Durante l'allattamento le madri positive producono gli anticorpi contro il Covid-19

Un nuovo studio scientifico mostra come le madri affette da Covid-19 che allattano al seno il bimbo possono produrre anticorpi idonei a neutralizzare il virus.

Una nuova ricerca condotta da un team multi-istituzionale di scienziati guidato dall’Università dell’Idaho ha dichiarato come durante l’allattamento al seno le madri producono anticorpi Covid-19 in grado di neutralizzare il virus.

Da questo studio scientifico si conferma anche un altro fattore molto interessante che riguarda lo sviluppo del rapporto madre-figlio: le madri affette da Covid-19 che allattano non devono essere allontanata dal neonato.

Nell’allattamento le madri affette da Covid-19 producono anticorpi per eliminare il virus

Nella ricerca scientifica viene reso noto che non vi è trasmissione del virus SARS-CoV-2 nel latte materno, ma attraverso l’allattamento al seno vengono trasferiti anticorpi che sono in grado di eliminare il virus.

I ricercatori hanno riferito sulla rivista mBio pubblicata dall’American Society for Microbiology in merito allo studio effettuato:

Presi insieme, i nostri dati non supportano la trasmissione materno-infantile di SARS-CoV-2 attraverso il latte.

Questi risultati supportano le raccomandazioni per continuare l’allattamento al seno durante malattia da Covid-19 da lieve a moderata.

Nello specifico, il team ha analizzato 37 campioni di latte presentati da 18 mamme con diagnosi di Covid-19. Nessuno dei campioni di latte analizzato è risultato contenere il virus, ma quasi due terzi dei campioni contenevano 2 anticorpi specifici per il virus.

La Dott.ssa Michelle Shelley McGuire – ricercatrice nutrizionista specializzata nel latte materno nonché direttrice della scuola universitaria di I’s Margaret Ritchie di famiglia e scienze dei consumatori – e il Dott. Mark A. McGuire – fisiologo dell’allattamento e direttore della Idaho Agricultural Experiment Station – hanno entrambi guidato il lavoro finanziato dalla Bill and Melinda Gates Foundation.

Il gruppo di ricerca comprende anche scienziati della University of Rochester School of Medicine and Dentistry, Brigham and Women’s Hospital e Harvard Medical School. Il team, a oggi, ha analizzato quasi 50 mamme a cui è stata diagnosticata l’infezione da Covid-19 seguendo il decorso della loro malattia per due mesi.

Vaccino Covid-19 in gravidanza e allattamento: che fare? Le risposte del ginecologo

I risultati della ricerca, gli scienziati: “Siamo fiduciosi”

Dall’inizio della ricerca ad oggi sono stati mossi molti passi avanti: da un campione di sole 18 donne, si è arrivati a raggiungere e ad analizzare ben quasi 50 mamme affette da Covid-19 che allattavano.

I risultati, dichiarano i ricercatori, sono imminenti e tutto fa sperare in qualcosa di molto positivo. La Dott.ssa Shelly ha riferito:

Siamo fiduciosi, sosterremo, amplieremo e confermeremo i risultati iniziali.

In passato, prima di questa analisi, i Dott. McGuires avevano pubblicato una revisione correlata di studi scientifici incentrati sul Coronavirus nel latte materno scoprendo che esistono scarse prove sulla loro presenza o assenza.

Quel lavoro precedente aveva trovato solo uno studio che testava il latte materno per il coronavirus SARS dopo che il virus fu rilevato nel 2003. Ecco perché, ha detto la Dott.ssa Shelly:

La scarsità di conoscenze ha stimolato questo sforzo multi-universitario, che sta fornendo indicazioni nazionali e globali relative al Covid-19 e all’allattamento al seno.

Cosa succede se la mamma affetta da Covid-19 viene separata dal bambino? Lo studio

Secondo un recente studio sulle mamme affette da Covid-19, pubblicato sulla rivista Breastfeeding Medicine:

  • 60% delle madri che hanno vissuto la separazione dal proprio bambino ha riferito di sentirsi molto angosciate;
  • 78% ha riferito di un disagio almeno moderato;
  • 29% (quasi 1/3) delle madri separate non sono state in grado di allattare al seno una volta riunite ai loro bambini, nonostante i tentativi.

La Dott.ssa Melissa Bartick –  Mount Auburn Hospital – ha riferito:

La nostra ricerca contribuisce all’evidente emergenza che il contatto pelle a pelle, il rooming a portata di mano e l’allattamento al seno diretto possono essere sicuri per le madri infettate da SARS-CoV-2.

Questo rapporto rafforza la raccomandazione che l’allattamento al seno dovrebbe essere sempre incoraggiato e sostenuto in questa era della pandemia Covid-19 poiché sicuro.

Ti è stato utile?
Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...

Categorie

  • Allattamento