"Influenza: prevenire è proteggere": i consigli per l'inverno 2022-2023 degli esperti SIP

Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, il virus colpisce in media ogni anno il 9% della popolazione, con picchi del 26% tra i bambini fino a 14 anni, e può in alcuni casi portare a complicanze tali da richiedere il ricovero in ospedale. Ecco alcune azioni quotidiane da mettere in atto per l'inverno.

Con l’arrivo dell’autunno si torna a parlare di influenza, ma soprattutto di prevenzione. Per minimizzare la diffusione del virus influenzale nei più piccoli, che fino ai 14 anni sono tra i più colpiti, è stata lanciata la campagna Influenza: prevenire è proteggere, realizzata da La Fabbrica, Gruppo internazionale leader nello sviluppo di percorsi di comunicazione educativa, in collaborazione con la Società Italiana di Pediatria (SIP) e con il contributo incondizionato di AstraZeneca.

Come prevenire i malanni di stagione nei bambini

Con lo scopo di sensibilizzare i genitori dei bambini tra i 4 e i 10 anni, non solo circa il corretto iter di prevenzione attraverso la messa in pratica di adeguati comportamenti igienico-sanitari, ma anche sull’importanza della protezione vaccinale per i più piccoli, la campagna propone alcuni consigli, azioni quotidiane da mettere in atto per l’inverno 2022-2023.

  1. Quando tossisci o starnutisci, copri naso e bocca con le mani o un fazzoletto.
  2. Lava spesso le mani con acqua e sapone.
  3. Evita di toccare occhi, naso e bocca prima di aver lavato bene le mani.
  4. Mangia tanta frutta e verdura di stagione, fai sport e mantieni uno stile di vita sano.
  5. Se sei in un luogo affollato, mantieni il distanziamento o metti la mascherina.
  6. Disinfetta le superfici.

La campagna, inoltre, propone alcuni giochi o attività per rendere la prevenzione più divertente e premiare i comportamenti virtuosi dei bambini:

  1. Per abituare a lavare spesso le mani, la mattina apponi un piccolo timbro di inchiostro lavabile sul dorso. Lavaggio
    dopo lavaggio, vince chi cancella il timbro per primo.
  2. I bambini si scambiano spesso giochi, penne o altri oggetti. Distingui, con delle etichette divertenti e colorate, quelli che possono essere condivisi da quelli a esclusivo uso personale.
  3. Prendendo come punto di partenza i consigli di prima, a fine giornata ripercorrete insieme i comportamenti virtuosi adottati e premiate chi è stato più bravo.
Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie