Ginnastica per bambini: gli esercizi da fare in casa in base all'età

Lo sviluppo psicomotorio è importante per i bambini sin dalla loro tenera età. Ecco alcuni esercizi da fare in casa suddivisi in base all'età evolutiva. I consigli dell'Istituto Superiore della Sanità per i genitori e il benessere dei loro figli ai tempi del Covid-19.

La ginnastica per bambini è un allenamento utile e necessario per un sano sviluppo psicofisico. Nell’ultimo anno, con l’avanzare della pandemia da Covid-19, molte attività ludiche-motorie per bimbi sono state progressivamente chiuse con la conseguenza, nota a tutti, che i bimbi sono stati reclusi in casa privi del divertimento all’aria aperta e del movimento fisico necessario a stimolare il corretto funzionamento motorio.

Quanto è importante che i bambini sin dalla loro tenerissima età si muovano e svolgano degli esercizi ginnici idonei alla loro fascia d’età? Sono concordi tutti, dai pediatri agli psicologi infantili, che la ginnastica per i bambini sia l’unica attività che dovrebbero svolgere in assoluta tranquillità per liberare e accrescere la loro creatività e stimolare la loro infinita immaginazione.

Ma soprattutto, molti genitori si domandano quanta ginnastica i loro bimbi debbano svolgere in una giornata affinché l’esercizio fisico sia salutare. Scopriamolo insieme con gli esercizi da compiere in casa insieme ai propri bambini in base all’età.

Ginnastica per i bambini: perché è salutare farla ogni giorno

L’attività fisica migliora il benessere psicofisico di ogni bambino indipendentemente dalla sua tenera età. Svolgere esercizi ginnici ogni giorno è un aspetto fondamentale in età evolutiva, tanto da essere riconosciuta nella Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e approvata dalle Nazioni Unite come uno dei diritti fondamentali di bambini e ragazzi.

Svolgere attività ginnica regolarmente è importante ai fini del corretto sviluppo psico motorio. Garantisce ai bambini molti benefici che conserveranno anche in età adulta. In modo particolare:

  • mantenimento di un peso corporeo adeguato;
  • corretto sviluppo dell’apparato muscolo-scheletrico;
  • crescita armonica e fluida del corpo;
  • prevenzione di importanti patologie;
  • sviluppo di forza, agilità e resistenza;
  • miglioramento dell’attenzione e della concentrazione.

Di quanta ginnastica hanno bisogno i bambini al giorno?

Nella sezione dedicata agli stili di vita, l’Istituto Superiore di Sanità (ISS), ha pubblicato un contenuto indirizzato proprio ai bambini e all’importanza del movimento giornaliero. In tempi come questo, dove le abitudini sono state stravolte, i genitori non devono arrendersi ma agire e reagire con resilienza e positività.

Quindi, sulle indicazioni fornite dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), scopriamo di quanta ginnastica i bambini hanno necessità di fare in una giornata per sentirsi bene.

Neonati 0-6 mesi: gli esercizi da fare

Nella primissima fascia di età, ovvero quella che va dai 0 mesi ai 6, l’esercizio fisico non è da sottovalutare. Mediamente, nel primo anno di vita un neonato ha bisogno di 30 minuti in totale di esercizio.

Quale esercizio fare? Per esempio, uno degli esercizi idonei vista la tenera età, sarà quello di ballare con il proprio bambino in braccio facendo attenzione a sorreggergli la testa con le mani.

Un altro esercizio da poter far fare al proprio bimbo (consigliato dai 2 mesi in su), è quello di stendere su un letto a pancia in giù il neonato e lasciare che il bebè inizi ad alzare pian piano la schiena. Si tratta di una ginnastica importante perché i neonati che passano molto tempo a pancia in giù imparano prima a girarsi, a strisciare e gattonare. Questo tipo di ginnastica rafforzerà i muscoli del collo, della schiena, ma anche delle braccia e delle gambe.

Tummy time: gli esercizi sul pancino per lo sviluppo motorio del bimbo

Neonati 6-12 mesi: i giochi da fare in casa

In questa fascia d’età è importante favorire il gioco libero su un tappetino morbido per stimolare la motricità e il contatto corporeo con altri oggetti e persone.

Uno dei giochi a scopo ginnico più semplici ma utilissimi per il bebè è mettere loro a disposizione delle fettucce di raso colorate, da poter afferrare, tirare.

Queste fettucce colorate attirano molto i neonati: non solo per il loro colore, ma proprio per la possibilità di essere afferrare e manipolate. Questo tipo di esercizio stimola la coordinazione occhio-mano e la cosiddetta motricità fine.

In questa fascia d’età il bambino inizierà a gattonare e a camminare, dunque è di vitale importanza che il genitore prepari il terreno di gioco per prevenire incidenti: stare in ambienti liberi da intralci e lontani da spigoli, fare indossare calze anti-scivolo e, ovviamente, supervisionare lo svolgimento delle attività motorie.

Ginnastica per i bambini: 12-24 mesi, via libera alla fantasia

Nella fascia d’età che va dal primo anno di vita sino al compimento del secondo anno, i bambini hanno acquisito una maggiore consapevolezza dei propri movimenti, molti di essi già camminano e il gioco, in questa fase, diventa ancor più esplorativo e divertente.

È proprio ora che si sviluppano anche le competenze relative all’attenzione e alla concentrazione. Il bambino può trascorrere molto tempo su un’attività che lo interessa, ma allo stesso tempo, può trovare ancora difficoltà a concentrarsi su altre.

Quindi, quali esercizi proporre al proprio bambino all’interno delle mura domestiche? Scopriamo alcuni di questi consigliati proprio dal Ministero della Salute sul movimento dei bimbi.

  • Imitazione degli animali: incoraggiare il bambino a imitare le movenze del mondo animale; quindi strisciare come un serpente, saltare come una rana, camminare a quattro zampe come il cane o il gatto.
  • Il gioco degli ostacoli: far muovere il bambino a piedi nudi o con l’uso di calze antiscivolo invitandolo a superare alcuni ostacoli, come ad esempio scatole morbide, tappeti morbidi. Questo esercizio è consigliato per i bimbi più grandi (24 mesi).
  • Il gioco dell’equilibrista: far camminare il bambino, un piede dietro l’altro, su delle strisce di nastro adesivo attaccate sul pavimento. Per i più piccoli, l’aiuto di mamma o papà è indispensabile in questo caso. Tale esercizio è utile per raggiungere una buona coordinazione motoria nonché sviluppare l’equilibrio.
  • Il gioco del Bowling: allestire un bowling casalingo con bottiglie in plastica del latte e palline da tennis.
  • Il gioco del salto degli animali: un’ultima idea carina è quella di incollare sul pavimento delle strisce di nastro adesivo a una certa distanza l’una dall’altra e su ogni striscia porre l’immagine di un animale che salta – per esempio la rana, il canguro, ecc. –  il bambino dovrà imitare il tipo di salto per raggiungere la striscia successiva.

Bambini 3-4 anni: la ginnastica ideale da fare in casa

In questa fase d’età i bambini hanno acquisito la motricità necessaria per svolgere le abitudinarie mansioni come vestirsi da soli, parlare con un lessico più complesso e imitare gli adulti e i propri amichetti. Lo sviluppo psicomotorio è eccellente a questa età ed ecco che mai come ora l’attività sportiva e ginnica risulta centrale.

Alcune attività consigliate saranno:

  • Il gioco del salto della corda: con l’uso di un tappeto morbido e una corda si può creare un ostacolo da far saltare ai propri bimbi.
  • Gioco dell’alligatore: spargere sul pavimento alcuni giochi facendo finta che siano barche o isolette. Lo si può fare usando cuscini, animali di peluche, libri, ecc. Quindi, far saltare i bimbi da un oggetto all’altro con l’obiettivo di non cadere “nell’acqua” rischiando di essere mangiati dall’alligatore affamato, impersonato dal genitore.
  • Gioco dello specchio: la mamma o il papà deve porsi di fronte al bambino, a breve distanza, e invitarlo a copiare tutti i suoi movimenti. Allungare le braccia verso il cielo, correre sul posto, imitare un qualsiasi animale. Successivamente invertire i ruoli, quindi sarà il genitore che dovrà imitare i movimenti che il bambino proporrà.
  • Gioco della caccia al tesoro: un evergreen dell’infanzia è proprio la caccia al tesoro in chiave casalinga. Infatti, si dovrà cercare di coprire tutti gli ambienti della casa.

Ricordiamo che, indipendentemente dall’età del bambino, il movimento è indispensabile ogni giorno per il benessere non solo fisico ma, soprattutto psicologico e alcuni esercizi sono adatti a qualsiasi età. Tra questi sottolineiamo:

  • ballare, fare capriole, fare streching;
  • muoversi a tempo di musica per favorire il movimento e la coordinazione;
  • manipolare le paste modellabili per stimolare la creatività, la motricità e gli aspetti sensoriali.
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie