"La PMA aumenta il rischio di preeclampsia?"

Anonimo

chiede:

Buongiorno dottore, è vero che la PMA aumenta il rischio di distacchi del trofoblasto e di preeclampsia? La ringrazio per la risposta.

Salve signora, comincio a rispondere alla sua domanda con un po’ di dati dell’ISS (Istituto Superiore di Sanità), che ci dicono che 3 bambini su 100 nati in Italia nel 2017 sono frutto di una fecondazione assistita: sono in tutto 14 mila, a fronte dei 458 mila nati in Italia.

Sono stati pubblicati numerosi studi in letteratura che hanno valutato il rischio sul versante materno ma anche su quello fetale in termini di anomalie, malformazioni, patologie neonatali. Tali studi concordano col dire che i rischi per la mamma come preeclampisa, diabete e ipertensione sono principalmente legati a fattori di rischio come l’età materna avanzata al momento del concepimento e alla possibile presenza di fattori genetici collegati all’infertilità.

Secondo i dati più recenti, il rischio sul versante fetale e quindi di malformazioni, sebbene di minore entità e non gravi, è lievemente aumentato nei bambini nati da fecondazione assistita rispetto ai nati della popolazione normale.

* Il consulto online è puramente orientativo e non sostituisce in alcun modo il parere del medico curante o dello specialista di riferimento

Fai la tua domanda Tutte le domande
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Specializzazione

  • Ginecologo