Anello Anticoncezionale: NuvaRing

Anello Anticoncezionale: NuvaRing

NuvaRing: generalità sull’anello anticoncezionale

Il NuvaRing è un contraccettivo ormonale a rilascio vaginale. È un anello trasparente, incolore o quasi con un diametro di 54 mm e un diametro della sezione trasversale di 4 mm.

nuvaring

Ogni anello di NuvaRing contiene una piccola quantità di due ormoni sessuali femminili: 11.7 mg di etonogestrel (progestinico) e 2.7 mg di etinilestradiolo (estrogeno). NuvaRing rilascia lentamente questi ormoni (0.120 mg di etonogestrel e 0.015 mg di etinilestradiolo) nel circolo sanguigno. Poiché le quantità rilasciate giornalmente sono basse, Nuvaring viene considerato un contraccettivo ormonale a basso dosaggio. Dal momento che NuvaRing rilascia due diversi tipi di ormoni, è un contraccettivo di tipo cosiddetto combinato.

Come funziona il NuvaRing

NuvaRing funziona proprio come una pillola contraccettiva combinata. Rilascia due ormoni sessuali femminili che prevengono il rilascio di una cellula uovo dalla ovaie. Se non vi è rilascio di cellule uovo, non è possibile rimanere incinta.

Cosa sapere prima di usare NuvaRing

Quando NuvaRing non deve essere usato

NuvaRing non deve essere usato in presenza di una qualunque delle condizioni di seguito riportate:

  • disturbi, presenti o pregressi, dei vasi sanguigni. Ciò si applica, in particolare, a condizioni correlate a trombosi. La trombosi è la formazione di un coagulo di sangue che può verificarsi nei vasi sanguigni delle gambe (trombosi venosa profonda), dei polmoni (embolia polmonare), del cuore (attacco cardiaco), del cervello (ictus) o di altra parte del corpo;
  • condizioni, presenti o pregresse, che possono rappresentare un primo segno di attacco cardiaco (come l’angina pectoris che si manifesta con un grave dolore al petto) o di ictus (come un attacco ischemico transitorio, un ictus reversibile limitato);
  • disturbi, congeniti o acquisiti, della circolazione sanguigna;
  • diabete mellito con compromissione dei vasi sanguigni;
  • ittero (ingiallimento della cute) o grave malattia epatica, presente o pregressa (fino a quando la funzionalità epatica non si sia normalizzata);
  • tumore del seno o degli organi genitali, presente o pregresso;
  • tumore epatico benigno o maligno, presente o pregresso;
  • emorragia vaginale di origine sconosciuta;
  • allergia a uno qualunque dei componenti di NuvaRing.

Se una qualunque di queste condizioni compare per la prima volta durante l’uso di NuvaRing, sospendere immediatamente l’uso e consultare il medico. Nel frattempo usare metodi contraccettivi non ormonali.

=> Metodi contraccettivi

Quando è necessario avere particolarmente attenzione nell’uso di NuvaRing

Di seguito sono descritte alcune situazioni nelle quali è necessario interrompere l’uso di NuvaRing o può verificarsi una riduzione della efficacia di NuvaRing.

In tali situazioni non si devono avere rapporti sessuali o si devono adottare precauzioni contraccettive aggiuntive non ormonali quali l’uso del profilattico o di altro metodo di barriera. Non usare i metodi del ritmo e della temperatura basale, che possono risultare inaffidabili, poiché NuvaRing altera le normali variazioni della temperatura e del muco cervicale che si verificano durante il ciclo mestruale.

NuvaRing, così come altri contraccettivi ormonali, non protegge nei confronti dell’infezione da HIV (AIDS) o di qualunque altra malattia a trasmissione sessuale.

Prima di iniziare ad usare Nuvaring

In alcune condizioni, l’uso di contraccettivi ormonali di tipo combinato NuvaRing può richiedere una stretta sorveglianza da parte del medico. È perciò necessario avvertire il medico dell’eventuale presenza di una qualunque delle seguenti condizioni prima di iniziare ad usare NuvaRing. Anche durante l’uso di NuvaRing, se qualcuna delle seguenti condizioni dovesse svilupparsi o peggiorare, è necessario consultare il proprio medico, il quale può spiegarvi la natura del rischio.

  • Fumo. Quando si usa un contraccettivo ormonale, come NuvaRing dovrebbe smettere di fumare, specialmente se si ha più di 35 anni. Il rischio di avere un attacco di cuore o un ictus aumenta con l’età e anche con il numero di sigarette fumate. Quando si usa un contraccettivo ormonale, questo rischio può essere leggermente più alto;
  • allattamento al seno. L’uso di un contraccettivo ormonale contenente un estrogeno non è generalmente raccomandato fino al termine dell’allattamento;
  • diabete;
  • sovrappeso;
  • ipertensione;
  • disturbi valvolari cardiaci o alcuni disturbi del ritmo cardiaco;
  • infiammazione venosa (flebite superficiale);
  • vene varicose;
  • precedenti, in familiari prossimi, di trombosi, attacco cardiaco o ictus;
  • emicrania;
  • epilessia;
  • livelli elevati di colesterolo o trigliceridi nel sangue, presenti o pregressi in familiari prossimi;
  • tumore mammario, presente o pregresso, in familiari prossimi;
  • malattie epatiche (p.es. ittero, con o senza prurito) o della colecisti (p. es. calcoli);
  • malattia di Crohn o colite ulcerosa (malattia infiammatoria cronica dell’intestino);
  • lupus eritematoso sistemico (SLE; patologia che colpisce il sistema immunitario);
  • sindrome emolitico-uremica (HUS; disturbo della coagulazione del sangue che provoca insufficienza renale);
  • condizione che si è verificata per la prima volta, oppure è peggiorata, durante la gravidanza o durante un precedente utilizzo di ormoni sessuali (p. es. perdita dell’udito, una malattia metabolica chiamata porfiria, una malattia della pelle chiamata herpes gestationis, una malattia neurologica chiamata corea di Sydenham);
  • cloasma, presente o pregresso (chiazze sulla pelle a pigmentazione bruno-giallognola, in particolare sul viso). In tal caso, evitare l’esposizione prolungata al sole o ai raggi ultravioletti;
  • Condizione medica che rende difficile l’uso di NuvaRing come ad esempio, stitichezza, prolasso o dolore durante l’atto sessuale.

Anche se nessuna delle suddette condizioni si applica a voi, è consigliabile vedere regolarmente, per un controllo, il proprio medico, per es. una volta l’anno.

NuvaRing ed Allattamento

NuvaRing non è consigliato durante l’allattamento al seno. Se si desidera usare NuvaRing durante l’allattamento al seno, chiedere il parere del medico.

NuvaRing non deve essere usato in caso di gravidanza accertata o presunta.

Nuvaring ed altri medicinali

Alcuni farmaci possono impedire un’efficace azione di NuvaRing. Questi farmaci possono condurre ad una diminuzione dell’efficacia contraccettiva o provocare sanguinamenti inattesi (spotting o emorragia da rottura). Tra questi vi sono quelli usati per il trattamento dell’epilessia (ad es. primidone, fenitoina, barbrturici, carbamazepina) e tubercolosi (ad es. rifampicina) e probabilmente anche oxcarbazepina, topiramato, felbamato, o dell’infezione da HIV (ritonavir), o altre malattie infettive (griseofulvina) e la medicina a base di erbe contenente la cosiddetta erba di S. Giovanni (Hypericum perforatum).

È stata segnalata una perdita dell’efficacia contraccettiva anche con gli antibiotici (tranne amoxicillina e doxicillina). Le donne in trattamento con ciascuno di questi prodotti medicinali devono temporaneamente utilizzane un metodo di barriera in aggiunta a NuvaRing o scegliere un altro metodo di contraccezione. Con questi farmaci il metodo di barriera deve essere usato per tutto il periodo di somministrazione concomitante del farmaco e per i 28 giorni successivi alla sospensione del farmaco. Se la somministrazione del farmaco concomitante prosegue anche dopo le 3 settimane di ciclo di un anello, l’anello successivo dovrà  essere inserito immediatamente senza osservare il consueto intervallo libero da anello.

Informare sempre il medico che prescrive NuvaRing sui farmaci o prodotti a base di erbe che si stanno già  prendendo, ed informare anche tutti gli altri medici o dentisti (o farmacista dispensato re) che prescrivono altri farmaci del fatto che si sta usando NuvaRing, in modo che possano stabilire se e per quanto tempo sia necessario usare metodi contraccettivi aggiuntivi.

I tamponi assorbenti possono essere usati durante l’uso di NuvaRing. Inserire NuvaRing prima di inserire il tampone. E necessario porre particolare attenzione nella rimozione del tampone per essere sicure che l’anello non venga accidentalmente espulso. Se ciò dovesse verificarsi, lavare semplicemente l’anello in acqua fredda o tiepida e reinserirlo immediatamente. L´uso di prodotti spermicidi o a base di lieviti vaginali non riduce l’efficacia contraccettiva di NuvaRing.

Come usare nuvaring

posizionamento-nuvaring

Inserirete voi stesse NuvaRing nella vagina e voi stesse lo rimuoverete. Il medico vi forniti le istruzioni quando inizierete ad usare NuvaRing per la prima volta. NuvaRing deve essere inserito nel giorno appropriato e lasciato in vagina per 3 settimane consecutive.

Come inserire e rimuovere nuvaring

  1. Lavatevi le mani prima di inserire o rimuovere NuvaRing.
  2. Scegliere la posizione a voi più comoda, ad esempio stando in piedi con una gamba alzata, accovacciata o sdraiata.
  3. Rimuovere NuvaRing dalla sua bustina.
  4. Prendere NuvaRing fra il pollice e l’indice, comprimerlo ed inserirlo delicatamente nella vagina (vedi Figure 1-4) fino a raggiungere una posizioni confortevole. Una volta che NuvaRing è stato inserito non dovreste sentire alcunché. Se si avverte una sensazione fastidiosa, da corpo estraneo, spingere ulteriormente NuvaRing nella vagina in modo delicato. L’esatta posizione dell’anello all’interno della vagina non è importante.
  5. Dopo 3 settimane, lo stesso giorno della settimana in cui era stato inserito rimuovere NuvaRing dalla vagina. NuvaRing può essere rimosso agganciandovi il dito indice sotto oppure afferrandolo fra indice e medio e tirando verso l’esterno (vedi Figura 5).
  6. Il NuvaRing usato deve essere smaltito insieme ai normali rifiuti domestici, preferibilmente all’interno della bustina richiudibile. Non gettare NuvaRing nel water.

nuvaring1

 

nuvaring2

Tre settimane inserito, una settimana senza

  1. Iniziando con il giorno di inserimento, l’anello vaginale deve essere tenuto in vagina senza interruzione per 3 settimane consecutive.
  2. Dopo 3 settimane, rimuovere l’anello lo stesso giorno della settimana in cui è stato inserito, approssimativamente alla stessa ora. Ad esempio, se NuvaRing viene inserito il mercoledì intorno alle ore 22, l’anello deve essere rimosso il mercoledì della terza settimana successiva, all’incirca alle ore 22.
  3. Dopo la rimozione, non usare NuvaRing per 1 settimana. Durante questo intervallo di 1 settimana, dovrebbe manifestarsi un sanguinamento vaginale (la cosiddetta emorragia da sospensione). Di solito essa inizia 2-3 giorni dopo la rimozione di NuvaRing.
  4. Iniziare con un nuovo NuvaRing esattamente dopo l’intervallo di 1 settimana (di nuovo lo stesso giorno della settimana ed approssimativamente alla stessa ora) anche se l’emorragia vaginale non è ancora finita. Se NuvaRing viene inserito con un ritardo superiore alle 3 ore, l’efficacia contraccettiva dell’anello potrebbe essere ridotta.

Quando iniziare con il primo nuvaring

Nessun utilizzo di contraccettivo ormonale nel ciclo precedente

Il primo NuvaRing deve essere inserito il 1 o giorno del proprio ciclo naturale (cioè il primo giorno del ciclo mestruale). Iniziare NuvaRing tra il giorno 2 e il giorno 5 è consentito ma, se si hanno rapporti sessuali nei primi 7 giorni di uso di NuvaRing assicurarsi di utilizzare anche un ulteriore metodo contraccettivo (preservativo). Questo consiglio deve essere seguito solo durante l’uso del primo NuvaRing.

Passaggio da un contraccettivo orale combinato
Iniziate ad utilizzare NuvaRing al più tardi il giorno seguente l’intervallo libero da pillola. Se la vostra confezione contiene anche compresse inattive, iniziate ad usare NuvaRing al più tardi il giorno seguente l’ultima compressa inattiva (se non siete sicure quale sia, consultate il vostro medico o farmacista).

Passaggio da un cerotto transdermico
Iniziate ad usare NuvaRing al più tardi il giorno seguente il solito intervallo libero cerotto.

Passaggio da una pillola a base di solo progestinico (minipillola)
Potete interrompere la mini pillola in qualsiasi giorno ed iniziare a usare NuvaRing il giorno dopo alla stessa ora. Assicuratevi di utilizzare un ulteriore lo contraccettivo (di barriera) nei primi 7 giorni di uso di NuvaRing.

Passaggio da iniezione o impianto
Iniziate ad utilizzare NuvaRing il giorno in cui è prevista la nuova iniezione oppure il giorno della rimozione dell’impianto. Assicuratevi di utilizzare un ulteriore metodo contraccettivo (di barriera) nei primi 7 giorni di uso di NuvaRing.

Dopo un parto
Se avete appena avuto un bambino, il vostro medico vi dirà  di attendere il vostro ciclo naturale prima di iniziare ad usare NuvaRing. In alcuni casi è possibile iniziare prima. Fatevi consigliare dal vostro medico. Consigliatevi con il vostro medico nel caso vogliate utilizzare NuvaRing durante il periodo dell’allattamento.

Dopo aborto naturale o chirurgico
Consigliatevi con il vostro medico

Sovradosaggio

Non sono stati riportati effetti negativi gravi dovuti ad un sovradosaggio degli ormoni di NuvaRing Nel caso abbiate inserito accidentalmente più di un anello, potreste avere nausea, vomito ed emorragia vaginale. Se venite a sapere che un bambino è stato esposto agli ormoni di NuvaRing, consultatevi con il vostro medico

Cosa fare se…

…NuvaRing viene espulso accidentalmente dalla vagina

NuvaRing può accidentalmente fuoriuscire dalla vagina se, per esempio, non è stato inserito correttamente, durante la rimozione di un tampone assorbente, a causa di movimenti intestinali o durante uno sforzo Può anche accadere per esempio, se si soffre di problemi come stitichezza grave o cronica o prolasso. Nel caso in cui l´anello venga espulso, sciacquare in acqua fredda o tiepida (non calda) e reinserire

…NuvaRing rimane temporaneamente fuori della vagina

NuvaRing rilascia lentamente nel corpo ormoni per prevenire la gravidanza. Se NuvaRing rimane al di fuori della vagina per più di 3 ore, questi ormoni non vengono rilasciati per un tempo troppo lungo e l’efficacia contraccettiva può essere ridotta, Pertanto, NuvaRing non può rimanere al di fuori della vagina per più di 3 ore nell’arco di un periodo di 24 ore.

Nel caso in cui l’anello vaginale sia rimasto temporaneamente fuori dalla vagina per un periodo inferiore alle 3 ore, l’efficacia contraccettiva non viene ridotta. Reinserire NuvaRing prima possibile, ma al più tardi entro 3 ore.

Se NuvaRing rimane fuori dalla vagina per un periodo superiore alle 3 ore, durante la 1° e la 2° settimana, la sua efficacia contraccettiva potrebbe essere ridotta. In tal caso reinserire comunque l’anello non appena ci si ricordi di farlo e lasciare NuvaRing in vagina senza interruzione per lo meno 7 giorni. Usare contemporaneamente un ulteriore metodo contraccettivo di barriera (profilattico) durante questi 7 giorni.

Se la fuoriuscita di NuvaRing per un periodo superiore alle 3 ore avviene durante la 3° settimana, l’efficacia contraccettiva può essere ridotta. Gettare quell’anello e scegliere una delle seguenti opzioni:1) Inserire immediatamente un nuovo anello.

Nota: ciò darà  inizio al successivo periodo di impiego di 3 settimane. Il ciclo mestruale può non comparire, ma può verificarsi spotting o emorragia da rottura.2) aspettare di avere prima il proprio ciclo mestruale ed inserire un nuovo anello non oltre 7 giorni dal momento in cui il precedente anello è stato rimosso o espulso.

Nota: questa opzione deve esser scelta solo se NuvaRing è stato usato in modo continuativo nei precedenti 7 giorni.

…si dimentica di inserire un nuovo NuvaRing dopo un periodo libero da anello. L’intervallo libero da anello è di oltre 7 giorni

Inserire un nuovo NuvaRing non appena ci si ricordi di farlo. Usare anche un ulteriore metodo contraccettivo (di barriera) per i successivi 7 giorni. Se si sono avuti rapporti sessuali durante il periodo d’intervallo, deve essere presa in considerazione la possibilità  che si sia instaurata una gravidanza. Parlarne immediatamente col proprio medico. Più l´intervallo è prolungato, maggiore è il rischio di gravidanza.

…si dimentica di rimuovere Nuvaring

Il vostro anello è rimasto inserito per più di tre e non oltre le 4 settimane. L’efficacia contraccettiva non è ridotta. Effettuare il regolare intervallo di una settimana libero da NuvaRing e poi inserire un nuovo NuvaRing.

Il vostro NuvaRing è rimasto inserito per un periodo superiore alle 4 settimane. L’efficacia contraccettiva potrebbe essere ridotta e vi è l’eventualità che si sia instaurata una gravidanza. Contattate il vostro medico prima di inserire un nuovo NuvaRing.

…si ha una mancata comparsa delle mestruazioni

Nuvaring è stato usato così come indicato nelle istruzioni.Se si ha una mancata comparsa delle mestruazioni, ma NuvaRing è stato usato seguendo correttamente le istruzioni e non sono stati presi farmaci, è molto improbabile che si sia instaurata una gravidanza. Continuare l’uso di NuvaRing come d’abitudine. Nel caso in cui le mestruazioni non si presentino per due volte di seguito, è possibile che si sia instaurata una gravidanza. Consultare immediatamente il medico. Non iniziare con un nuovo NuvaRing finché il vostro medico non abbia escluso la gravidanza.

Nuvaring non è stato usato così come raccomandato. Se si ha una mancata comparsa delle mestruazioni e non avete rispettato il regime raccomandato e durante il successivo intervallo libero da NuvaRing non avete avuto il ciclo, si potrebbe essere instaurata una gravidanza. Contattate il vostro medico prima di iniziare ad usare un nuovo NuvaRing.

…si vuole cambiare in modo definitivo il primo giorno del proprio ciclo mestruale

Se usate NuvaRing come indicato, il vostro ciclo si verificherà  ogni 4 settimane più o meno nello stesso giorno. Potete cambiare il giorno di inizio del ciclo abbreviando l´intervallo libero tra due NuvaRing. Pertanto, non iniziare un nuovo anello dopo 7 giorni, ma prima. Per esempio, se il vostro ciclo inizia di solito il venerdì ed in futuro volete che inizi il martedì (3 giorni prima) dovrete inserire il successivo NuvaRing 3 giorni prima del solito. Allora il vostro ciclo successivo inizierà  anche in un altro giorno, in questo caso 3 giorni prima. Se il vostro intervallo libero da Nuvaring è troppo breve (p. es. 3 giorni o meno), potrete non avere nessuna emorragia da sospensione in questo periodo, ma potrete avere emorragia da rottura o spotting durante l´uso del NuvaRing successivo. Il periodo libero da NuvaRing non deve mai essere più lungo di 7 giorni, è possibile solo ridurre il periodo libero da NuvaRing, non allungarlo.

…si vuole ritardare il proprio ciclo mestruale

Per ritardare un ciclo, inserire un nuovo NuvaRing subito dopo aver rimosso quello precedente, senza effettuare alcun intervallo libero da NuvaRing. Il nuovo anello può essere utilizzato per un periodo massimo di 3 settimane. Durante l’uso del nuovo NuvaRing si potrebbe verificare emorragia da rottura o spotting. Rimuovete NuvaRing quando decidete di voler avere il vostro ciclo. Iniziate con un nuovo NuvaRing dopo il solito intervallo di una settimana libero da NuvaRing.

…si ha una emorragia inattesa

Durante l’uso di NuvaRing, alcune donne possono avere una emorragia vaginale inattesa (spotting o emorragia da rottura) fra un ciclo e l’altro. Può essere necessario usare una protezione igienica. In ogni caso, lasciare NuvaRing in vagina e continuare ad utilizzare NuvaRing normalmente. Consultare il medico se l´emorragia persiste, diventa intensa o si ripresenta.

…se l’anello si rompe

Molto raramente NuvaRing può rompersi. Se si nota che NuvaRing si è rotto, eliminare quell’anello e sostituirlo appena possibile e usare precauzioni contraccettive aggiuntive (p. es. preservativo) nei successivi 7 giorni. Se si sono avuti rapporti sessuali prima di aver notato la rottura dell´anello, consultare il proprio medico.

…si vuole interrompere l’uso di NuvaRing

Potete interrompere l’uso di NuvaRing quando volete. Se non desiderate gravidanze, consultate il vostro medico per altri metodi di controllo delle nascite.

Se interrompete l’uso di NuvaRing perché desiderate una gravidanza, si raccomanda generalmente di attendere il primo ciclo naturale prima di provare il concepimento. Ciò vi aiuterà a calcolare la data di nascita prevista.

 

Potrebbe interessarti anche => Pillola contraccettiva: info, domande e risposte