vasino a forma di ranocchio: seduta stabile e confortevole con vaschetta removibile e pratica maniglia per il trasporto: si può acquistare qui.

2. Vasino - Homcom

vasino

Vasino a forma di elefante, con coperchio per smaltimento igienico, schienale alto per evitare cadute; ideale per bambini tra i 6 e i 36 mesi: per acquistarlo cliccate qui.

3. Vasino Macchinina - Safety First

vasino

Il Vasino Macchinina di Safety First è realizzato in plastica ed è dotato di seduta amovibile che ne facilita la pulizia.

4. Vasino Pieghevole da Viaggio Roady - OkBaby

vasino

Grazie alle gambe pieghevoli, al sistema collassabile del contenitore e alle dimensioni ridotte, Roady occupa pochissimo spazio in borsa o in valigia. Inoltre si trasforma con due semplici mosse in riduttore per WC. Disponibile in tanti diversi colori: potete sceglierlo cliccando qui.

 

5. Vasino dell'Ochetta 3 in 1 - Fisher Price

vasino

Chiudendo il coperchio si trasforma in sgabello e può essere usato anche come riduttore, perché la tavoletta si può rimuovere e sistemare sul WC: lo trovate cliccando qui.

6. Vasino per bimbi - Ramny

vasino

Vasino per bambini con sedile imbottito morbido, schienale alto, antiscivolo a facile da pulire: si può acquistare qui.

7. Vasino Paperotto - Chicco

Vasini con contenitore rimovibile, caratterizzato da una comoda seduta anatomica, paraspruzzi anteriore e superficie liscia facile da pulire. Leggero e comodo da trasportare grazie alla pratica maniglia: lo trovate qui.

Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...
  • Consigliati da noi

Categorie