Mia, un nome che negli ultimi anni sta prendendo molto piede anche in Italia, non è che una variante angloamericana di Maria, e con questo nome condivide pertanto l’origine, ebraico-aramaica, derivando da Maryâm, ma anche, per altre fonti, siriaco-egiziana o latina.

Esattamente come per Maria, poi, il suo significato è “afflitta e amareggiata” (per la morte di Gesù, ma anche “signora”, “padrona”, “amata” e “cara”.

Può essere ritenuto anche un nome ipocoristico tedesco, scandinavo e olandese dello stesso nome Maria, tipico di diverse lingue germaniche, di cui è anche la forma frisone.

Nel tempo, come detto, il nome ha acquisito ampia popolarità, e se un tempo la più famosa Mia era l’attrice americana Mia Farrow, ex moglie di Woody Allen, oggi anche alcune celebrity italiane lo portano: ci sono, ad esempio, la giornalista e conduttrice televisiva Mia Ceran o la ballerina Mia Molinari, così come è impossibile non ricordare la straordinaria cantante Mia Martini, che aveva scelto proprio questo nome d’arte.

In Italia il nome ha subito un’incredibile impennata negli ultimi vent’anni: pensiamo che nel 1999, secondo i dati Istat, sono state appena sette le neonate chiamate così, mentre un ventennio dopo, nel 2019, il nome è stato scelto per 1634 nuove nate, pari allo 0,87% del totale.

Articolo originale pubblicato il 2 novembre 2021

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie