featured image

Una mamma in forma per un bimbo in forma

Che dieta e peso materno influiscano sul peso alla nascita del bambino è cosa nota ormai da tempo; quello che si comincia a comprendere meglio, ora, è che la dieta materna può influenzare il peso dei bambini non solo alla nascita ma anche sul lungo periodo, e perfino nell’età adulta. L’alimentazione della mamma durante la gravidanza sarebbe dunque in grado di “modellare” il futuro del feto, determinandone anche una maggiore o minore predisposizione al sovrappeso.

Nello specifico, i ricercatori stanno scoprendo che l’alimentazione materna è in grado di influenzare in modo permanente alcune funzioni biologiche e metaboliche dei propri figli, ad esempio, giocando un ruolo importante per il corretto sviluppo della regolazione di fame e sazietà del bambino. Questi effetti sarebbero in grado di influenzare la crescita ed il peso anche nel lungo periodo, cioè dopo lo svezzamento ed in adolescenza, influendo così indirettamente anche il mantenimento di un peso corretto da adulti.

Gli studi sull’uomo sono ancora agli inizi ed occorrerà ancora del tempo per trarre conclusioni definitive; tuttavia, dal momento che una sana alimentazione in gravidanza è comunque auspicabile, sarebbe opportuno che ogni futura mamma adottasse un’alimentazione ricca di grassi polinsaturi (ad esempio omega 3), evitando alimenti eccessivamente salati o troppo dolci, già a partire dal primo trimestre di gravidanza.

L’iperalimentazione materna incide infatti sul peso a lungo termine del nascituro anche in assenza di sovrappeso materno. Questo significa che un’alimentazione non corretta in gravidanza (con apporto calorico troppo elevato, eccesso di grassi saturi e di zuccheri), anche per un periodo limitato, può comunque influenzare la tendenza dei bambini a sviluppare sovrappeso.

Ogni mamma si prende cura del proprio bambino già da quando è in grembo, e curare l’alimentazione con il giusto apporto di nutrienti per quantità e qualità, può rivelarsi una scelta utile non soltanto per la mamma, ma anche per un bambino “in forma”.

È pertanto fondamentale che la mamma si nutra in maniera corretta, fornendo tutti i nutrienti indispensabili per il corretto sviluppo del bambino sia prima che dopo la nascita. Ma se l’apporto dovesse risultare insufficiente, il medico curante potrebbe consigliare l’uso di integratori specifici per la mamma. Gli integratori, infatti, costituiscono una fonte concentrata di nutrienti o sostanze che hanno un effetto sull’organismo e sono studiati per supportare le esigenze nutrizionali. È bene però ricordare che gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano.

condivisioni & piace a mamme