"Ragioni folli per cui i papà perdono la nascita dei figli": il video dell'ostetrica

Forse la quinta scusa è davvero la più "strana": il neo papà "Ha lasciato la sala parto per parlare con un'ex che era nel parcheggio" dell’ospedale.

Anna, un’infermiera americana specializzata in ostetricia ha pubblicato un video diventato virale su TikTok, dove racconta le ragioni più strane e assurde per cui i papà si sono persi la nascita dei figli in sala parto.

“Ho un sacco di queste storie”, ha dichiarato ironica l’infermiera nella clip da 3,8 milioni di visualizzazioni. Poi inizia a elencare i motivi che i neo papà hanno usato per giustificare la loro assenza mentre i figli venivano al mondo. L’elenco, spiega Anna, non è in ordine di importanza, ma è puramente casuale, perché secondo lei, ogni scusa usata “È offensiva”.

“Numero 1: è andato a prendere da mangiare”, e spiega:

Avevo una paziente e pensavo che avrebbe partorito velocemente. Ho detto al papà che avevo questa sensazione, ma lui ha insistito sul fatto che non gli piaceva il cibo dell’ospedale ed è andato a prendere il fast food, perdendo la nascita di suo figlio.

5 consigli importanti per i papà durante travaglio e parto

La seconda scusa riguarda un papà che ha perso le chiamate di sua moglie perché aveva disattivato la suoneria del telefono per “Fare un bel pisolino”. La terza, invece, riguarda un uomo assente per essere andato di nascosto a una riunione del fantacalcio.

La numero quattro Anna la racconta in modo molto ironico, e parla di un altro genitore sparito perché doveva dare da mangiare al gatto, un gatto randagio, aggiunge l’infermiera tra lo scioccato e il divertito.

Ma, molto probabilmente, è la quinta scusa ad aver riscosso più critiche: il papà “Ha lasciato la sala parto per parlare con un’ex che era nel parcheggio” dell’ospedale, ha spiegato Anna aggiungendo che “Non so cosa riguardasse la conversazione, ma abbiamo provato a chiamarlo e non rispondeva”.

Seguici anche su Google News!
Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie